Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Nuova Zelanda collega la morte al vaccino Pfizer COVID: “La vaccinazione rimane più sicura”

Le autorità sanitarie della Nuova Zelanda hanno affermato di ritenere che la morte di un uomo di 26 anni sia collegata a un effetto collaterale del vaccino Pfizer COVID-19.

Un’analisi post mortem preliminare ha indicato che la probabile causa della morte dell’uomo era la miocardite, un raro effetto collaterale del vaccino che provoca l’infiammazione della parete del muscolo cardiaco, ha affermato. Bloomberg.

“Con le attuali informazioni disponibili, il Consiglio ha ritenuto che la miocardite potrebbe essere stata dovuta alla vaccinazione in questo individuo”, ha affermato una dichiarazione dell’Indipendent Vaccine Safety Monitoring Board in Nuova Zelanda. Il primo vaccino di Pfizer, secondo Bloomberg.

La dichiarazione indicava che “l’infezione da Covid-19 può essere essa stessa una causa di miocardite” e ha affermato che “la vaccinazione rimane più sicura dell’infezione da virus”.

Il Consiglio ha inoltre evidenziato che “i benefici della vaccinazione con il vaccino Pfizer per Covid-19 continuano a superare in modo significativo i rischi di effetti collaterali così rari”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confesso Una “indicazione molto rara di miocardite” è stata segnalata da alcuni vaccini COVID-19. L’organizzazione ha aggiunto che la maggior parte dei casi di miocardite si verifica nei giovani di età compresa tra i 16 ei 24 anni e di solito si verifica entro pochi giorni dalla seconda vaccinazione.

Anche i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno Egli ha detto “Monitora attivamente le segnalazioni di miocardite” ma “continua a raccomandare che tutti i bambini di età pari o superiore a 5 anni vengano vaccinati contro il COVID-19”.