Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Sagrada Familia di Barcellona “da completare nel 2026” | Barcellona

La Sagrada Familia di Barcellona “da completare nel 2026” |  Barcellona

Il completamento della Cattedrale della Sagrada Familia di Barcellona è previsto per il 2026, ovvero 144 anni dopo la posa della prima pietra.

Il capo dell'ente incaricato di completare il capolavoro di Antoni Gaudí ha annunciato mercoledì scorso la data, che coincide con il centenario della morte dell'architetto dell'edificio.

Esteve Camps ha affermato di avere i soldi e i materiali per completare l'edificio, inclusa la torre centrale alta 172,5 metri dedicata a Gesù Cristo, rendendo la Sagrada Familia l'edificio più alto di Barcellona.

Anche se il completamento dell'edificio è previsto entro il 2026, si prevede che i lavori sulle sculture, sui dettagli decorativi e, soprattutto, sulla controversa scalinata che porta a quello che diventerà l'ingresso principale, proseguiranno fino al 2034.

Quando iniziarono i lavori nel 1882, il sito era un terreno agricolo aperto, ma negli anni successivi la città si sviluppò attorno alla chiesa. La scalinata, che si estenderà su due grandi edifici della città, comporterà lo sfollamento di circa 1.000 famiglie e imprese.

Anche se alcuni studiosi di Gaudí lo contestano, Camps insiste sul fatto che la scala ha sempre fatto parte del progetto dell'architetto.

Ha detto: “Seguiamo alla lettera il piano di Gaudí. Siamo i suoi eredi e non possiamo abbandonare il suo progetto. Il piano presentato al comune nel 1915, firmato da Gaudí, comprende la scalinata.” Ha aggiunto che hanno avuto colloqui con il sindaco di Barcellona Jaume Colboni sul piano, dato che l'ultima parola spetta alle autorità: “Non ho la sfera di cristallo per dirmi quando prenderanno una decisione”, ha detto.

Sin dalla sua costruzione, la Sagrada Familia ha sofferto a causa della guerra, dell'incuria e della mancanza di fondi. Più recentemente, la pandemia di Covid ha interrotto i lavori sul sito per due anni.

READ  La principessa Mary e Kate Middleton si ritrovano in Giordania
Una veduta aerea della basilica nel quartiere Eixample di Barcellona. Fotografia: Orbon Alija/Getty

Prima dell'avvento del turismo di massa, l'opera doveva essere finanziata esclusivamente con le donazioni dei peccatori pentiti, il che rendeva imprevedibili i flussi di cassa e molti dubitavano che l'opera sarebbe mai stata completata. Il poeta Joan Maragall descrisse la cattedrale come “la poesia dell'architettura… un tempio che non è mai completo e che è in costante divenire”.

Per decenni, il turismo ha garantito entrate costanti, con quasi 5 milioni di visitatori all’anno che pagavano tra i 25 e i 40 euro per visita. Dei 125 milioni di euro, poco più della metà sarà destinata al completamento dei lavori. Come sia stato speso il resto rimane un mistero perché la chiesa non è obbligata a pubblicare i suoi conti.

Nel 1936, all'inizio della Guerra Civile Spagnola, gli anarchici appiccarono il fuoco alla cripta e distrussero il laboratorio di Gaudí e i modelli in gesso che aveva realizzato come guida per i suoi successori per completare l'opera. L'architetto Lluís Bonet i Garí recuperò le parti e i modelli di Gaudí furono accuratamente rimontati. Molti dei dettagli tecnici relativi alla realizzazione del progetto di Gaudí furono successivamente risolti dall'architetto neozelandese Mark Bury utilizzando un software aeronautico.

La Sagrada Familia è considerata una delle meraviglie del mondo moderno ma non è sempre stato così. Salvador Dalì ne descrisse la “bellezza terrificante e commestibile” mentre George Orwell lo considerò “uno degli edifici più brutti del mondo” e commentò che gli anarchici mostrarono una mancanza di gusto nel non farlo saltare in aria quando ne avevano l'opportunità.