Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La ricerca della felicità di Mancini ricostruisce l’Italia dalle rovine del 2018 | Italia

r.Oberto Mancini ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissato all’inizio di Euro 2020. In una lettera aperta il giorno prima della partita, il tecnico italiano ha promesso di lanciarsi in questa occasione con l’entusiasmo dei ragazzi nel cortile della sua squadra. Paese “Momenti di felicità, per un attimo, dimentichiamo l’anno che è passato”.

E’ stato assegnato al termine dell’apertura del sipario contro la Turchia. L’Italia ha vinto 3-0, ma soprattutto ha attaccato con inarrestabile impegno e ha raggiunto la finale. Ciro Immobile e Lorenzo Insine hanno festeggiato i loro gol Un tributo giurato Il film di calcio Coach in the Ball.

Un paese si innamorò di nuovo della sua squadra di calcio. Solo questo è il più grande risultato. Molti fan hanno abbandonato del tutto Assouri per non essere riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018.

Mancini si è preso la responsabilità del disastro. Spettatore televisivo per i suoi primi giochi Era giù Più dell’11% dall’analogo periodo del predecessore Giambio Ventura e oltre il 22% da quando era in carica Antonio Conte. Ha accettato il momento come un’opportunità per correre dei rischi e ha detto ai suoi giocatori: “Si impara sbagliando”.

C’è un tempo per imparare e un tempo per mostrare al mondo ciò che sai. Prima degli ottavi di finale contro l’Austria, Mancini ha toccato una nota diversa. “Domani è la prima partita in cui non possiamo sbagliare”, ha detto. “Devi vincere. Non puoi fare altro. “

Nonostante tutta la sua voglia di diffondere felicità, Mancini ha sempre saputo che nello sport la gioia più grande è vincere. Non lo ha detto nella lettera che ha scritto ai fan, ma i suoi occhi erano sempre dotati. L’Italia è imbattuta da 33 partite, che è la sua striscia più lunga, ma quando ha eguagliato il precedente record di 30, stabilito quasi un secolo fa sotto la guida di Vittorio Pozzo, Mancini ha salutato il risultato con un grido.

“È bello essere all’altezza di una leggenda”, ha detto. “Ma Poso ha vinto i trofei e sono molto importanti”.

L’Italia è ulteriormente avanzata in questa partita e ha condiviso la sua ambizione. Interrogato prima della semifinale dell’Italia contro la Spagna, Mancini ha risposto: “Quello che mi intriga è l’idea di andare in finale”. Venerdì ha fatto il passo successivo e ha dichiarato al sito web della UEFA: “Raggiungere la finale è un buon risultato. Ma questo non è ancora abbastanza. “

Roberto Mancini esulta dopo la vittoria ai rigori contro la Spagna in semifinale. Foto: Carl Resine / EPA

È facile vedere come l’imbattibilità dell’Italia possa diventare un peso in un momento come questo. Straordinario il cambio operato da Mancini, con il ritorno degli assiri dopo un livello bassissimo di 60 anni e che li ha messi subito su una rotta migliore. Hanno vinto 27 di queste 33 partite. L’Italia è in vantaggio di 10 reti sugli avversari di 86 reti.

Tuttavia, le stesse parole di Mancini suggeriscono che tali numeri sarebbero vuoti per lui se non fosse allegato un file. Quando gli è stato chiesto se il suo intervistatore UFA si aspettava che questo fosse un rapido successo, ha risposto: “Non abbiamo ancora raggiunto il successo. Vincerà solo se vince domenica. Speravamo di fare un ottimo lavoro, e questo è tutto ciò che abbiamo ottenuto. Ma alla fine l’importante è vincere. “

Questa sarà la quarta apparizione dell’Italia in una finale di un Campionato Europeo, ma hanno vinto solo una volta, come organizzatori del torneo, nel 1968. Nonostante la vittoria di un Mondiale, il successo continentale li ha tenuti fuori.

Una straziante sconfitta a Euro 2000 ha visto l’Italia guidare la Francia al quarto minuto di recupero prima che Sylvain Wildard pareggiasse e David Tresquet segnasse l’unico gol del secondo tempo. Nel 2012 sono stati sconfitti 4-0 dalla Spagna.

Il ripetersi di quest’ultima situazione non è possibile. Quella squadra del 2012 stava correndo in scintille dopo un enorme sforzo nella vittoria in semifinale contro la Germania. Giorgio Cielini è stato escluso per un infortunio al polpaccio 21 minuti dopo, mentre l’Italia ha giocato l’ultima mezz’ora, lasciando 10 uomini in panchina.

Hanno perso un giocatore chiave della partita, con Leonardo Spinoza che si è strappato il tendine d’Achille nella vittoria dei quarti di finale contro il Belgio. In attacco correva al fianco di Lorenzo Insine e contro la Spagna è mancata molto la velocità di recupero della fascia sinistra, che ha aiutato a nascondere la mancanza di velocità altrove in difesa.

Emerson Palmeri, in alternativa a Spinozola, sarà più a suo agio con una partita alle spalle, ma l’Italia è anche fiduciosa di poter dettare la partita come non può contro la Spagna. Il più grande punto di forza della squadra italiana risiede nel trio di centrocampo formato da Jorgenho, Marco Verratti e Nicole Barrella – le prime due doppiette record Barella dirige il gioco cercando opportunità per rompere le linee.

Leonardo Spinoza è stato uno degli artisti unici in Italia prima della rottura del tendine d'Achille nei quarti di finale contro il Belgio.
Leonardo Spinoza è stato uno degli artisti unici in Italia prima della rottura del tendine d’Achille nei quarti di finale contro il Belgio. Foto: Andreas Gebert / A.P.

Sono stati eliminati in semifinale e la decisione di fermare Luis Enrique Danny Olmo su un campo di nove fuori posto ha permesso alla Spagna di spremere il centrocampo da tutte le direzioni. Tuttavia, per il resto del torneo, l’Italia ha il controllo. Sarebbe loro intenzione farlo di nuovo a Wembley.

Lo stadio rappresenta qualcosa in più per Mancini, che ha giocato la finale dei Mondiali 1992 contro il Barcellona e sarà sempre la sede di una finale di Coppa dei Campioni. Lombardo, che ha fatto parte del suo staff italiano con i suoi ex compagni Luka Viole e Attilio, si è sentito come una sorta di catarsi quando è tornato lì per vincere già due partite in questo torneo.

Tuttavia, non hanno vinto una finale a Wembley. Mentre l’Italia aveva la maggioranza dei tifosi, Mancini sapeva che l’atmosfera di domenica sarebbe stata diversa per accoglierli nelle due visite precedenti.

“L’intera Inghilterra sarà dietro di loro”, ha detto venerdì. “Chiaramente riceveranno un grande supporto. Ma considerando questo, al di fuori delle ultime partite degli Europei siamo entrati senza tifosi per un anno e mezzo, che è anche meglio. Penso che sia una cosa bellissima avere tanti tifosi allo stadio.

Diceva ai suoi giocatori di avvicinarsi alla partita come qualsiasi altro giocatore: con tutta la gioia che aveva promesso in quella lettera prima dell’inizio della partita. “Non puoi giocare a calcio nervosamente”, ha detto Mancini. “Bisogna giocare con la giusta pressione, cercando davvero di uscire e divertirsi. Solo così si può vincere una finale”.

Vincere è l’unica cosa che conta.

READ  I giornali italiani scrivono che nell '"epoca dei rapporti della buonanotte", le inchieste del "giornale sportivo rumeno" confermano il valore della stampa