Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA si scontra con una navicella spaziale in un asteroide in un test di difesa planetaria | Nasa

Un veicolo spaziale multimilionario si scontrerà frontalmente con un asteroide delle dimensioni di un campo da calcio a grandezza naturale senza precedenti Test di difesa planetaria Lunedì sera, l’agenzia spaziale americana NASA.

Il veicolo spaziale da 570 kg (1.257 libbre) chiamato Dart – abbreviazione di Double Asteroid Redirection Test – è destinato a schiantarsi ad alta velocità contro l’asteroide Demorphos e ad autodistruggersi intorno alle 19:00 ET.

La collisione tra l’asteroide e l’astronave – delle dimensioni di un distributore automatico con due pannelli solari rettangolari – dovrebbe svolgersi a circa 11 metri dalla Terra.

Il test mira a determinare se un veicolo spaziale che si scontra deliberatamente con un asteroide è un modo efficace per cambiarne la rotta ed evitare uno scenario apocalittico per la Terra. Una strategia relativamente simile che coinvolge un missile nucleare piuttosto che un veicolo spaziale senza equipaggio fallisce durante un punto chiave della trama del film fantasy di Morgan Freeman del 1998 Planets . effetto profondo.

L’autodistruzione di Dart non rappresenta una minaccia per l’umanità, Nasa ha detto un portavoce di Glenn Nagel.

Il test di lunedì è stato il primo di una serie di “missioni di protezione planetaria”, ha detto Nagel.

“Vogliamo avere maggiori possibilità di essere dinosauri 65 milioni di anni fa”, ha detto Nagel, riferendosi alla teoria secondo cui i rettili preistorici che governavano la Terra si estinsero quando un asteroide colpì il pianeta.

Tutto quello che possono fare è alzare lo sguardo e dire: “Ehi, asteroide”, ha aggiunto Nagel.

Sebbene nessun asteroide conosciuto più grande di 459 piedi (140 metri) abbia un’alta probabilità di colpire la Terra nel prossimo secolo, si stima che solo il 40% di quegli asteroidi sia stato identificato finora.

Telecamere e telescopi monitoreranno l’incidente, ma ci vorranno giorni o addirittura settimane per vedere se ha effettivamente cambiato l’orbita dell’asteroide.

Il test di difesa planetaria da 325 milioni di dollari culminato lunedì è iniziato con il lancio del DART lo scorso autunno.

Reuters e The Associated Press hanno contribuito a questo rapporto.

READ  Con il decimo volo, la creatività ha sorvolato oltre un miglio sulla superficie di Marte