Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La perdita suggerisce che l’Australia ha cercato di indebolire il rapporto sul clima delle Nazioni Unite sulla necessità di chiudere le centrali elettriche a carbone | crisi climatica

L’Australia si è opposta alla constatazione in un importante rapporto sul clima secondo cui le centrali elettriche a combustibili fossili saranno eliminate con urgenza e ha chiesto che il paese venga rimosso dall’elenco dei principali produttori e consumatori mondiali di carbone, area verde Ha detto, citando documenti trapelati.

L’Australia è stata tra i pochi principali esportatori di combustibili fossili che hanno cercato di indebolire i risultati del rapporto, ha detto giovedì il braccio investigativo di Greenpeace Unearthed.

rilasciato Report basato su documenti trapelati Rilevante per il terzo documento del gruppo di lavoro sulle soluzioni alla crisi climatica del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Guardian Australia non ha visto i documenti trapelati. Greenpeace ha affermato che gli estratti sono stati rilasciati solo a causa di “una preoccupazione ben fondata nella comunità scientifica circa la pubblicazione dei rapporti IPCC trapelati prima che il processo scientifico per arrivare alle loro conclusioni fosse completato”. Il rapporto del WG3 non sarà finalizzato fino a marzo 2022.

L’Australia, il più grande esportatore di carbone al mondo e il secondo esportatore di gas, occupa un posto di rilievo nel rapporto Unearthed come rifiuto dell’analisi dell’IPCC secondo cui i combustibili fossili devono essere eliminati con urgenza dai sistemi energetici mondiali.

La bozza del rapporto dell’IPCC afferma che le centrali elettriche a carbone e gas devono essere eliminate e sostituite con fonti di elettricità a basse o zero emissioni di carbonio, secondo Unearthed. A lungo termine, le tecnologie come i combustibili a idrogeno o la cattura e lo stoccaggio delle emissioni di carbonio delle centrali elettriche devono essere testate e migliorate.

L’eliminazione graduale dell’energia da combustibili fossili nel breve termine, afferma che l’IPCC dovrebbe essere accompagnato da sforzi per migliorare e testare opzioni che saranno importanti in seguito, incluso l’idrogeno o i biocarburanti in automobili, camion e centrali elettriche. o raffinerie con CCUS [carbon capture utilisation and storage]. “

Tuttavia, l’Australia ha respinto questa analisi, osservando nei commenti alla bozza che il sequestro del carbonio potrebbe essere implementato a breve termine per evitare l’eliminazione graduale dell’energia da carbone e gas, afferma Unearthed.

Il rapporto cita un alto funzionario del Dipartimento australiano dell’industria, della scienza, dell’energia e delle risorse che afferma: “Queste osservazioni confondono l’obiettivo (eliminare le emissioni) con il mezzo di ‘eliminare l’energia a carbone esistente’. Il CCUS rimane rilevante per le emissioni zero. .”

In un intervento separato, il funzionario australiano ha suggerito di rimuovere il paese dall’elenco dei principali produttori e consumatori di carbone nel mondo – anche se l’Australia è il paese Quinto produttore di carbone nel mondo tra il 2018 e il 2021, perché la nazione non consuma tanto carbone quanto gli altri paesi, afferma Unearthed.

Iscriviti per ricevere le notizie più interessanti da Guardian Australia ogni mattina

L’Australia ha anche contestato l’analisi dell’IPCC secondo cui la pressione delle compagnie di combustibili fossili aveva indebolito l’azione sui cambiamenti climatici in Australia e negli Stati Uniti in particolare.

“Un fattore che ha limitato l’ambizione della politica climatica è la capacità delle industrie consolidate di plasmare l’azione del governo sul cambiamento climatico… Le campagne delle compagnie petrolifere e del carbone contro l’azione per il clima negli Stati Uniti e in Australia sono forse le più conosciute e di gran lunga le di maggior successo”, afferma il rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC), citando un revisore accademico, secondo Unearthed.

