Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La prima nave da crociera arriva in Australia da due anni a causa dei moli della pandemia di COVID-19 a Sydney

La prima nave da crociera ad arrivare in Australia dalla pandemia di COVID-19 di due anni fa ha attraccato questa mattina a Sydney.

Il giorno dopo la revoca del divieto alle navi da crociera, la Pacific Explorer Circular Quay di P&O è entrata intorno alle 10:30.

Rimorchiatori che trasportavano cannoni ad acqua hanno fatto la doccia alla nave da crociera mentre salpava verso il terminal crociere della città, mentre orde di persone osservavano dalla riva.

C’erano circa 250 dipendenti a bordo ma non c’erano passeggeri.

Pacific Explorer ha fatto il viaggio di ritorno da Cypress di 18.000 chilometri mentre la nave ha attraccato con molte altre dopo la chiusura dell’industria crocieristica locale a causa del COVID.

Partirà con il suo primo volo con passeggeri il 31 maggio, quando salperà per Brisbane.

Una nave da crociera arriva nel porto di Sydney
Le navi da crociera sono assenti dal porto di Sydney da due anni.(Notizie ABC: Jake Lapham )

Il suo arrivo fu motivo di festa tra gli entusiasti incrociatori che aspettavano il ritorno dell’industria.

Corey Martin ha detto di essere cresciuto con la vela e di aver già prenotato tre viaggi per la fine dell’anno.

“È così meraviglioso riaverli e sono così ansioso di affrontarli di nuovo”, ha detto.

Martin era fiducioso che i protocolli COVID a bordo avrebbero protetto i passeggeri.

“Sono completamente a mio agio e al sicuro con la mia sicurezza a bordo.”

Una nave da crociera arriva nel porto di Sydney
La nave da crociera è arrivata questa mattina a Sydney dopo essere salpata da Cipro.(AAP: Bianca de Marchi)

Susan Carlisle non era sicura e ha detto che lei e suo marito, Alan, potrebbero aspettare un anno per prenotare la loro prossima crociera.

Ha detto che avrebbero monitorato qualsiasi focolaio di COVID-19 a bordo della nave prima di decidere di salpare.

L’industria crocieristica australiana ha chiuso nel marzo 2020 quando i confini internazionali sono stati chiusi per prevenire un’epidemia di COVID-19.

La nave da crociera The Ruby Princess è stata la fonte del primo grande cluster del paese, con infezioni a bordo che hanno causato centinaia di casi in tutto il paese e quasi 30 morti.

Ha attraccato il 19 marzo 2020, un giorno prima della chiusura del confine.

Due anni dopo, l’industria afferma di essere sicura e pronta ad affrontare la pandemia.

persone che esultano
La gente esulta quando il Pacific Explorer di P&O entra nel porto di Sydney.(AAP: Bianca de Marchi)

Le crociere sono già riprese in 86 paesi e hanno trasportato oltre 10 milioni di passeggeri, ha affermato Joel Katz, amministratore delegato della Cruise Line International Association in Australia e Asia.

Katz ha affermato che le agenzie hanno segnalato vendite “senza precedenti” nelle ultime settimane e che le aziende hanno utilizzato solidi protocolli COVID-19.

“Ovviamente, le vaccinazioni saranno essenziali prima che qualcuno salga a bordo della nave. Il test, quindi nessuno sale a bordo della nave senza un test COVID negativo”, ha detto.

Ha affermato che a bordo dell’aereo verranno applicate anche misure di salute pubblica come indossare maschere, distanziamento sociale e maggiore ventilazione.

Katz ha affermato che le navi saranno anche dotate di strutture mediche migliorate a bordo “per essere in grado di gestire tutti i casi identificati a bordo”.

La gente osserva l'arrivo di una nave da crociera
I Sydneysiders hanno festeggiato l’arrivo del Pacific Explorer di P&O.(AAP: Bianca de Marchi)

Il portavoce di P&O David Jones ha affermato che l’Australia ha la più alta penetrazione di mercato al mondo in termini di vela e ha previsto che il settore sarebbe tornato rapidamente alla normalità ora che il divieto è stato revocato.

“Questo è l’inizio della ricostruzione, le altre nostre compagnie di crociera e sono sicuro che le nostre compagnie di crociera concorrenti ora hanno i loro piani per il ritorno delle navi nel mercato australiano”, ha affermato.

“Stiamo ora esaminando la possibilità, che è una forte possibilità, che la stagione delle crociere estive 2022-23 sarà vicina alla normalità”.

Il signor Jones era fiducioso che i protocolli di sicurezza avrebbero ridotto la diffusione del COVID-19 sulle navi da crociera.

“Devi essere fiducioso nei protocolli in atto”, ha detto.

“E hai l’esperienza offshore dei 10 milioni di persone che hanno navigato in crociera, e i protocolli sono stati adottati in America e hanno lavorato in modo efficace per fornire un ambiente di navigazione il più sicuro possibile”.

READ  Una studentessa combattente afghana sogna ancora di volare dopo essere fuggita dal controllo dei talebani