Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La misteriosa pietra di Ipazia potrebbe contenere le prime prove di una supernova di tipo Ia

Ingrandisci / Piccoli campioni di pietra di Ipazia accanto a una monetina. Le rare supernove di tipo Ia sono alcuni degli eventi più energetici dell’universo. I ricercatori hanno trovato un modello coerente di 15 elementi nella pietra di Ipazia, a differenza di qualsiasi cosa nel nostro sistema solare o nella Via Lattea.

Jan Kramers

Nel 1996, un archeologo di nome Ali A. Barakat stava facendo un lavoro sul campo nel deserto egiziano e trovò un insolito ciottolo nero lucido ora noto come Pietra di Ipazia (da Ipazia di Alessandria). Gli studi condotti negli ultimi anni indicano che la pietra proviene da extraterrestri. Secondo ultimo foglio Pubblicato sulla rivista Icarus, il corpo del padre di Stone probabilmente è nato all’indomani di una rara esplosione di supernova di tipo 1.

La pietra di Ipazia è stata trovata in un’area del sud-ovest dell’Egitto conosciuta come il Libyan Desert Glass, risultato di un evento di riscaldamento estremo della superficie, ed è molto probabilmente un meteorite. Anche la pietra di Ipazia potrebbe provenire da questa collisione, sebbene prove recenti suggeriscano che la cometa potrebbe essere stata un corpo principale.

Jan Kramers dell’Università di Johannesburg e diversi colleghi hanno studiato la pietra di Ipazia per molti anni. Kramers ha paragonato la struttura interna della pietra di Ipazia a una torta di frutta: una pasta mal miscelata che costituisce la maggior parte del ciottolo (matrici miste), con i grani minerali insiti nelle inclusioni di pietra che rappresentano ciliegie e noci. Paragonò i materiali secondari nelle fessure della pietra alla farina che cospargeva le fessure della torta di frutta.

READ  Il rover cinese esplora quello che sembra essere un oggetto a forma di cubo sulla luna

Nel 2013, Kramers e colleghi hanno pubblicato i loro risultati analisi chimica Il che ha fornito forti prove a favore del fatto che la pietra facesse parte della cometa. Questa analisi è stata una proposta sorprendente perché la maggior parte dei frammenti di comete trovati sulla Terra sono microscopiche particelle di polvere nell’atmosfera superiore o sepolte nel ghiaccio antartico. L’ipotesi della cometa spiega la presenza di diamanti microscopici nella pietra, che probabilmente si sono formati nell’impatto quando la cometa eruttò sull’Egitto circa 28,5 milioni di anni fa. (Forse la presenza di questi minuscoli diamanti è il motivo per cui la pietra è riuscita a raggiungere il suolo senza disintegrarsi)

Tuttavia, il lavoro di altri gruppi di ricerca nel 2015 ha escluso la presenza di una cometa o di un meteorite come fonte della pietra, sulla base delle analisi dei gas nobili e della sonda nucleare. La matrice minerale non assomiglia alla composizione dei meteoriti conosciuti: ad esempio contiene un’enorme quantità di carbonio e una piccola quantità di silicio. Quindi, se non proveniva dalla Terra, e non era tipico di un frammento di cometa o meteorite, da dove veniva?

Campione di 3 g di pietra di Ipazia.
Ingrandisci / Campione di 3 g di pietra di Ipazia.

Romano Serra

Kramer e altri 2018 Analisi dei micro metalli ha rivelato che la matrice contiene anche un’alta concentrazione di idrocarburi poliaromatici (IPA) – un componente importante della polvere interstellare – e quei diamanti microscopici. Il grano è costituito da alluminio, iodio d’argento, fosfuro, carburo di silicio, nonché un composto di nichel-fosforo, con pochissimo ferro. Questi ultimi sono elementi che di solito costituiscono la maggior parte dei pianeti rocciosi. Sulla base di ciò, Kramers e i suoi colleghi hanno suggerito che la pietra di Ipazia contenesse materiale che era presente nello spazio prima della formazione del nostro sistema solare.

READ  I mammut e altri giganti dell'era glaciale sono sopravvissuti più a lungo di quanto pensassero gli scienziati