Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La prima famiglia conosciuta di Neanderthal è stata trovata in una grotta russa

La prima famiglia conosciuta di Neanderthal è stata trovata in una grotta russa

Analizzando i fossili di una grotta in Russia, gli scienziati hanno trovato la prima famiglia di Neanderthal conosciuta: un padre, una figlia adolescente e altri che potrebbero essere stati cugini stretti.

le scoperte, Pubblicato mercoledì su Nature, ha dipinto un quadro tragico dei nostri parenti estinti, che vagavano per l’Eurasia decine di migliaia di anni fa. Gli scienziati hanno detto che la famiglia, parte di un gruppo di 11 Neanderthal trovati insieme nella grotta, probabilmente è morta insieme, forse di fame.

Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori che includeva Svante Pääbo, genetista svedese che da 25 anni aveva svelato i segreti dei Neanderthal, estraendo il suo DNA da Sporco del pavimento della caverna ripetere cellule cerebrali. All’inizio di questo mese, lui ha vinto un premio Nobel per i suoi sforzi.

ha affermato il dottor Babu, direttore del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania. “È stato un viaggio fantastico”.

Per il suo primo studio sul DNA di Neanderthal nel 1997, il Dr. Pääbo ei suoi colleghi hanno scavato in una calotta cranica scoperta nel 1856 in una cava tedesca. Negli anni successivi, hanno raccolto più DNA da altri esemplari del museo, raccogliendo suggerimenti sull’evoluzione di Neanderthal e sulle loro relazioni con gli esseri umani viventi. Alla fine, il Dr. Pääbo ei suoi collaboratori hanno portato alla luce un DNA abbastanza antico da ricostruire L’intero genoma dei Neanderthal.

La nuova scoperta è arrivata da una grotta siberiana chiamata Chagyrskaya. I paleoantropologi dell’Accademia delle scienze russa hanno iniziato a scavare lì nel 2007, scoprendo parti di ossa e denti di Neanderthal. I ricercatori hanno anche trovato 90.000 strumenti di pietra nella grotta, insieme a ossa di bisonte macellate.

La grotta potrebbe essere stata una casa stagionale per i Neanderthal. Forse sono venuti a Chagyrskaya per cacciare i bisonti, che migrano ogni anno per pascolare nelle praterie vicine.

Nel 2020, il Dr. Pääbo e colleghi hanno presentato pubblicato Prime scoperte del DNA da Chagyrskaya: un genoma completo raccolto dall’osso del dito di una donna di Neanderthal. I suoi geni hanno mostrato che era più vicina ai Neanderthal a più di 3.000 miglia di distanza in Croazia rispetto a quelle a 65 miglia di distanza in un’altra grotta conosciuta come Denisova.

READ  Gli scienziati affermano che le zone umide della Louisiana stanno sperimentando un “collasso dell’ecosistema”.

Questa parentela indica che i Neanderthal in Siberia non appartenevano a una sola popolazione. Si espansero verso est dall’Europa almeno due volte: prima a Denisova e poi dopo decine di migliaia di anni a Chgerskaya.

Il team del Dr. Pääbo ha continuato a testare altri fossili di Neanderthal dalla grotta. Hanno infettato un complesso genetico materno e si sono ritrovati con il DNA di 11 individui: sei adulti e cinque bambini. I fossili – insieme a strumenti in pietra e ossa di bisonte – si sono depositati nello stesso strato di sedimenti della grotta.

“Gli archeologi chiamano questa una ‘carriera breve'”, ha detto Laurits Skov, ricercatore post-dottorato presso l’Università della California, Berkeley, coautore del nuovo studio. In altre parole, tutte le ossa erano intrappolate in questo strato di sporco in un periodo di tempo relativamente breve, da Geologically, “Ma la parola ‘breve’ qui significa duemila anni o meno”.

Tuttavia, il dottor Skov crede che 11 Neanderthal vissero tutti nello stesso periodo. Questo perché molti di loro erano parenti stretti.

Per cercare una parentela tra i Neanderthal, il dottor Skov ei suoi colleghi hanno scansionato il DNA del fossile per piccole differenze. Due dei fossili condividevano abbastanza differenze da essere parenti di primo grado. Uno proveniva da un paragrafo spezzato che sembra appartenere a un maschio adulto. L’altro proveniva da un’età che sembrava provenire da un’adolescente. Se queste età stimate sono accurate, i campioni potrebbero provenire da fratelli o da un padre e una figlia.

