Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La scoperta di piccole ossa e denti rivela l’esistenza di molteplici tipi di dinosauri che vivono e vivono nell’Artico

Questa è una rappresentazione artistica di un tirannosauro con i suoi piccoli. Credito: James Havens

Negli anni ’50, i ricercatori hanno fatto le prime scoperte inaspettate di resti di dinosauri a latitudini polari ghiacciate. Ora, i ricercatori scrivono sulla rivista biologia attuale Il 24 giugno ha rivelato la prima prova convincente che molte specie di dinosauri non solo vivevano in quella che oggi è l’Alaska settentrionale, ma vi nidificavano anche.

“Questi dinosauri sono i più settentrionali conosciuti”, afferma Patrick Druckenmiller del Museo dell’Università dell’Alaska nel nord. “Non solo abbiamo mostrato la presenza di resti perinatali – nell’uovo o solo nella schiusa – di una o due specie, ma abbiamo documentato almeno sette specie di dinosauri che si riproducono nell’Artico”.

Precedenti studi in alcuni altri siti hanno fornito prove allettanti che una o due specie di dinosauri non identificate erano in grado di nidificare vicino o sopra i circoli artici o antartici, dice, ma questo studio è il primo a mostrare prove inequivocabili di nidificazione a latitudini molto elevate . Le condizioni ambientali in questo momento e luogo suggeriscono sfide stagionali estreme, con la temperatura media annuale di circa 6°C (circa 40°F). C’erano anche circa quattro mesi di completa oscurità invernale con condizioni di gelo.

ossa di dinosauro bambino

Questa immagine mostra le ossa e i denti di un dinosauro perinatale della formazione di Prince Creek, nel nord dell’Alaska (un centesimo ha un diametro di 19 mm). Credito: Patrick Druckenmiller

Druckenmiller e il coautore Gregory Erickson della Florida State University hanno un progetto a lungo termine che documenta l’antico ecosistema artico della Prince Creek Formation nel nord dell’Alaska, inclusi dinosauri, mammiferi e altri vertebrati. Vogliono anche sapere come vivevano lì, visto l’ambiente difficile. Anche l’ambiente è un luogo difficile in cui lavorare.

READ  Gli scienziati dicono: quali mostri potrebbero nascondersi lì?

“La stagione dei campi è breve nell’Artico e l’accesso è molto difficile: sono necessari aerei e piccole imbarcazioni”, afferma Druckenmiller. “Per rendere le cose più difficili, l’unico modo per vedere le rocce è sulle ripide scogliere lungo il fiume più grande dell’Alaska settentrionale, Colville. Queste scogliere sono pericolose e soggette a catastrofiche valanghe, rendendo difficile trovare ed estrarre fossili in sicurezza. Pertanto, ci siamo concentrati sulla ricerca di orizzonti discreti di ossa in cui possiamo scavare molte più ossa in modo più efficiente.Nel processo, abbiamo anche scoperto molti nuovi depositi di microfossili che hanno fornito una ricchezza di nuove conoscenze sull’intero ecosistema che viveva nell’Artico più di 70 milioni di anni fa”.

Fiume Colville

Questa immagine mostra il ricercatore Greg Erickson che perfora lungo il fiume Colville, nel nord dell’Alaska. Credito: Patrick Druckenmiller

Nel corso di circa un decennio di duro lavoro, i ricercatori, con l’aiuto di diversi studenti reclutati nel corso degli anni, hanno trovato centinaia di minuscole ossa di dinosauro, inclusi minuscoli denti di individui che erano ancora in un uovo o si erano appena schiusi. I dinosauri polari che hanno scoperto includono erbivori piccoli e grandi tra cui adrosauri (dinosauri dal becco d’anatra), ceratopsiani (dinosauri cornuti e leptoceratopsiani), tesselosauri e carnivori (tirannosauri, trodonti e dromaeosauri).

“Non è passato molto tempo da quando l’idea di trovare dinosauri in aree e ambienti così ad alto rischio è stata una sorpresa”, afferma Druckenmiller. Quindi, la scoperta che la maggior parte, se non tutte, queste specie si riproducono anche nell’Artico è davvero notevole. Ci è sempre stato chiesto: “Hai trovato delle uova?” Quindi abbiamo e rispondiamo ancora “No”. Ma abbiamo qualcosa di molto meglio: i veri piccoli dinosauri stessi”.

READ  Morta a 56 anni la dottoressa Barbara Murphy, esperta di trapianti di rene

I risultati si aggiungono alla prova che i dinosauri non solo trascorrevano del tempo a queste latitudini estreme, ma probabilmente vivevano lì tutto l’anno. Le loro prove suggeriscono che sia i dinosauri più piccoli che le specie più grandi, come i dinosauri dal becco d’anatra, i dinosauri con le corna e i tirannosauri che probabilmente migrarono verso climi più caldi, si stabilirono nell’Artico.

“Una residenza per tutto l’anno nell’Artico fornisce un test naturale della fisiologia dei dinosauri”, afferma Erickson. “Vertebrati terrestri a sangue freddo come anfibi, lucertole e coccodrilli devono ancora essere trovati, solo uccelli e mammiferi a sangue caldo – e dinosauri. Penso che questa sia una delle prove più convincenti che i dinosauri fossero in realtà a sangue caldo. “

Erickson afferma che ora hanno nuove domande su come i dinosauri siano sopravvissuti agli inverni artici. I ricercatori affermano che probabilmente hanno strategie uniche per affrontare l’oscurità, il freddo e le restrizioni dietetiche.

Per ulteriori informazioni su questa scoperta, leggi Il team di ricerca scopre l’asilo nido di dinosauri artici.

Riferimento: “Neding in Extreme Arctic Latitudes by Non-avian Dinosaurs” di Patrick S. Druckenmiller, Gregory M. Erickson, Donald Brinkman, Caleb M. Brown e Jaylene J. Eberle, 24 giugno 2021 Disponibile qui. biologia attuale.
DOI: 10.1016/j.cub.2021.05.041