Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA offre 1 milione di dollari per sistemi innovativi per nutrire gli astronauti di domani

Unisciti alla Deep Space Food Challenge per portare nello spazio e qui sulla Terra tecnologie innovative per la produzione alimentare.

come Nasa Preparandosi a inviare più astronauti nell’universo che mai, l’agenzia mira a potenziare la produzione di una fonte di combustibile fondamentale: il cibo. Dare ai futuri esploratori la tecnologia per produrre pasti nutrienti, deliziosi e soddisfacenti in missioni spaziali di lunga durata darà loro l’energia per scoprire il grande sconosciuto.

In coordinamento con l’Agenzia spaziale canadese, la NASA chiede al pubblico di aiutare a sviluppare tecnologie o sistemi di produzione alimentare innovativi e sostenibili che richiedano risorse minime e producano rifiuti minimi. Il concorso, chiamato Deep Space Food Challenge, invita i team a progettare, costruire e dimostrare prototipi di tecnologie di produzione alimentare che forniscono prodotti alimentari o alimenti tangibili.

Nel tempo, il cibo perde il suo valore nutritivo. Ciò significa per una missione pluriennale a MarteTuttavia, portare cibi preconfezionati non soddisferà tutte le esigenze per mantenere gli astronauti in salute. Inoltre, l’insicurezza alimentare è un grave problema cronico a terra nelle comunità urbane e rurali. I disastri che interrompono le catene di approvvigionamento aggravano la carenza di cibo. Lo sviluppo di soluzioni di sistemi alimentari avanzate, compatte e innovative attraverso iniziative come la Deep Space Food Challenge può avere applicazioni nella produzione alimentare locale e comunitaria, fornendo nuove soluzioni per le risposte umanitarie a inondazioni e siccità e nuove tecnologie per un rapido dispiegamento in seguito di disastri.

La NASA e l’Agenzia spaziale canadese si sono coordinate per aprire la seconda fase della Deep Space Food Challenge, che mira a sviluppare nuove tecnologie per il sistema di produzione alimentare per missioni di lunga durata nello spazio profondo. credito: NASA

“Nutrire gli astronauti per lunghi periodi entro i limiti dei viaggi spaziali richiederà soluzioni innovative”, ha affermato Jim Reuter, amministratore associato per la direzione della missione della tecnologia spaziale della NASA presso la sede dell’agenzia a Washington. “Spingere i confini della tecnologia alimentare manterrà sani i futuri esploratori e potrebbe aiutare a nutrire le persone proprio qui a casa”.

READ  L'incredibile immagine di Hubble rivela uno strano "specchio" della galassia

Nell’ottobre 2021, la prima fase della sfida ha raggiunto il culmine quando la NASA ha assegnato a 18 team un totale di $ 450.000 per i loro concetti di tecnologia di produzione alimentare innovativa che producono prodotti alimentari sicuri, tollerabili, appetibili, nutrienti, stabili e di alta qualità , riducendo al minimo gli input di risorse necessarie. . La NASA e l’Agenzia spaziale canadese hanno collaborato con 10 squadre internazionali per riconoscere i vincitori. La Methuselah Foundation, il partner di supporto della sfida della NASA, ha sponsorizzato due premi da $ 25.000 a squadre internazionali per le loro eccezionali innovazioni. La CSA ha assegnato a 10 squadre 30.000 dollari canadesi a ciascuna delle loro squadre vincitrici.

La NASA sta ora invitando i team nuovi ed esistenti ad entrare nella Fase 2, che richiederà ai team di costruire e mostrare prototipi dei loro progetti e produrre cibo per il giudizio. I partecipanti interessati dagli Stati Uniti possono competere nella seconda fase per una parte di un montepremi fino a $ 1 milione.

“Siamo entusiasti di continuare a collaborare con l’Agenzia spaziale canadese per condurre la prossima fase di questa sfida e identificare soluzioni da tutto il mondo”, ha affermato Reuter.

La competizione

La Deep Space Food Challenge chiede ai concorrenti di creare una tecnologia, un sistema o un approccio per la produzione alimentare che possa essere integrato in un’intera dieta per sostenere un equipaggio di quattro persone in una missione nello spazio profondo per tre anni. Deve essere preso in considerazione tutto ciò che è necessario per lo stoccaggio, la preparazione e la consegna del cibo all’equipaggio, compresa la produzione, la lavorazione, il trasporto, il consumo e lo smaltimento dei rifiuti. Le tecnologie proposte combinate come i sistemi di crescita delle piante, i prodotti alimentari trasformati e le soluzioni pronte per il consumo possono fornire ai futuri equipaggi una varietà di opzioni che forniranno la nutrizione quotidiana richiesta.

READ  L'"influenza russa" ha ucciso 700.000 persone nel 1977 e molti scienziati ora credono che possa essere stata causata da una perdita di laboratorio

Nella prima fase, i governatori della NASA hanno raggruppato gli ordini americani in base al cibo che immaginavano di produrre. Tra i progetti c’era una varietà di sistemi che andavano da complessi a molto semplici. I team hanno proposto tecniche per la produzione di alimenti pronti come il pane, nonché polveri essiccate che potrebbero essere trasformate in prodotti alimentari. Altre tecnologie hanno incluso piante coltivate e funghi o alimenti ingegnerizzati come cellule di carne coltivate, che potrebbero essere coltivate dagli equipaggi o prodotte in missioni nello spazio profondo. I dettagli sulle iscrizioni e sulle squadre vincitrici possono essere trovati nella sfida sito web.

Tutte le squadre che partecipano alla Fase 1 della Sfida hanno soddisfatto i requisiti di registrazione per accedere alla Fase 2. Le nuove squadre sono benvenute e fortemente incoraggiate a partecipare dopo aver soddisfatto i requisiti richiesti. Informazioni per la registrazione, entro il 28 febbraio. I partecipanti interessati dagli Stati Uniti possono competere per parte di un portafoglio premi fino a $ 1 milione dalla NASA. L’Agenzia spaziale canadese ospita a Competizione parallela Con una domanda e un processo di valutazione separati, nonché il suo portafoglio premi, per le squadre canadesi partecipanti. Le squadre idonee di altri paesi possono competere ma non avranno diritto al premio in denaro.

La Deep Space Food Challenge è la Centenario Challenge della NASA. Le Centennial Challenges fanno parte del programma Awards, Challenges e crowdsourcing all’interno della Space Technology Mission Directorate della NASA presso la sede dell’agenzia a Washington e sono gestite presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama. La competizione è supportata da esperti in materia presso il Johnson Space Center della NASA a Houston e il Kennedy Space Center della NASA in Florida. La NASA, in collaborazione con la Methuselah Foundation, gestisce la US e International Deep Space Food Challenge.

READ  Antica "materia oscura" microbica: migliaia di specie batteriche sconosciute scoperte nelle grotte di lava delle Hawaii