Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia chiude un altro importante gruppo per i diritti umani legato a Memorial International

Un tribunale di Mosca ha ordinato la chiusura del Memorial Human Rights Center della Russia, un giorno dopo che la sua organizzazione sorella, la più antica organizzazione russa per i diritti umani, è stata costretta a chiudere.

Il Centro per i diritti umani mantiene un elenco continuo di individui che classifica come prigionieri politici, incluso il critico del Cremlino Alexei Navalny.

L’elenco include testimoni di Geova e musulmani condannati per terrorismo che, secondo Memorial, sono vittime di “accuse infondate basate su prove inventate a causa della loro appartenenza religiosa”.

“Bozor! Bozor!” (Vergogna! Vergogna!) Fuori dallo stadio, i tifosi della commemorazione hanno cantato, avvolti da temperature fino a -12°C.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra ha affermato che i tribunali russi hanno deciso di “sciogliere due dei gruppi per i diritti umani più rispettati della Russia e indebolire la comunità dei diritti umani in declino del paese”.

“Esortiamo le autorità russe a proteggere e sostenere le persone e le organizzazioni che lavorano per promuovere i diritti umani in tutta la Russia”, ha aggiunto.

I pubblici ministeri hanno affermato che il lavoro del centro giustifica il terrorismo e l’estremismo, cosa che negano.

Un uomo che parla con un gruppo di giornalisti
Il Memorial Center for Human Rights è l’organizzazione sorella dell’International Memorial.(Afp: Alexander Zemlanichenko)

L’hanno anche accusata di non aver classificato sistematicamente il suo contenuto come contenuto di “agente straniero”, una designazione ufficiale con connotazioni di disprezzo dell’era sovietica che è stata data nel 2014.

Non ci sono stati commenti immediati dal Cremlino, che afferma che non interferisce con le decisioni del tribunale.

Il centro gestisce una rete di uffici nella regione del Caucaso settentrionale a maggioranza musulmana, dove ha documentato violazioni dei diritti in luoghi come la Cecenia e ha fornito assistenza legale e pratica alle vittime.

Questi uffici dovranno chiudere a meno che il centro non vinca un ricorso.

Anna Dobrovolskaya, direttrice esecutiva del centro, ha affermato fuori dal tribunale che le autorità sembravano intente a epurare tutte le organizzazioni per i diritti umani, a cominciare da Memorial.

Il lavoro di un gruppo per i diritti umani “ha disturbato qualcuno”

“Non possiamo dire che questa sia stata una sorpresa completa per noi”, ha detto.

“C’era la sensazione che lo spazio (per il lavoro sui diritti umani) si stesse riducendo. Molte persone sarebbero state davvero sconvolte quando avrebbero visto questi eventi e molte persone avrebbero scritto dell’inizio del Medioevo e del Medioevo”.

Un giudice della Corte suprema russa emette il suo verdetto
Martedì la Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura di Memorial International.(Reuters: Evgenia Novozinina)

Ha detto che la sentenza avrebbe avuto un effetto raggelante su altri attivisti per i diritti.

“Ovviamente il nostro lavoro è diventato molto imbarazzante e ha infastidito qualcuno”.

Questa sentenza è stata condannata dalle organizzazioni internazionali per i diritti, come la decisione della Corte Suprema di martedì di chiudere il Memorial International, noto soprattutto per la cronaca e la conservazione della memoria dei crimini dell’era staliniana.

“In due giorni, i tribunali russi hanno sferrato un duro colpo al movimento russo per i diritti umani”, ha scritto su Twitter Rachel Dunbar di Human Rights Watch, con sede a New York.

L’offensiva legale culminò in un anno in cui Navalny, il più grande critico del Cremlino, fu imprigionato, il suo movimento bandito e molti dei suoi aiutanti costretti a fuggire.

Mosca dice che semplicemente contrasta l’estremismo e protegge la Russia dalla maligna influenza straniera.

I critici affermano che Vladimir Putin, che è al potere come presidente o primo ministro dal 1999 ed è in contrasto con l’Occidente su tutto, dall’Ucraina alla Siria, sta riportando indietro l’orologio all’era sovietica, quando tutta l’opposizione è stata schiacciata.

Il Memorial è stato fondato negli ultimi anni dell’Unione Sovietica e inizialmente ha indagato sui crimini dell’era sovietica, ma in seguito ha iniziato a indagare anche sugli abusi dei giorni nostri.

Un sostenitore fuori dal tribunale, che ha dato solo il suo nome, Igor, ha affermato che la sentenza del Memorial Center for Human Rights è “spaventosa” per il popolo russo.

“Era un’organizzazione davvero utile che difendeva i diritti di persone innocenti che sono state perseguitate per le loro convinzioni”, ha detto.

“Ci deve essere opposizione, persone con punti di vista diversi. Questo è il significato dei principi della competizione politica”.

Reuters

READ  Gabi Pettito: l'autopsia di Brian Laundry inconcludente dopo il ritrovamento del corpo