Il DNA dei fossili ha permesso ai ricercatori di determinare con maggiore precisione la relazione. Gli scienziati hanno approfittato del fatto che le madri trasmettono una serie extra di geni ai loro figli, chiamati DNA mitocondriale. Il ragazzo Chagyrskaya e la ragazza avevano un DNA mitocondriale diverso, il che esclude una relazione tra fratelli.

READ  Pioggia meteorologica delle Tauridi meridionali: osserva le palle di fuoco nel cielo quando raggiungono il picco questo fine settimana

“Ciò significa che possiamo provare che si trattava in realtà di un padre e una figlia”, ha detto il dottor Skov.

Altri scavi hanno fornito indizi di altri rapporti familiari. Il padre ha dimostrato di essere vicino ad altri due maschi adulti a Chagyrskaya. Anche una donna adulta e un ragazzo condividevano abbastanza DNA da essere probabilmente imparentati tra loro.

Il dottor Skov ha detto che i Neanderthal erano legati al fatto che morirono tutti in una volta. “Sembrava essere un evento in cui sono morti tutti”, ha detto il dottor Skov. Se morissero in momenti diversi, significherebbe che il gruppo è tornato nella stessa grotta per molti anni per seppellire ogni membro, uno scenario che il dottor Skov considera altamente improbabile.

I ricercatori hanno trovato altre prove che i Neanderthal morirono in gran numero. Nel 2010, un team di ricercatori in Spagna menzionato Dozzine di Neanderthal morirono circa 49.000 anni fa quando il tetto di una grotta crollò su di loro.

Il dottor Skov ha detto che non c’era alcun segno di un tale disastro a Crisostomo. Si ipotizzava che la caccia al bisonte della band fosse fallita per un anno, provocando la fame.

Nessuno degli undici Neanderthal nella Chgerskaya ha mostrato alcun legame genetico con i Neanderthal nella grotta di Denisova. Ma il dottor Skov ei suoi colleghi hanno scoperto un collegamento con una terza grotta nelle vicinanze conosciuta come Okladnikov. Due fossili di Neanderthal trovati in Okladnikov hanno legami genetici con Chygerskaya. Il dottor Skov ei suoi colleghi hanno combinato 13 Neanderthal delle due grotte per creare il profilo genetico della loro intera popolazione.

In un’analisi, hanno confrontato la diversità genetica di maschi e femmine. I ricercatori hanno scoperto che i cromosomi Y condivisi dai maschi erano in qualche modo simili. D’altra parte, il DNA mitocondriale trasmesso dalle madri ai loro bambini era molto vario.

READ  Riapre la California: i lavoratori preferiscono che tu tenga la mascherina

Questo modello appare in molte persone Comunità Gli uomini tendono a rimanere nel gruppo in cui sono nati e le donne spesso si spostano in nuovi gruppi prima della gravidanza. Il dottor Skov ei suoi colleghi hanno concluso che tra i Neanderthal le donne si spostavano da una banda all’altra.

“Stimiamo che dal 60 al 100 per cento delle donne in ogni comunità provenga effettivamente da altre comunità”, ha affermato il dottor Skov.

Il Dr. Skov ei suoi colleghi hanno poi aggiunto la diversità genetica nei Neanderthal per ottenere indizi sulla dimensione della loro popolazione. Le popolazioni più grandi tendono ad avere una maggiore diversità genetica.

“Guardando questi particolari modelli di diversità che vediamo nei dati, possiamo vedere che non ce n’è molto”, ha detto il dottor Skov.

Questa mancanza di diversità probabilmente significa che i Neanderthal siberiani vivevano in piccoli gruppi di 20 o meno persone. Ciò significa anche che la popolazione totale di Neanderthal in Siberia era molto bassa, forse meno di mille. “Sono simili a quelli dei gorilla di montagna, che sono una specie in via di estinzione”, ha detto il dottor Skov.

Lara Cassidy, una genetista del Trinity College di Dublino che non è stata coinvolta nello studio, ha avvertito che il lavoro potrebbe rivelare solo la struttura sociale dei Neanderthal che vivevano all’estremità orientale del loro gruppo.

Ha notato che i rigidi inverni siberiani potrebbero aver mantenuto il loro numero più basso che altrove. Ottenere il DNA da gruppi di Neanderthal in Medio Oriente o in Europa potrebbe rivelare un quadro più chiaro di come vivevano nell’intera catena.

“Ci sarà altro in arrivo, quindi questa è una pietra miliare”, ha detto.