Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La regista de “La Chimera” Alice Rohrwacher e Isabella Rossellini parlano del cinema italiano minerario (esclusiva)

La regista de “La Chimera” Alice Rohrwacher e Isabella Rossellini parlano del cinema italiano minerario (esclusiva)

Il quarto lungometraggio della scrittrice e regista italiana Alice Rohrwacher, Nessuna chimera, è la storia di un archeologo – conosciuto solo come L'inglese nei circoli meno conosciuti – che ha un debole per saccheggiare tombe e vendere i loro tesori sepolti al mercato nero. Nel cinema, Rohrwacher si considera anche un'archeologa, anche se in un modo meno inquietante per i morti.

“In un luogo dove molte persone vedono solo una collezione di pietre, gli archeologi vedono una storia”, racconta il regista ad A.frame. “In un certo senso, gli archeologi scavano da qualche parte e cercano di ricostruire i pezzi che finiscono per creare la storia di quel sito. E anche nel cinema, cerchi di mettere insieme tutti i tipi di pezzi separati e individuali, di metterli insieme e di trasformarli in una cosa, come fanno gli archeologi con il nostro passato.”

Il film è ambientato nell'Italia rurale degli anni '80. Nessuna chimera La banda segue Tombaroli – Tomb Raiders – nelle loro avventure mentre scavano antiche tombe etrusche alla ricerca di manufatti storici di inestimabile valore. Arthur (Josh O'Connor), il leader della banda, è alla ricerca di qualcosa di più grande: una mitica porta per l'aldilà che lo ricollegherà al suo amore perduto da tempo. Sembra una cospirazione indiana Jones Il film, però, come racconta Rohrwacher, è molto più sfuggente di così. Il dramma romantico si svolge in modo sognante ed ellittico, serpeggiando qua e là mentre la storia viene esplorata a pezzetti.

Arthur è perseguitato dai fantasmi del passato. Rohrwacher abbraccia la sua. Nessuna chimera È l’ultimo capitolo di una ampia trilogia sull’identità italiana post-2014 Meraviglie E il 2018 Felice come LazzaroAttraverso il suo lavoro, la regista è stata acclamata come una pioniera nella rinascita del cinema italiano. Viene spesso paragonata ai maestri neorealisti italiani come Federico Fellini e Roberto Rossellini.

READ  Little Italy Days continua la tradizione con il suo 20° anniversario

“Sono onorato di questo confronto”, obietta Rohrwacher. “Questi registi, per me, sono grandi insegnanti e professori, quindi è difficile per me immaginare che potrei essere alla loro portata anche lontanamente.”

Josh O'Connor e Alice Rohrwacher sul set di La Chimera.

“Alice è un continuum di tutto questo”, dice l'attrice Isabella Rossellini, che nel film interpreta la signora Flora, l'aristocratica madre dell'amante assente di Arthur. “Questo è molto toccante per me, perché mio padre, ovviamente, è stato uno dei fondatori del neorealismo”. Roberto Rossellini, insieme a registi italiani come Vittorio De Sica e Luchino Visconti, era dietro il movimento per creare un “nuovo realismo” sulla scia della seconda guerra mondiale. I loro film si concentravano sulla gente comune e descrivevano le difficoltà della vita quotidiana. (Il vecchio Rossellini portò il neorealismo italiano sulla scena mondiale quando girò il suo film Roma città aperta Vinse il Gran Premio al Festival di Cannes nel 1946.)

“L'Italia era distrutta, quindi hanno reso il film il più duro possibile”, afferma Rossellini. I film venivano spesso prodotti con attori non professionisti, girati sul posto e utilizzando un'attrezzatura minima. “Facevano questi film che sembravano documentari. Poi i critici li chiamavano neo-realismo, cioè nuovo realismo. Erano molto influenti, fino ai film americani. Naturalmente, ho visto Alice in questo modo. Funziona con Alice attori e non attori, e racconta la storia del pluralismo”.

