Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La resistenza estenuante della volatilità del mercato italiano: Mike Dolan di Reuters

© Reuters. FILE FOTO: Il logo della Banca centrale europea a Francoforte, Germania, 23 gennaio 2020. (Reuters) / Ralph Orlovsky

di Mike Dolan

LONDRA (Reuters) – C’è un’accettazione tesa tra gli investitori della volatilità quasi inevitabile del mercato legata alle recenti turbolenze politiche dell’Italia, ma questa volta è qui che finisce la tensione.

Molti sostengono che il 2022 sia l’inizio di un’era in cui la politica vince ancora una volta l’economia, un periodo in cui la volontà di pagare i debiti, o anche le sanzioni e le barriere legali a tali pagamenti, è importante quanto essere in grado di pagare e cosa c’è nelle casse.

E la politica ovunque è divisa come lo è stata per decenni: in particolare l’invasione russa dell’Ucraina, nuove alleanze nella Guerra Fredda, il rovesciamento dell’attuale primo ministro britannico, un divario di leadership nel Regno Unito e persino la prospettiva di un nuovo stallo dopo gli Stati Uniti. Elezioni del Congresso a novembre.

Il dramma a Roma non è insolito questa volta.

L’ultimo attacco della scena politica italiana – che nel peggiore dei casi vede le elezioni arrivare da sei a otto mesi prima del previsto – è una questione familiare, anche se in mezzo a gravi emicranie economiche dovute allo shock energetico legato alla Russia, all’aumento dell’inflazione globale e alle priorità post-investimenti. .

Dopo che le sue dimissioni sono state respinte la scorsa settimana dal presidente italiano, il presidente del Consiglio Mario Draghi – che ha preso il timone di una coalizione nazionale meno di 18 mesi fa tra gli applausi di un investitore globale – vedrà mercoledì se può mantenere l’offerta sulla strada fino a quando maggio prossimo.

READ  Sponsorizza queste 11 attività di proprietà LGBTQ questo mese dell'orgoglio (e ogni mese)

Le principali banche globali stanno mettendo una probabilità del 30%-50% di lasciare Draghi e di lanciare elezioni anticipate questo autunno, proprio mentre il bilancio annuale del governo deve crollare, con i tassi di interesse in aumento nell’eurozona e il taglio del gas russo. L’inverno incombe.

Quindi, è un momento particolarmente difficile per andare alle urne, non da ultimo con la Banca Centrale Europea che questa settimana annuncerà il suo primo aumento dei tassi in più di un decennio.

I dettagli della BCE sul meccanismo di protezione della conversione dal titolo provvisorio – che mira a prevenire un premio di rendimento obbligazionario eccessivo e differenziali di prestito tra i principali creditori dell’euro come la Germania e le periferie fortemente indebitate come l’Italia – saranno almeno tempestivi.

Sebbene nessuno dubiti che gli investitori nervosi possano amplificare molti problemi dal budget già controverso alla qualità degli asset delle banche, il contesto è importante.

I margini del debito decennale dell’Italia sono quasi raddoppiati quest’anno a oltre 200 punti base, ma sono ancora circa un punto percentuale inferiori ai picchi del 2018, indipendentemente dai 500 punti base più i margini a 10 anni.

Anche con tassi debitori a 10 anni superiori al 3%, Fabio Valtoni, direttore degli investimenti multi-asset di Invesco, osserva che il nuovo debito italiano rifinanzia le obbligazioni con cedole pari o superiori al 5%. “Dovremo vedere il rendimento a 10 anni spostarsi verso nord al 4% prima che l’Italia inizi a rifinanziarsi a un premio”.

In breve, pochi pensano che siamo tornati in una sorta di “crisi dell’Euro 2.0”, in cui si nascondevano la sostenibilità del debito, la potenziale ristrutturazione o i timori di uscita dall’euro.

“piccole” opportunità

Il consigliere economico di UniCredit, Eric Nielsen, descrive le possibilità di uscita dell’Italia dall’euro come “trascurabili” viste le migliori prestazioni del sistema euro, anche se un’opportunità esterna per una ristrutturazione del debito all’interno dell’euro, simile alla Grecia di dieci anni fa, sarebbe giustificare alcuni premi di prestito e rischio di prezzo.

READ  KKR fa offerte per Telecom Italia in un massiccio accordo di private equity

“L’intero dramma era abbastanza prevedibile, anche se è arrivato da tre a sei mesi prima di quanto mi aspettassi”, ha scritto Nielsen. “Il posizionamento politico di parte in vista delle elezioni del prossimo anno non avrebbe dovuto essere una sorpresa”.

Mentre il nuovo meccanismo di raffreddamento della BCE può essere molto più difficile da attuare in periodi di stretta monetaria rispetto alla liquidità apparentemente in costante aumento dell’ultimo decennio, le ragioni principali dell’allentamento delle pile di debito italiano da parte degli investitori sono più sostanziali.

Stefan Kreuzkamp, ​​chief investment officer di DWS, si è detto “cautamente ottimista” sull’Italia dopo un decennio di riforme politiche e per via dei piani di investimento post-pandemia dell’UE che posizionano l’Italia come il più grande benefattore nazionale.

“Per la prima volta in molti anni, questo ha iniziato a stimolare gli investimenti del settore pubblico, che a loro volta – insieme alle riforme – dovrebbero sostenere le prospettive di crescita del PIL a lungo termine”.

“Rispetto ad altre economie dell’eurozona… l’Italia sta iniziando ad apparire abbastanza in salute con diverse misure”, ha aggiunto Kreuzkamp.

Il capo del CIO di DWS ha affermato che i prestiti in sofferenza delle banche italiane sono scesi ai livelli più bassi dell’era dell’euro, inferiori al 3%, mentre i bilanci delle case e delle aziende italiane sembrano forti, aggiungendo che anche l’Italia è riuscita a utilizzare un periodo di bassi tassi di interesse per prolungare le scadenze del suo debito.

Ma, in modo cruciale, ha affermato, la sostenibilità del debito dipende in gran parte dal mantenere il costo del debito pubblico al di sotto della crescita economica nominale, non reale, perché “nominale” è ciò che conta per le entrate fiscali. Poiché l’inflazione ha ridotto i tassi di crescita nominale a oltre il 7% negli ultimi anni o due, il profilo di indebitamento è ancora soddisfacente.

READ  L'Italia non è riuscita a qualificarsi. Reazione, notizie, analisi, Roberto Mancini

Le obbligazioni italiane sono destinate a subire una certa pressione mentre la politica va avanti, ma ha aggiunto che Draghi era sempre pronto a lasciare la scena prima o poi nei prossimi nove mesi, dice Fred Ducruzette, economista di gestione patrimoniale presso Pictet.

Ma Decrozette afferma anche che la politica maschera dinamiche religiose più positive. Uno di questi motivi è il fatto che le vendite nette di nuovi titoli di Stato italiani dovrebbero essere negative durante il resto dell’anno, poiché è già stato completato il 60% dei finanziamenti sovrani per il 2022. Altri paesi dell’Euro e un enorme vantaggio per l’Italia durante il resto dell’anno, poiché gli acquisti netti sono diminuiti degli attivi presso la Banca centrale europea questo mese.

Crisi di mercato e politica italiana spesso vanno di pari passo, ma attenzione alla deriva.

L’autore è un editore itinerante per gli affari finanziari e dei mercati presso Reuters News. Tutte le opinioni espresse qui sono le sue

(Di Mike Dolan, Twitter (NYSE:): @migrationMikeD; Montaggio di Paul Simaw)