Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Salernitana rischia l’esclusione dalla Serie A per conflitto di interessi, impossibilitata ad affrontare la squadra contro l’Udinese a causa di problemi COVID

La partita di Serie A Udinese-Salernitana in programma martedì non ha potuto svolgersi dopo che la squadra ospite non si è recata alla Dacia Arena di Udine per problemi di coronavirus.

La Salernitana è indietro di cinque punti dalla salvezza e, come se non bastasse, è incerta anche la permanenza in Serie A italiana se non riesce a trovare un acquirente prima della fine di quest’anno per questioni di conflitto di interessi. Il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina ha confermato la decisione Martedì, durante una conferenza stampa,: “Se non si trova un acquirente entro 10 giorni, la Salernitana uscirà il primo gennaio”.

“Spero che la Salernitana trovi un acquirente nei prossimi 10 giorni e resto convinto che sia possibile”, ha aggiunto Gravina. “Il mio rispetto per la città di Salerno e per i tifosi è totale e l’ho dimostrato fin dal primo momento, da quando ho iniziato ad affrontare il problema a maggio… c’è qualcosa che non va e sta agli amministratori risolverlo. Posso dare alla città una grande speranza, ma non ho fatto nessuna promessa. Semplicemente mantengo una linea Knit, non mando la Federazione al macello”.

Il problema a cui si riferisce Gravina deriva dalla promozione del club dalla Serie B la scorsa stagione, lasciando il proprietario della Lazio Claudio Lotito con due squadre di proprietà della Serie A – una violazione apparente.

Probabilmente era l’ultima partita giocata martedì prima che i Granata venissero venduti a un altro proprietario o espulsi dalla Prima Divisione, ma come se non bastasse, sono stati interdetti dai viaggi dalle autorità sanitarie locali a causa dell’epidemia di COVID nella squadra mentre l’Udinese è arrivata e preparati per la partita come al solito.

READ  Niente neve per i Giochi di Pechino, l'uso della neve artificiale, il cambiamento climatico, quando ci sono le Olimpiadi?

“il [COVID] Gravina ha detto di non frequentare la Salernitana quel protocollo ha sempre funzionato, ma quando interviene l’Asl c’è poco da fare. …Stiamo cercando di avviare un dialogo con le autorità sanitarie, ma è un affare enorme. Si consiglia un tavolo di discussione di gruppo.”

Un evento simile si è verificato tra Juventus e Napoli la scorsa stagione, costringendo gli ospiti a concedere prima e alla fine vincendo l’appello per rigiocare la partita.

L’arbitro Giacomo Camploni guarda alla partita di Serie A abbandonata tra Udinese Calcio e USA Salernitana alla Dacia Arena di martedì.

Getty Images

Nessuno dei due club ha ancora commentato pubblicamente, e arriva in una settimana difficile per la Serie A con notizie di problemi di proprietà della Salernitana e Fiorentina che mette in discussione la torbida situazione finanziaria che circonda molti dei migliori club italiani mentre vengono indagate le finanze.

La Fiorentina ha più volte segnalato – pubblicamente e alle istituzioni competenti – la delicata situazione economico-finanziaria in cui si trova attualmente il calcio italiano e la necessità di regole chiare e uguali per tutti”. affermazione.

“Ci auguriamo che i recenti rapporti dei media e delle autorità competenti contribuiscano a fornire un quadro più chiaro dell’andamento finanziario dei club, in modo che si possano intraprendere azioni tempestive ed efficaci nel rispetto di coloro che seguono le regole e soprattutto dei tifosi. , che hanno il diritto di assistere a una competizione leale in cui non ci siano dubbi o fraintendimenti.

“Se da un lato ACF Fiorentina nutre un grande rispetto per il lavoro e l’indipendenza di tutti gli organi preposti a svolgere le necessarie verifiche, ci auguriamo che ci sia un maggiore coinvolgimento nella definizione di regole chiare e vincolanti alle quali non ci siano eccezioni durante la stagione. , avere regole coerenti è uno dei fattori che definisce la concorrenza leale e sicura.

Il Viola 2021 chiude mercoledì fuori Hellas Verona prima di una pausa fino al 6 gennaio per tutti i club di Serie A.