“Qualcosa che per me è molto importante e lo riconosco nei film [neorealist] “I cineasti cercano e creano storie fuori centro”, afferma Rohrwacher, da parte sua. “Vanno nelle zone marginali, vanno nelle periferie delle città, vanno oltre la grande città e fanno film in cui il contesto è importante quanto il testo. Cioè, la storia è sempre inserita in un contesto più ampio ; non è mai separato da esso. In questo senso, mi sento “parte di quel continuum. Soprattutto perché vivo in una città rurale. Per me, il contesto è importante tanto quanto la storia.”

READ  Tutti italiani durante la Festa Italiana questo fine settimana a Sterling Heights - Macomb Daily

Rohrwacher è nato a Fiesole, in Toscana, ed è cresciuto ascoltando storie di uomini locali che uscivano di notte a scavare e scoprivano manufatti che avrebbero poi venduto in Svizzera. E così è nata l’idea Tombaroli. Ma se Roberto Rossellini una volta disse: “Cerco di catturare la realtà, nient’altro”, Rohrwacher va oltre il neorealismo Nessuna chimeraAvventura in un luogo magico. C'è una ragione per cui la storia di Artù e della sua amante perduta ricorda il mito di Orfeo ed Euridice.

“Quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta ho chiesto ad Alice: ‘Questo film, nella sua essenza, ha a che fare con la morte?’” racconta Rossellini. Ha detto: “Non la morte, ma ciò che viene dopo. C'è una differenza”. “Ha ragione. C'è una differenza, perché non è un film sulla morte. Parla anche del fatto che in Italia l'esistenza delle vite passate è molto dolorosa. C'è l'esistenza di altre culture e di altre vite davanti a noi che ci sono .” Questa è la magia di Alice. “È in grado di incorporare quella dimensione.”

immagine
immagine

Rohrwacher e Rossellini si sono conosciuti tramite la loro ex sorella, l'attrice Alba Rohrwacher, che è apparsa nella maggior parte dei film di sua sorella (incluso il cortometraggio candidato all'Oscar, Se lo studente) e ha recitato insieme a Rossellini nel 2010 Isolamento dei numeri primi. “Siamo diventate molto amiche e Alba ha detto: ‘Dovresti conoscere mia sorella. È una grande regista. “Penso che abbia molto talento.”

Rossellini acconsentì. “Penso che Alice abbia un talento enorme”, dice. Soprattutto dopo aver collaborato con lei Nessuna chimera“So che sta scrivendo adesso, quindi a volte quando chiamiamo per dire: 'Come stai?', dico: 'C'è una parte per me?' C'è una parte per me? Voglio lavorare di nuovo con te!”

READ  Il regista Mario Marton e Ippolita Di Mago discutono dell'ingresso in Oscar Italia - New York contendenti - Scadenza

Il sentimento era reciproco, e lo era anche per Rohrwacher. “È difficile descrivere la gioia che provo nel poter lavorare con Isabella”, afferma. “Sono sempre stata una grande fan dei suoi genitori” – la madre di Rossellini era l'attrice tre volte vincitrice dell'Oscar Ingrid Bergman – “Non avrei mai immaginato di poter amare qualcuno più di me. E quella persona è Isabella.”

“Solo per un piccolo aneddoto, mentre stavamo girando, il reparto di scenografia ha portato un mucchio di vecchie riviste ed erano tutte accatastate. Ad un certo punto, è caduta. Una delle riviste è saltata fuori, e sul copertina, c'era una foto di Isabella appena nata con sua sorella e sua madre!” Non lo avevo nemmeno notato. Ha detto: “Oh, questa sono io da neonata. Che cosa incredibile!” È una persona che è stata sulla copertina di una rivista sin dal giorno in cui è nata, eppure è riuscita a rimanere così autentica, così vicina alla realtà, così umile, così generosa e così piena di gioia”, condivide Rohrwacher. “La cosa sorprendente di Isabella è che la sua storia familiare; molto ampia, non è un peso per lei. In realtà sembra che sia stata solo una coincidenza. “Vive la sua storia personale come se fosse semplicemente una storia incredibile che le è accaduta, come un colpo di fortuna del destino.”

Scritto da John Boone

Contenuto relativo:

Le migliori 5 stelle per la star di La Chimera Isabella Rossellini

I 5 migliori film diretti da Alice Rohrwacher per La Chimera

Galleria: Fellini attraverso gli anni