Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘La regolamentazione del sistema è fondamentale’: un socio Bonelli spiega le radicali riforme legislative in Italia

Dopo anni di dibattiti stop-and-go, il governo italiano ha approvato alla fine del 2021 modifiche radicali all’ordinamento giuridico del Paese. Le modifiche, che devono essere sancite nelle decisioni abilitanti entro la fine del 2022, hanno lo scopo di accelerare il processo Azioni. Il sistema giudiziario civile notoriamente lento – qualcosa considerato essenziale per attrarre investimenti esteri e stimolare la necessaria crescita dell’economia italiana.

Le riforme mirano ad accelerare il sistema di giustizia civile con una serie di misure, tra cui la fissazione di termini rigorosi per i ricorsi, l’incoraggiamento della mediazione e l’aumento del personale di supporto nelle aule dei tribunali.

Laura Salvanishi, Partner di BonelliErede e Professore di Diritto processuale civile e arbitrato all’Università degli Studi di Milano, illustra le riforme e pone le basi per la pratica giuridica italiana.

Quali aree di pratica del diritto commerciale italiano trarrebbero maggior beneficio dalle riforme?

Questa riforma riguarda specificamente il contenzioso civile, quindi se riuscirà a raggiungere l’obiettivo di ridurre significativamente la durata dei procedimenti civili – e quindi il tempo necessario per ottenere una decisione esecutiva – ne trarranno vantaggio tutti i settori attualmente colpiti negativamente da questa questione: commercio , gli investimenti e l’economia in generale. Tuttavia, questo obiettivo non è affatto facile da raggiungere. Tutto dipenderà dalla capacità del legislatore di attuare una profonda riforma, attraverso ordinanze, dell’ordinamento della giustizia civile al di là di alcune riforme normative.

Le riforme fissano l’obiettivo di ridurre del 40% i tempi dei processi civili entro il 2026. Quali tipi di processi civili sono oggi maggiormente supportati e quale impatto ha sulla pratica legale e sull’economia?

Le statistiche mostrano che nessun singolo tipo di procedura civile è più arretrato di altri, e in effetti che alcuni tribunali hanno un ampio arretrato giudiziario e altri sono più veloci. Indipendentemente dalla complessità delle cause, l’arretrato di cause in alcuni tribunali è una piccola percentuale del totale, ovvero circa il 6-11%; E in altri casi è molto alto, dal 31% al 45% del numero totale di casi. Ciò vale sia per le corti di primo grado che per le corti d’appello. Anche la Corte Suprema ha un grande arretrato di cause.

READ  Il Fondo Monetario Internazionale afferma di aver tagliato le sue previsioni di crescita globale a causa dell'aumento dei rischi

L’eccessiva durata dei procedimenti civili, sia nella loro fase sostanziale che in quella esecutiva, ha un impatto significativo sull’impresa, sulla volontà di investire e sulla crescita economica complessiva del Paese. L’inefficienza del sistema giudiziario non solo scoraggia gli investitori stranieri, ma danneggia, in primis, gli investitori italiani, i cui affari sono difficili a causa del sistema giudiziario che non consente un rapido recupero dei crediti o una rapida risoluzione delle controversie. La letteratura giuridica sull’argomento pone l’effetto di tale inefficienza sul PIL del Paese intorno all’1%.

Un po’ di storia: perché i processi civili italiani sono lunghi e macchinosi? Da dove è iniziata la tendenza, quando e perché?

Il caos in cui si trova la giustizia civile italiana va avanti da decenni e le bandiere rosse sono emerse già negli anni ’80. Le statistiche mostrano che in quel momento il numero dei procedimenti è cresciuto e nei vent’anni successivi il numero delle cause civili di primo grado è notevolmente raddoppiato, senza aumentare il numero dei giudici e degli uffici giudiziari per eguagliarli.

Difficile stabilire le ragioni di questo massiccio aumento, ma è certo che riguarda il paese in via di sviluppo e quindi l’aumento del numero delle transazioni commerciali e del contenzioso civile. Tale incremento è stato facilitato anche dal fatto che le spese processuali in Italia sono inferiori a quelle degli altri paesi, consentendo un ampio accesso al contenzioso civile in tutte le cause, anche avanti la Suprema Corte.

Più o meno nello stesso periodo, anche il numero di avvocati qualificati è aumentato notevolmente perché l’accesso alle università è diventato più comune e le scuole di giurisprudenza non hanno imposto requisiti di ammissione, a differenza dei college in altre materie. Inoltre, alcuni hanno affermato che la retribuzione degli avvocati si basa su una paga oraria (collegando così la paga alla durata del procedimento) come possibile motivo di aumento del contenzioso.