Ma nonostante queste indicazioni, il funzionario australiano ha chiesto “che questa visione politica venga cancellata per farla sembrare realistica”, dice Unearthed.

Portavoce Angus TaylorIl ministro australiano per l’energia e la riduzione delle emissioni ha affermato che la posizione dell’Australia non è stata riportata con precisione.

“Tutti i commenti ricevuti dall’IPCC vengono pubblicati con i suoi rapporti una volta completati. Ciò garantisce la completa trasparenza”, hanno affermato in una dichiarazione. “Confermare che il commento su una bozza è in qualche modo “sovrapposto” è decisamente sbagliato”.

Guida veloce

Come ricevere le ultime notizie da Guardian Australia

mostrare

Foto: Tim Robberts/pietra RF

Grazie per il tuo feedback.

Il governo australiano guidato da Scott Morrison ha affermato che è improbabile che aumenti l’obiettivo del paese per il 2030 di ridurre le emissioni al livello del 2005 del 26-28% e continua a dibattere internamente sull’accettazione dell’obiettivo di neutralità del carbonio entro il 2050.

Questo problema delle emissioni nette zero appare anche nel rapporto Unearthed, che indica l’uso della “compensazione del carbonio” nel consentire alle aziende e ai paesi di ridurre le proprie emissioni senza eliminare gradualmente i combustibili fossili, e sarà in primo piano ai colloqui sul clima a Glasgow a partire da ottobre 31.

Secondo Unearthed, l’Australia ha contestato la sua presentazione dell’affermazione dell’IPCC secondo cui “un crescente corpo di ricerca – solitamente tratto dall’esperienza con i mercati del carbonio esistenti e i meccanismi di Kyoto – evidenzia i rischi per la sicurezza ambientale associati all’uso dei risultati di mitigazione comunicati a livello internazionale”. [a form of carbon credit] nell’ambito dell’accordo di Parigi, date le sfide poste dai diversi ambiti, scale, tipi e tempi degli obiettivi NDC per una solida responsabilità (Schneider e La Hoz Theuer 12 2019) e il potenziale per il trasporto “ad aria calda” come previsto dal protocollo di Kyoto (La Hoz Theuer et al 2019)”.

Il commentatore australiano ha inserito una nota, secondo Unearthed, in cui si afferma: “Interroga l’uso di ‘crescita’ (riga 8) con riferimento al gruppo di ricerca, dove vengono citati solo due studi. Due studi non sembrano essere una misura regolare di un ‘corpo in crescita’ di ricerca.”

David Ritter, amministratore delegato di Greenpeace Australia Pacific, ha affermato che i documenti trapelati suggeriscono che il governo Morrison sta cercando di “infrangere il progresso climatico globale”.

“Quello che vediamo in questi documenti trapelati è che i funzionari del governo di Morrison sono in una posizione dirompente, piuttosto che agire in buona fede con i migliori interessi del popolo australiano per cooperare per garantire un’ambiziosa cooperazione globale sul clima”, ha detto Ritter in una nota.

“Scott Morrison si è rifiutato di fissare un obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 più forte per l’Australia, e ora sappiamo che il suo governo sta resistendo alle raccomandazioni chiave del principale organismo mondiale di scienze del clima sulla necessità di eliminare gradualmente il carbone nel prossimo decennio”.

Adam Bandt, leader dell’Australian Green Party, ha affermato che il rapporto Unearthed mostra che la coalizione sta “cercando attivamente di impedire al resto del mondo di fermare il pericoloso riscaldamento globale”.

“Non sono solo gli australiani che stanno cercando di ingannare Morrison, ma sta anche cercando di ingannare i nostri amici e alleati nella comunità internazionale”, ha affermato Chris Bowen, portavoce dell’organizzazione ombra del Federal Labour Party.

READ  La vittoria razziale di Naomi Osaka, la tuta da calcio femminile americana, i risultati del nuoto australiano