Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La missione DAVINCI della NASA verrà lanciata nel 2029 per raggiungere la superficie di Venere

Si prevede che il veicolo spaziale esplorerà gli strati dell’atmosfera di Venere e raggiungerà la sua superficie entro giugno 2031. La missione DAVINCI sarà in grado di acquisire dati su Venere che gli scienziati sono stati desiderosi di misurare dall’inizio degli anni ’80.

Solo due delle missioni della NASA hanno visitato il secondo pianeta dal nostro sole… pioniere Nel 1978 e Magellano Nei primi anni Novanta.

La sonda DAVINCI servirà principalmente come laboratorio di chimica volante in grado di misurare vari aspetti dell’atmosfera e del clima di Venere e catturare le prime immagini degli atterraggi ad alta quota del pianeta. Gli strumenti della missione saranno anche in grado di mappare la superficie di Venere e scoprire la composizione delle altezze montuose di Venere.

Queste caratteristiche, chiamate “tessere”, potrebbero essere simili ai continenti sulla Terra, il che significa che Venere potrebbe avere una tettonica a placche, secondo gli scienziati della NASA.

“Questo insieme di dati di chimica, ecologia e imaging del lignaggio dipingerà un quadro degli strati atmosferici di Venere e di come interagiscono con la superficie delle montagne Alpha Reggio, che sono due volte più grandi del Texas”, ha affermato Jim Garvin, direttore di DAVINCI. Lo ha detto un investigatore del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

“Queste misurazioni ci permetteranno di valutare gli aspetti storici dell’atmosfera e di rilevare speciali tipi di roccia in superficie come il granito, cercando anche le caratteristiche del paesaggio che possono parlarci dell’erosione o di altri processi formativi”.

L’iniziativa esaminerà anche la possibilità di un oceano nel passato di Venere misurando gas e componenti dell’acqua nella parte più profonda dell’atmosfera. Venere potrebbe essere stato il primo mondo abitabile nel nostro sistema solare, con un oceano e un clima simile alla Terra, ma è successo qualcosa che lo ha trasformato in un pianeta con temperature abbastanza alte da fondere il piombo.

È probabile che Venere venga preservata Temperature stabili e acqua liquida ospitata miliardi di anni prima che un evento causi cambiamenti drastici sul pianeta, secondo uno studio del 2019. L’autore dello studio, il fisico Michael Way del Goddard Institute for Space Science della NASA a New York City, è anche coautore dello studio. Studio 2016 Sul clima e gli oceani su Venere in passato.

Ora, Venere è un pianeta per lo più morto con un’atmosfera tossica 90 volte più spessa della Terra e temperature superficiali di 864 gradi Fahrenheit (462 gradi Celsius).

Questa illustrazione mostra la sonda dopo aver raggiunto la superficie di Venere.  Sullo sfondo si possono vedere altezze floreali.

Poiché DAVINCI vola più volte vicino a Venere, utilizzerà due strumenti per studiare le nuvole e mappare le altitudini dall’orbita. Successivamente, un lander che trasporta cinque strumenti cadrà fino in superficie.

READ  L'innovativo elicottero Marte della NASA vola più velocemente e più lontano nel terzo volo: il programma di esplorazione di Marte della NASA

La discesa durerà circa un’ora e verrà utilizzato uno scudo termico per proteggere la sonda fino a circa 42 miglia (67 chilometri) sopra la superficie. Successivamente, raschierà via lo scudo per campionare e analizzare i gas atmosferici. Il lander scatterà anche centinaia di immagini dopo aver scansionato le nuvole di Venere a 100.000 piedi (30.500 metri) sopra la superficie.

“La sonda raggiungerà le montagne dell’Alpha Regio, ma non è obbligata a funzionare una volta atterrata, poiché tutti i dati scientifici richiesti verranno acquisiti prima di raggiungere la superficie”, ha affermato Stephanie Getty, vice investigatore principale di Goddard. dichiarazione. “Se sopravvivessimo a un atterraggio a circa 25 mph (11 m/sec), potremmo eseguire fino a 17-18 minuti di operazioni in superficie in condizioni ideali”.