Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La polizia di Victoria ha circondato la sinagoga di Riponlea

Il raduno sembra violare le rigide regole di blocco imposte dallo stato, anche se non è chiaro quali misure di applicazione, se del caso, prenderà la polizia.

Un portavoce della Victoria Police ha detto lunedì che gli agenti stavano rispondendo alle segnalazioni di potenziali violazioni delle restrizioni COVID-19 a Elsternwick e nelle aree circostanti. Ripponlea si trova vicino a Elsternwick.

Le riunioni private e pubbliche non sono consentite sotto il rigoroso blocco del coronavirus del Victoria, iniziato il 5 agosto.

Segue piscina Ripponlea festa di fidanzamento affollata Vi hanno partecipato membri della comunità ebraica di Caulfield North il mese scorso. La maggior parte delle 69 persone che hanno partecipato a quella festa sono state multate di $ 5.500.

Il primo ministro Daniel Andrews ha dichiarato martedì di non aver visto filmati circolanti dell’evento di Riponlia e ha riconosciuto che si trattava di un momento importante nel calendario ebraico, ma ha invitato le persone a seguire le restrizioni di blocco.

“Capisco che questo è stato un anno molto difficile per molte persone che non possono andare a fare le cose che vogliono”, ha detto. “Ma se non seguiamo queste regole, dovremo tutti aspettare più a lungo per fare le cose che vogliamo. Ecco perché le regole si applicano a tutti”.

Andrews si è detto grato ai leader della comunità ebraica, che in passato sono stati pronti a denunciare la cattiva condotta.

Ma, ha detto, “dobbiamo essere tutti al sicuro in tutto ciò che facciamo, indipendentemente da ciò che potrebbe motivarci”.

Josh Burns, un deputato laburista di Macnamara, un seggio nel sobborgo di Riponlea, ha espresso frustrazione per la manifestazione di martedì.

READ  Un rapporto degli architetti del 2018 ha rivelato che un condominio di Miami aveva "abbondanti crepe"

“Le regole di salute pubblica si applicano a tutti e non è deludente sentire che un piccolo gruppo di persone agisce ancora in violazione della legge”, ha affermato.

“Non c’è niente di pio nell’ignorare le regole sanitarie e nel mettere a rischio la vita. Per quanto doloroso come stare lontani in questo momento, specialmente per le famiglie ebree il giorno di Capodanno, ringrazio la stragrande maggioranza delle famiglie che stanno facendo la cosa giusta”.

Il Consiglio della comunità ebraica di Victoria aveva precedentemente condannato le riunioni pubbliche durante il COVID-19, affermando che non facevano parte delle pratiche religiose ebraiche durante la pandemia.

In un’e-mail distribuita ai membri della comunità venerdì, il presidente del consiglio, Daniel Agion, ha dichiarato: “Quest’anno, mentre la nostra comunità celebra il capodanno, stare lontani ci rende tutti uniti”.

Altre organizzazioni ebraiche, tra cui il Comitato anti-diffamazione, il Consiglio della sinagoga ortodossa del Victoria e il Dipartimento della salute sono state contattate per un commento.