In quegli anni aumentarono i contenziosi seriali e specialistici e non erano ancora stati introdotti rimedi collettivi come le azioni collettive. Così le procedure civili stanno diventando sempre più lunghe, facilitando tecniche di stallo che favoriscono accordi extragiudiziali piuttosto che la lunga attesa per una decisione del tribunale.

READ  Aida si prepara a stupire quando l'alta tecnologia incontra l'antico Egitto

Perché le riforme precedenti erano inefficaci nel raggiungere l’obiettivo di snellire il processo, e cosa farebbe una differenza fondamentale per questa serie di riforme in particolare?

Penso che il fallimento sia in gran parte dovuto alla focalizzazione sui cambiamenti organizzativi e troppo poco sulla riorganizzazione del sistema di giustizia civile, che è la chiave per risolvere il problema.

La legge quadro recentemente approvata sembra andare nella giusta direzione, poiché alcuni degli standard guida sono di natura normativa. La riforma propone un ufficio procedurale per garantire che i giudici siano assistiti da un team, da moderni sistemi informatici e da sistemi di gestione del flusso di lavoro. Il fatto che alcuni tribunali siano riusciti a mantenere l’arretrato nel limbo all’interno dell’attuale sistema significa chiaramente che la questione è di natura meramente organizzativa; La formulazione della riforma indica la volontà di concentrarsi su questo aspetto, che però necessita di ulteriore sviluppo.

Le riforme mirano a rafforzare gli strumenti ADR ea creare incentivi fiscali per il loro utilizzo. Puoi spiegare completamente quali sono questi incentivi?

Queste misure altamente tecniche affrontano una serie di questioni, tra cui: Aumentare l’esenzione dalla tassa di registrazione negli accordi di conciliazione. Creare crediti d’imposta proporzionali al compenso degli avvocati che assistono le parti nella mediazione e con le spese processuali pagate per qualsiasi azione che si conclude con un accordo di mediazione; Ampliare il Patrocinio Legale di Mediazione, con credito d’imposta per la compensazione del mediatore; e riformare i costi di avviamento della mediazione e le compensazioni corrisposte agli organismi di mediazione.

La legge quadro incoraggia inoltre una maggiore e migliore formazione dei mediatori, nonché il ricorso alla mediazione durante il contenzioso, ovvero la mediazione giudiziaria. Quest’ultimo trattamento è considerato da molti in una luce molto positiva. Al contrario, la prevista estensione della mediazione obbligatoria come condizione per l’accettazione del giudizio è oggetto di critiche diffuse.

La digitalizzazione è vista come uno strumento importante per accelerare il processo legale. Ci può parlare dello stato attuale della digitalizzazione nell’ordinamento italiano e cosa deve succedere di più?

READ  Esperti italiani discutono delle strategie di transizione da Agri-tech 4.0 a Agri-tech 5.0

Gli studi legali italiani da tempo investono e addirittura adottano strumenti digitali. La digitalizzazione delle procedure civili è stata introdotta alcuni anni fa e, con uno stretto monitoraggio e controllo da parte dei tribunali, sembra funzionare bene. Tuttavia, al momento stiamo riscontrando alcuni problemi con restrizioni sui formati che possono essere utilizzati per produrre documenti e una legge giudiziaria abbastanza rigida in merito all’inammissibilità di documenti e altri documenti presentati in formati elettronici non corretti.

Uno degli obiettivi della riforma è continuare ad attuare e migliorare la digitalizzazione del processo giudiziario. Gli uffici del procedimento dovrebbero essere dotati di personale con competenze informatiche in grado di assistere non solo gli uffici giudiziari, ma anche gli impiegati per utilizzare al meglio gli strumenti informatici. Queste squadre – che, come detto, assisteranno i giudici – saranno anche responsabili dell’indicizzazione, dell’archiviazione e delle ricerche giurisprudenziali, che richiedono un adeguato supporto informatico. Gli atti devono essere presentati in tribunale solo con mezzi elettronici, che possono richiedere l’uso di nuove tecnologie e soluzioni rispetto a quelle oggi in uso; I professionisti IT studiano cos’è e come parliamo

Ora che le riforme sono state approvate dal legislatore, il prossimo passo sono i decreti esecutivi, che dovrebbero essere emanati nel 2022. Può descrivere in modo completo questo processo, e qual è la scadenza per i decreti?

Il governo dispone di un anno dall’entrata in vigore della legge quadro per emanare uno o più decreti legislativi che definiscono la riforma formale e sostanziale delle procedure civili, introducendo cioè nuove norme o modificando le norme vigenti nel codice di procedura civile e nel Leggi sulle procedure speciali. Gli schemi delle nuove regole, una volta adottate dai ministeri competenti, sono sottoposte al Parlamento per il parere delle commissioni competenti – anche valutando gli aspetti di spesa – entro 60 giorni dalla loro presentazione.