Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La politica può risolvere il cambiamento climatico?

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Francesca Cresta per la rubrica di Rethinking Climate, Italia Sostenibile. Ripensare il clima è un’organizzazione no-profit di cooperazione internazionale guidata dai giovani la cui missione è capire come possiamo comunicare al meglio, e quindi comprendere, la crisi climatica e la sostenibilità nella sua varietà di argomenti. Qual è il modo in cui comunichiamo i problemi climatici che rende così difficile implementare le soluzioni disponibili?

Buone notizie: siamo (quasi) tutti d’accordo sull’importanza del cambiamento climatico. Che il cambiamento climatico stia avvenendo non provoca più un acceso dibattito – nessun gioco di parole – e il urgenza di azione è equamente concordato. Tuttavia, come possiamo agire rimane controverso.

La ricerca pubblicata lo scorso anno mostra che i giovani di tutto il mondo si sentano ansiosi per il clima – ed è in gran parte dovuto all’inerzia dei politici nei confronti del nostro pianeta. Quello che i nostri giovani tendono a vedere è quello, insieme cambiamenti individuali, polizze dedicate sono fondamentali per rispondere alla crisi climatica. Ma c’è un problema: le persone tendono ad avere poca fiducia nelle istituzioni per impegnarsi in una vera azione per il clima, anzi meno fiducia di quella che hanno avuto riguardo al COVID-19.

Con le recenti proteste a Glasgow durante la COP26, la continua copertura ambientale e i discorsi di importanti politici, tutti parlano del clima. Ma se la narrazione è così ampia, perché siamo d’accordo sulle premesse, ma rimaniamo scettici sul trovare e agire in base alle soluzioni?

Dal COVID alla crisi climatica

Anche quando la pandemia ha travolto le nostre vite, anche quando sembra impossibile parlare per più di cinque minuti prima che qualcuno menzioni la parola C, noi ancora riconoscere il cambiamento climatico come una questione urgente.

In Italia, l’89% delle persone vede oggi nell’emergenza climatica il rischio maggiore per la sicurezza nazionale, con la pandemia al secondo posto, all’85% intervistati. Gli italiani riferiscono anche di sentire l’impatto del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana molto più di altri europei, con Il 91% delle persone nel paese sta vivendo un cambiamento, a fronte di una media europea del 77%.

READ  Almeno 65 persone sono state uccise negli incendi in Algeria, tra cui Grecia e Italia

Durante i primi giorni di gennaio 2022, un anno che speriamo sia migliore del precedente, mi sono reso conto che il cambiamento climatico è adesso. Ho avuto un assaggio di ciò che sarà sempre più frequente per il resto della mia vita, indipendentemente dalle politiche che optiamo. Mi sono imbattuto le notizie che a causa della mancanza di precipitazioni naturali e delle temperature costantemente elevate, non ci fosse abbastanza neve sulle piste di Cortina.

Le temperature erano troppo alte anche per il funzionamento dei cannoni da neve. Per garantire un buon servizio e fare in modo che l’economia locale potesse continuare – ragioni che fanno eco a quelle utilizzate durante la riapertura delle attività durante la pandemia – la neve veniva ora trasportata su per la montagna dagli elicotteri. Mio zio stava sciando lì in quel momento e ricevevo quotidianamente foto da lui e dalla sua famiglia che sciavano in un paese delle meraviglie invernale baciato dal sole. Pochi giorni dopo, le temperature sono scese a -12°C, ha nevicato e sia i cannoni da neve che gli elicotteri hanno potuto fare una pausa.

Mio zio, in tutto questo, non ha dovuto prendersi una pausa dallo sci, ma ha notato cosa stava succedendo intorno a lui. Il cambiamento climatico potrebbe non essere il tuo primo pensiero mentre bevi un Bombardino sulle piste, ma sta avendo un impatto su ogni parte della nostra vita.

Per contestualizzare, secondo il Rapporto IPCC AR6, le temperature estreme sulla terraferma aumenteranno la loro frequenza da una volta ogni decennio a 2,8 volte un decennio con un clima più caldo di 1,5 °C. Si verificheranno 5,6 volte con un aumento di 2°C e 9,4 volte se il clima si riscalda di 4°C. Ciò significa più giorni in cui la neve si scioglie e gli elicotteri vengono in soccorso.

