Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia prevede di lanciare la propria stazione spaziale dopo il ritiro dalla Stazione spaziale internazionale

Il progetto segnerà un nuovo capitolo nell’esplorazione spaziale russa e la fine di oltre due decenni di stretta collaborazione con gli Stati Uniti a bordo. Invecchiamento della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

“Se nel 2030 fossimo in grado, secondo i nostri piani, di metterlo in orbita, sarebbe una svolta colossale”, ha affermato l’agenzia Interfax, presidente di Roscosmos, Dmitri Rogozin. “La volontà è lì per fare un nuovo passo nell’esplorazione dello spazio abitato a livello globale”.

Gli astronauti russi hanno lavorato con le loro controparti degli Stati Uniti e di altri 16 paesi intorno alla Stazione Spaziale Internazionale dal 1998, una delle aree di cooperazione più strette tra Mosca e Washington, le cui relazioni sono attualmente afflitte da una profonda crisi sui diritti umani, attacchi informatici e una miriade di altri problemi.

Il vice primo ministro Yuri Borisov ha detto alla televisione russa durante il fine settimana che Mosca informerà i suoi partner che lascerà il progetto della Stazione Spaziale Internazionale dal 2025.

Rogozin ha detto che la stazione russa, a differenza della Stazione Spaziale Internazionale, probabilmente non sarà abitata in modo permanente perché la sua traiettoria orbitale la esporrebbe a radiazioni più elevate.

Ma gli astronauti lo visiteranno e useranno anche intelligenza artificiale e robot.

Ha detto che la Russia è pronta a considerare di consentire la visita di equipaggi stranieri, “ma la stazione deve essere patriottica … se vuoi fare un buon lavoro, fallo da solo”.

Interfax ha citato una fonte anonima dicendo che la Russia prevede di spendere fino a 6 miliardi di dollari per avviare il progetto.