Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La recluta di Peterborough Petes, Tommy Berdeler, punta ad essere la prima selezione italiana di hockey su ghiaccio

Tommy Bordeler vorrebbe essere il primo giocatore italiano nato e cresciuto nella National Hockey League.

Considerato da alcuni nel suo paese d’origine come il miglior prospetto italiano da anni, il 18enne si sta facendo le ossa nell’hockey nordamericano con i Peterborough Petes.

Il suo obiettivo è anche quello di rappresentare il suo paese d’origine quando l’Italia ospiterà le Olimpiadi invernali del 2026.

La selezione Petes 2022 CHL Import Draft, n. 15 in assoluto, ha scelto l’hockey in una nazione dominata dal calcio.

“Ovviamente in Italia il calcio è lo sport numero 1, ma io vivo nella regione settentrionale dell’Italia in montagna dove giocano molto a hockey”, ha detto Berdeller. “Ho iniziato a giocare a hockey grazie a mio fratello. Era il mio idolo da bambino e ho sempre voluto essere come lui”.

Michael Bordeler, che ha nove anni più di Tommy, ha giocato due stagioni nella Italian Higher Professional Hockey League. Ora gioca in seconda divisione.

Quando Tommy aveva dodici anni, guidò la sua squadra locale alla vittoria nel campionato in Germania e fu notato dalla dirigenza della Red Bull Academy di Salisburgo, in Austria. Due anni dopo si trasferì in Austria.

“La Red Bull è una delle migliori accademie di tutta Europa. Hanno molte strutture”, ha detto.

Non è stata una decisione difficile allontanarsi da casa all’età di 14 anni.

“Avevo già in testa di voler diventare un giocatore di hockey professionista. Se non mi fossi allontanato dalla mia squadra locale, penso che sarei rimasto lì. Trasferirmi in Austria penso sia stata la decisione migliore che ho preso fatto finora nella mia vita”, ha detto Berdeller.

READ  Walter Mazzarri sostituisce Leonardo Semplici alla guida del Cagliari - News Sport, Primo Post

Durante il suo ultimo anno in Austria, ha giocato per la seconda squadra professionistica della Red Bull.

Fu durante i Campionati mondiali di hockey juniores di seconda divisione, dove Bordeler aiutò l’Italia a raggiungere il terzo posto, che iniziò a sentire l’interesse del Nord America. È stato nominato miglior attaccante del torneo.

“Il mio agente aveva contatti con un paio di squadre CHL e sono finito qui e gli sono molto grato”, ha detto.

“Sono già stato lontano da casa per quattro anni. Ovviamente è stato un po’ lontano e con un po’ di ritardo, ma l’ho affrontato davvero bene. Il supporto della mia famiglia è davvero buono. I miei genitori e tutti i miei fratelli sono dietro di me e rendermi le cose facili.”

Ciò è stato causato dal ritardo nel suo rilascio dall’Austria Miss campo di addestramento e l’inizio della pre-stagione dell’OHL. Dopo il suo rilascio, ha subito un infortunio alla spalla nell’ultima partita pre-campionato e ha saltato le prime 11 partite. È tornato in 12 partite e ha realizzato sei gol e nove punti, inclusi quattro gol nelle ultime quattro partite e sette punti in sei partite.

Guarda caso, solo la nazionale italiana Ha assunto due ex allenatori Bates – Mike Keenan e Mike Bellino – per allenare la loro squadra per i Giochi Olimpici. Purdeller è sulla loro lista di controllo, dice Bellino.

Mentre l’attenzione di Purdeller è sul momento, ammette che le Olimpiadi sono un obiettivo.

“Penso che questo sia il sogno di ogni bambino. Sarebbe davvero una cosa fantastica, ma non vedo l’ora di andare avanti stagione dopo stagione”. “Voglio giocare lì nel 2026. Penso che sarà fantastico giocare contro squadre difficili che normalmente non avremmo la possibilità di giocare, magari contro buoni giocatori, giocatori della NHL. Sarà indimenticabile”.

READ  Scherma - La Corea del Sud vince l'oro nella finale di sciabola maschile

Il suo obiettivo è anche quello di essere il primo giocatore nazionale della Lega Nazionale Italiana.

“Significherebbe il mondo per me e sarebbe un enorme risultato”, ha detto.

I Petes ospitano i Flint Firebirds alle 19:05 di giovedì al Memorial Center

mike.davies@peterboroughdaily.com