Gli italiani si fidano meno del governo dei cambiamenti climatici che del COVID

Nonostante tutti i dibattiti che ascoltiamo al telegiornale, gli italiani si fidano ampiamente delle istituzioni per affrontare la pandemia. Nonostante sia un argomento più controverso del cambiamento climatico, 75% degli italiani in una recente indagine hanno espresso la loro fiducia nelle istituzioni italiane e nel modo in cui stanno gestendo l’emergenza COVID.

READ  Jorkinho Rigore, Tecnica, Italia vs Spagna, Reazione, Video, Alvaro Morata, Uni Simon, Notizie Calcio

Tuttavia, questo rapporto mostra che l’86% degli italiani ritiene di essere più preoccupato per l’emergenza climatica del proprio governo. Le democrazie rappresentative non dovrebbero essere rappresentative dei loro elettori?

Inoltre, la maggior parte delle persone, il 72%, accoglierebbe con favore una tassa sui prodotti e servizi che contribuiscono maggiormente al riscaldamento globale, esprimendo così la volontà di sacrificare parte del proprio potere d’acquisto per il clima. Tuttavia, un’altra contraddizione: il 55% pensa che il proprio Paese non riuscirà a ridurre drasticamente le proprie emissioni di carbonio entro il 2050.

Quello che sembra emergere è che la gente pensa alla politica come a qualcosa che non viene da loro. Lo percepiscono come qualcosa che ha i suoi interessi, che è in contrasto con la politica climatica. Questa percepita incapacità di cambiare la politica, questo sentimento di impotenza, è forse uno dei maggiori elementi che impediscono alle persone di agire.

Quando si parla di cambiamento climatico, sembra che le persone non abbiano abbastanza fiducia nelle istituzioni per intraprendere le azioni necessarie. 85% degli italiani pensare che le iniziative legali che spronano i cittadini e le associazioni contro il governo per la sua incapacità di affrontare i cambiamenti climatici siano utili per aumentare la consapevolezza e influenzare la definizione dell’agenda pubblica. Tuttavia, il 58% di loro pensa che quelle stesse azioni legali sarebbero inutili per influenzare politici e decisori.

Forse il problema sta allora nella disconnessione tra la gente ‘ordinaria’ e chi detiene il potere – dalla mancanza di fiducia nei governatori, nei sindaci, negli amministratori locali. Senza fiducia, non c’è speranza, e senza speranza, nessuna azione.

Sapere di più potrebbe aiutare a riconquistare la fiducia perduta

Ricostruire la fiducia nelle istituzioni non è un compito facile, in particolare quando le persone, proprio quelle persone che dovrebbero avviare il processo, si sentono alienate. Qualcosa che potrebbe aiutarci è l’istruzione.

READ  Le donne possono essere pagate per non abortire nel nord Italia | Italia

Un esempio potrebbe essere l’indagine sulla politica dell’UE esistente, dal Green Deal dell’UE a quello dell’Italia piani di recupero e sostenibilità, al risultati della COP26. Inoltre, è fondamentale ricordare che, oltre all’esercizio del diritto di voto, esistono ormai precedenti di associazioni che hanno avviato azioni legali contro il governo italiano per inazione intorno alla crisi climatica.

Ci sono molte opportunità per agire, ma pochi cittadini le sfruttano. Forse il modo in cui comunichiamo il clima e gli strumenti d’azione è fondamentale per capire quanto si sentano potenti le persone di fronte alla crisi climatica.

Per quanto ancora possiamo dire di essere preoccupati, ma di non cercare istruzione e ignorarne gli effetti? Quando smetteremo di risolvere i problemi a breve termine, semplicemente trasportando neve su per le montagne in elicottero? Concordare sull’esistenza del cambiamento climatico non è sufficiente: dovremmo essere attivi e difendere le cose a cui teniamo. Un esempio di cosa possiamo chiedere, insieme? L’Italia è attualmente senza una legge sul clima, molto indietro rispetto alla maggior parte dei paesi dell’UE. Sembra un buon punto di partenza.

Come si ottengono le informazioni sulla crisi climatica? Rethinking Climate sta lavorando per raccogliere dati su come le persone pensano al clima per agire. Puoi aiutarci con impiegando 5 minuti per rispondere a queste domande anonimamente e facci sapere.

Sostieni il nostro progetto indipendente!

Crediamo nel raccontare storie di qualità sulla vita politica, culturale e sociale in Italia, libere da paywall o (troppe) pubblicità. Se ti piace leggere, speriamo che prenderai in considerazione la possibilità di iscriverti alla nostra community Patreon, dove sbloccherai approfondimenti sui nostri argomenti più popolari e pass per il backstage delle nostre storie preferite.