Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA sta sostenendo alcune missioni rischiose sulla luna: è ora

Ingrandisci / Questa illustrazione mostra un concetto per un lander lunare commerciale di Astrobotic Technology.

Nasa

Per più di tre anni, la NASA si è concentrata intensamente sul programma Artemis Moon. Questo importante sforzo internazionale, guidato dall’Agenzia spaziale statunitense al costo di circa 7,5 miliardi di dollari all’anno, mira a riportare gli esseri umani sulla superficie lunare a metà del 2020 e stabilire una presenza sostenibile nello spazio profondo.

Ma negli ultimi anni, la NASA ha finanziato un secondo programma lunare più piccolo, solo il tre percento del costo di Artemis. Questo è il programma Commercial Lunar Payload Services, che cerca di utilizzare società private per inviare veicoli lander di piccole e medie dimensioni sulla superficie lunare principalmente per missioni scientifiche. Il suo budget è di circa 250 milioni di dollari all’anno.

Questo programma, noto come CLPS, sta mostrando alcuni segnali promettenti e batterà Artemide sulla luna di almeno due anni. Inoltre, rappresenta un nuovo coraggioso sforzo da parte del Dipartimento della Scienza della NASA, che cerca di sfruttare il settore emergente dello spazio commerciale per aumentare radicalmente le capacità scientifiche ed esplorative. In caso di successo, il modello di esplorazione CLPS potrebbe estendersi a Marte e oltre.

Ma ci riuscirai? Stiamo per scoprirlo.

origine CLPS

Come il programma Artemis, l’origine del CLPS può essere fatta risalire alla metà dell’amministrazione Trump, quando i funzionari della Casa Bianca hanno cercato di riorientare i programmi di esplorazione della NASA sulla Luna nel 2018 dopo un lungo periodo di forte concentrazione su Marte. Questo cambiamento ha risuonato con l’amministratore associato responsabile dei programmi scientifici della NASA, Thomas Zurbuchen, entrato in carica alla fine del 2016.

READ  SpaceX per replicare Starbase, costruire più piattaforme di lancio per Starship in Florida

Dalla fine del programma Apollo negli anni ’70, la NASA ha inviato una manciata di orbitanti sulla luna, ma non vi è atterrato facilmente in più di quattro decenni. Nel frattempo, l’agenzia spaziale è atterrata sei volte su Marte ed ha esplorato il resto del sistema solare.

“Ho sentito per molto tempo che non eravamo abbastanza concentrati sulla luna”, ha detto Zurbuchen in un’intervista ad Ars. “Sembrava strano che ogni corpo celeste nel sistema solare fosse interessante tranne quello nel cielo ogni notte”.

Altri scienziati stanno iniziando a essere più coinvolti nella ricerca lunare, in particolare con l’interesse della NASA per la possibilità di raccogliere ghiaccio d’acqua ai poli lunari. L’industria spaziale commerciale, stimolata in parte da Google Lunar XPrize, ha iniziato a lavorare su concetti di atterraggio innovativi. E c’era un altro punto dati; Il programma di successo della NASA per convincere le società commerciali a consegnare cibo e forniture alla Stazione Spaziale Internazionale sta iniziando a funzionare bene.

Zurbuchen si chiedeva se questo modello pubblico e privato potesse essere ampliato per includere le spedizioni scientifiche. In altre parole, le società commerciali erano all’altezza del compito di costruire piccoli lander, assumere società di lancio private e fornire esperimenti alla NASA e ad altri clienti sulla luna?

Lavorando con alleati chiave all’interno della NASA, tra cui David Shore della Planetary Science Division e Stephen Clark, vice amministratore associato, Zurbuchen ha fondato il programma CLPS. Dopo aver selezionato un gruppo di dozzine di società statunitensi idonee all’offerta, la NASA ha iniziato ad aggiudicare contratti competitivi per un valore compreso tra $ 80 milioni e $ 100 milioni nel maggio 2019 per missioni di consegna lunare. Questi costi erano molto inferiori a quelli che la NASA avrebbe pagato come parte del tradizionale processo di appalto.

READ  Un'innovativa vela solare a fissione finanziata dalla NASA potrebbe portare la scienza verso nuove entusiasmanti destinazioni

Non tutti questi veicoli di atterraggio avranno successo, almeno all’inizio. Rappresenta un enorme salto tecnologico per un’azienda privata per costruire un veicolo spaziale e un lander e far funzionare il veicolo a circa 400.000 chilometri dalla Terra. Zurbuchen ha usato la frase “tiri in porta” per descrivere questo rischio, dicendo costantemente ai responsabili politici che c’è una possibilità di successo del 50-50 nelle prime missioni CLPS.

“Devi comprare il rischio”, ha detto Zurbuchen. “Se le possibilità di successo devono essere dell’80 percento, devo mettere in atto un programma per garantire sicurezza e missione. E non voglio farlo perché poi spremerò un po’ dell’energia imprenditoriale. Davvero, crediamo davvero che l’ecosistema imprenditoriale sia uno dei principali punti di forza degli Stati Uniti. Non siamo secondi a nessuno. E se non lo usiamo come parte del nostro modello di leadership, ci perdiamo molto”.