Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La pressione internazionale vede l’Indonesia permettere a più di 100 rifugiati Rohingya di sbarcare

La marina indonesiana ha salvato più di 100 richiedenti asilo Rohingya che si trovavano su una barca che stava affondando al largo della costa occidentale del Paese, portandoli in salvo dopo le pressioni dei residenti locali e dei gruppi internazionali per i diritti umani.

La marina ha detto che forti piogge e acquazzoni hanno impedito il processo di portare a terra la maggior parte delle donne e dei bambini.

Un video clip mostrava il gruppo che lasciava la barca sotto una pioggia battente e saliva a bordo di un autobus, mentre le autorità li spruzzavano di disinfettante.

I rifugiati erano stati stipati in una barca di legno che sembrava avere una vela temporanea.

Octina Havante, un funzionario dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha detto ai giornalisti che 105 rifugiati, tra cui 50 donne e 47 bambini, rimarranno in quarantena da 10 a 14 giorni e saranno sottoposti a visite mediche.

Il sindaco locale Swede Yahya ha detto che sarebbero poi stati inviati nei rifugi nelle città indonesiane di Medan e Surabaya.

Un pescatore ha avvistato il gruppo Rohingya – che comprende alcune donne incinte – al largo della provincia di Aceh dopo aver trascorso 28 giorni in mare.

Le autorità hanno inizialmente accettato di fornire aiuti umanitari prima di pianificare il trasferimento dell’imbarcazione, ma hanno modificato tale decisione dopo gli avvertimenti sulle condizioni della nave e le richieste dell’UNHCR e di gruppi come Amnesty International per consentire l’atterraggio dell’imbarcazione.

Una madre Rohingya e dei bambini sbarcano dalla barca
Dopo lo sbarco, i richiedenti asilo sono stati spruzzati con disinfettante.(Agence France-Presse: Azure Ebank)

Un pescatore che si è avvicinato alla barca quando era in mare ha detto che la nave aveva danni al motore e perdite e che rischiava di affondare.

Ha anche detto che alcuni rifugiati hanno indicato il loro bisogno di cibo.

Un video che hanno inviato dalla scena mostrava la nave pericolosamente imballata e seduta bassa nell’acqua dopo aver risucchiato l’acqua in mare agitato dopo che il motore si è guastato.

Quando video e foto sono circolati sui social media, secondo i residenti locali, il sostegno è stato alimentato per la minoranza musulmana Rohingya in fuga dalla persecuzione nella natia Myanmar.

L’esercito del Myanmar – che ha strappato il potere al governo democraticamente eletto del paese a febbraio – ha intensificato la persecuzione della popolazione Rohingya negli ultimi anni.

Più di 700.000 musulmani Rohingya sono fuggiti dal Myanmar a maggioranza buddista verso i campi profughi in Bangladesh dall’agosto 2017, quando i militari del Myanmar hanno lanciato un’operazione di rastrellamento in risposta agli attacchi di un gruppo ribelle.

Le forze di sicurezza del Myanmar sono state accusate di stupro di massa, omicidio e incendio di migliaia di case.

“Siamo grati all’Indonesia e al suo popolo per aver dimostrato ancora una volta il loro spirito umanitario e per aver mostrato che salvare vite umane deve essere sempre una priorità assoluta”, ha dichiarato in una nota la presidente dell’UNHCR in Indonesia, Anne Maiman.

“È un imperativo umanitario facilitare lo sbarco immediato delle navi in ​​pericolo e prevenire la perdita di vite umane”.

I pescatori si avvicinano a una barca di legno che trasporta rifugiati Rohingya
I pescatori di Aceh salvano regolarmente i Rohingya bloccati in mare.(Reuters: Aditya Setiawan)

Tutti erano desiderosi di aiutare

I residenti di Aceh si sono detti commossi dal ricordo degli aiuti esteri durante più di 30 anni di conflitto e del devastante tsunami che ha ucciso centinaia di migliaia di persone nel 2004.

“Vogliamo sinceramente aiutare, soprattutto perché sappiamo come ci si sente a ricevere aiuto da altri paesi durante lo tsunami”, ha detto Ridwan, 56 anni, un pescatore locale, come molti indonesiani.

“Tutti erano desiderosi di aiutare fin dall’inizio”, ha detto.

Un pescatore locale ha detto in precedenza all’AFP che i rifugiati gli avevano detto che un ragazzo di 17 anni era morto.

I funzionari hanno affermato che i sopravvissuti saranno portati in una struttura di addestramento vicina dove saranno testati per COVID-19, esami medici e quindi una quarantena di 10 giorni.

Osman Hamid – Direttore Esecutivo di Amnesty International Indonesia – ha detto che la reazione del governo è stata tardiva, ma ha apprezzato l’ascolto da parte delle autorità dei pescatori di Aceh e l’accoglienza dei rifugiati.

L’Indonesia non è firmataria della Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati del 1951 e si considera un paese di transito per coloro che chiedono asilo in paesi terzi.

Attualmente ci sono circa 14.000 richiedenti asilo e rifugiati in Indonesia, molti dei quali sperano di essere reinsediati in Australia.

I rifugiati musulmani Rohingya salpano da anni dal Myanmar verso paesi come la Malaysia, la Thailandia e l’Indonesia tra novembre e aprile, quando i mari sono generalmente calmi.

Negli ultimi anni centinaia di Rohingya sono arrivati ​​sulla costa di Aceh. Molti di loro sono stati respinti, a volte dopo aver trascorso mesi in mare.

ABC / filo

READ  L'epidemia di delta variabile in Cina mostra segni di rallentamento mentre infuria in tutto il mondo