Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La polizia italiana sequestra i beni dell’architetto legato alla Russia

Membri della polizia fiscale italiana mostrano i contanti sequestrati durante un’operazione che ha coinvolto beni per un valore di 141 milioni di euro (144 milioni di dollari), che una fonte a conoscenza della questione ha detto che è stato sequestrato a un architetto legato al presidente russo Vladimir Putin. In questa foto pubblicata il 3 agosto 2022, Brescia, Italia, presumibilmente in violazione delle leggi fiscali italiane. Guardia di Finanza/Manuale via REUTERS

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

ROMA, 3 ago (Reuters) – La Guardia di Finanza ha sequestrato beni per 141 milioni di euro (144 milioni di dollari) a un architetto che ha progettato una residenza di lusso sul Mar Nero soprannominata “Palazzo di Putin” dagli oppositori del presidente russo.

La polizia fiscale ha inviato una denuncia mercoledì, citando presunti reati fiscali e sequestro di beni a un “noto professionista” nella città di Brescia, nel nord Italia.

Due fonti hanno detto a Reuters che le proprietà erano di proprietà di Lanfranco Cirillo, che ha progettato una grande tenuta sul Mar Nero russo conosciuta come “Palazzo di Putin” dopo che l’uomo d’affari ha affermato che era per il presidente russo Vladimir Putin.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’avvocato di Cirillo ha confermato che i beni del suo cliente erano stati sequestrati, ma ha detto che non aveva fatto nulla di male con le tasse italiane.

“È molto deludente che un architetto con sede a Mosca che acquista alcune proprietà e opere d’arte di valore in Italia e le regala a sua moglie e sua figlia, affermi falsamente di essere andato all’estero”, ha affermato l’avvocato Stefano. Lojacono ha detto in una nota.

READ  Pittura rinascimentale italiana 'da collocare in 3.000 tombe' | Italia

La Guardia di Finanza di Brescia ha detto che tra gli oggetti sequestrati c’erano un elicottero, immobili di lusso, contanti, gioielli e importanti opere d’arte.

Il presidente Putin ha negato qualsiasi coinvolgimento con le proprietà di lusso nel Mar Nero. Il problema è riemerso all’inizio del 2021 quando il critico del Cremlino incarcerato Alexei Navalny ha realizzato un video online in cui affermava che Putin era il suo proprietario finale.

In un’intervista alla televisione italiana ad aprile, Cirillo ha detto di aver progettato l’edificio ma che era stato commissionato da un gruppo privato e che non aveva nulla a che fare con Putin.

“E’ una follia pensare che il presidente di un Paese così importante debba costruirsi un palazzo”, ha detto Cirillo in un’intervista a La7.

($ 1 = 0,9822 euro)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportistica di Giuseppe Fonte e Giuseppe Fonte a Roma e Emilio Barodi a Milano, scrittura di Agnieszka Flock e Keith Weir Montaggio di Andrew Cawthorne e David Evans.

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.