Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La più grande cometa conosciuta si sta dirigendo abbastanza vicino a noi da essere visibile



CNN

Gli astronomi hanno scoperto la più grande cometa conosciuta, che è circa mille volte più grande di altre comete.

La cometa Bernardinelli-Bernstein, così chiamata perché scoperta dal Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università della Pennsylvania Lo studente laureato Pedro Bernardinelli e il professor Gary Bernstein, vanno da 62 a 124 miglia (da 100 a 200 chilometri) di larghezza. Il team ha annunciato la scoperta a giugno.

Questa cometa insolita lo farà L’approccio più vicino al nostro sole è nel 2031, ma probabilmente avrai bisogno di un grande telescopio amatoriale per vederlo.

J. da Silva / NOIRLab / NSF / AURA

Questa illustrazione mostra la cometa Bernardinelli-Bernstein come potrebbe apparire nel sistema solare esterno.

La cometa gigante, nota anche come C/2014 UN271, si trova ai margini del nostro sistema solare e si sta facendo strada verso il nostro sole da milioni di anni. Questa è anche la cometa più lontana mai scoperta durante il suo viaggio nell’entroterra, che fornirà agli scienziati la possibilità di osservarla e studiarla negli anni a venire.

La cometa Bernardinelli-Bernstein è stata trovata durante sei anni di dati raccolti dalla Dark Energy Camera, situata sul telescopio Victor M Blanco di 4 metri all’Osservatorio internazionale del Cerro Tololo in Cile. I dati raccolti da questa fotocamera vengono inseriti in The Dark Energy Survey, una collaborazione di oltre 400 scienziati in sette paesi e 25 istituzioni.

La fotocamera, nota anche come DECam, aiuta a identificare 300 milioni di galassie nel cielo notturno, ma cattura anche scorci di comete e oggetti trans-Nettuno, o corpi celesti ghiacciati situati lungo la periferia del Sistema Solare, al di fuori dell’orbita di Nettuno. .

Bernardinelli e Bernstein hanno utilizzato gli algoritmi del National Center for Supercomputing Applications presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign per identificare gli oggetti transnettuniani. Durante il loro lavoro, gli astronomi hanno tracciato 32 rilevamenti di singoli oggetti.

Le comete sono resti ghiacciati che sono stati espulsi dal Sistema Solare quando i pianeti giganti si sono formati e sono migrati verso le loro attuali formazioni. Quando le comete si avvicinano al nostro sole durante le loro orbite, il loro ghiaccio evapora, creando il loro aspetto distintivo.

Le comete hanno un nucleo, o “palla di neve sporca” solida, al centro. I coma sono nubi gassose che si formano attorno al nucleo quando il ghiaccio della cometa evapora. Anche il gas e la polvere in evaporazione vengono spinti dietro la cometa, risultando in due code illuminate dal sole. Queste code possono essere lunghe centinaia o addirittura milioni di miglia.

Le immagini del corpo scattate tra il 2014 e il 2018 non hanno mostrato la coda di una cometa. Ma negli ultimi tre anni, all’oggetto è cresciuta una coda, rendendolo ufficialmente una cometa Bernardinelli-Bernstein.

Le osservazioni effettuate utilizzando la rete di telescopi dell’Osservatorio Las Cumbres in tutto il mondo hanno contribuito a confermare lo stato attivo della cometa.

“Poiché siamo una squadra con base in tutto il mondo, è successo che era pomeriggio, mentre le altre persone dormivano. La prima immagine stava oscurando la cometa vicino alla linea satellitare e il mio cuore è affondato. Ma poi gli altri erano chiaro e abbagliante: c’è sicuramente un puntino sfocato Beautiful, per niente cospicua come le stelle accanto!” Michelle Bannister, un’astronoma dell’Università di Canterbury in Nuova Zelanda, ha detto in una dichiarazione.

Il viaggio della cometa è iniziato a 3,7 trilioni di miglia (6 trilioni di km) dal Sole, o 40.000 unità astronomiche. La distanza tra la Terra e il Sole è un’unità astronomica. Per riferimento, Plutone è 39 AU dal Sole.

cometa È venuto dalla nuvola di Oort di corpi, un gruppo isolato di corpi ghiacciati che sono più lontani di qualsiasi altra cosa nel nostro sistema solare. Gli scienziati pensano che sia da qui che provengono le comete, ma non hanno mai visto nulla all’interno della nube di Oort.

La nube di Oort si trova tra 2.000 e 100.000 UA dal Sole. Alla fine, veicoli spaziali della NASA come Voyager 1 e 2, così come New Horizons, raggiungeranno la nuvola di Oort. Ma quando lo faranno, le loro fonti di potere saranno morte da secoli.

La cometa Bernardinelli-Bernstein si trova attualmente a circa 1,8 miliardi di miglia (3 miliardi di km) di distanza, circa la distanza di Urano dal Sole. Nel suo punto più vicino nel 2031, sarà poco più della distanza di Saturno dal Sole.

“Abbiamo il privilegio di scoprire forse la cometa più grande che abbiamo mai visto – o almeno la più grande di qualsiasi cometa ben studiata – e di trovarla abbastanza presto da consentire alle persone di osservarla mentre si sviluppa mentre si avvicina e si riscalda”, Bernstein ha detto in una nota. . “Non ha visitato i pianeti per più di 3 milioni di anni”.

Questa straordinaria opportunità di studiare l’interno della cometa consentirà agli astronomi di comprendere meglio l’origine e la composizione della cometa. Potrebbe essere solo una delle tante comete giganti che sono sorte nella nuvola di Oort.

READ  Un uomo del New Jersey muore a causa del virus del Nilo occidentale, dicono i funzionari