Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La maggior parte delle noccioline che mangiano gli australiani sono straniere e gli agricoltori non hanno l’acqua per competere

Quasi il 70% delle arachidi che gli australiani mangiano ogni anno vengono importate.

È una statistica che l’industria locale sta cercando di cambiare.

“La nostra ambizione come grande azienda alimentare australiana è aumentare davvero il livello delle arachidi australiane e diventare meno dipendenti dalle arachidi importate”, ha affermato Adam McNamara, direttore generale di Bega Foods.

La Dairy & Peanut Butter Company detiene una quota di leadership nel settore delle arachidi locale e ha l’ambizione di coltivare il raccolto di arachidi locale.

Questi piani hanno affrontato la fastidiosa sfida del cambiamento climatico e dei suoi effetti dannosi sulle aree agricole tradizionali.

Lui e molti altri agricoltori non coltivavano noccioline a causa della grave siccità.

“L’anno scorso è stato il primo anno in cui non abbiamo prodotto noccioline in questa zona”, ha detto McNamara.

Un contadino tiene in mano delle arachidi non lavorate.
Gli agricoltori nelle tradizionali aree di coltivazione delle arachidi hanno notato cambiamenti significativi nei modelli meteorologici.(

ABC Rural: John Daly

)

Essiccazione climatica Kingaroy

L’impianto di lavorazione di Bega si trova nel cuore della storica città di arachidi di Kingaroy, nella regione del South Burnett del Queensland, che fino a poco tempo fa produceva la maggior parte delle noci australiane da colture aride.

I primi raccolti commerciali di arachidi furono coltivati ​​lì nel ricco suolo vulcanico della regione all’inizio del 1900.

Il pericoloso futuro per l’industria è già stato pianificato dagli anni ’20, ha affermato Chelsea Jarvis, climatologo presso l’Università del Queensland meridionale.

“Sfortunatamente, la tendenza alla quantità di pioggia nell’area del South Burnett sta diminuendo, come accade generalmente dal 1920 circa, e abbiamo visto un calo di circa 1,5-2 millimetri all’anno, il che non sembra piace molto ma nel corso dei decenni ha aggiunto molto”.

Un contadino tiene in mano delle arachidi non lavorate.
Wayne Wheeler, un coltivatore di arachidi di seconda generazione, afferma che le sue stagioni stanno diventando meno affidabili.(

ABC Rural: John Daly

)

Anche prima della siccità, ha affermato Wheeler, i tempi delle piogge erano cambiati e la loro affidabilità era diminuita nelle principali coltivazioni e nei crescenti mesi estivi.

L’effetto dell’afflusso della mancanza di precipitazioni nei mesi chiave di gennaio e febbraio è di ritardare il raccolto, esponendo le colture a gelate devastanti all’inizio dell’inverno.

“Siamo stati qui solo poche centinaia di anni fa, uomini bianchi, e non conosciamo i modelli meteorologici in passato, ma pensiamo che potrebbe essere la norma, quindi dovremo adeguare la nostra gestione”, ha detto Signor Wheeler.

I suoi pensieri sono condivisi da altri che sperano che la siccità si plachi e che le stagioni tornino alla normalità.

“Tocca a me”, ha detto il dottor Jarvis. “La pioggia arriverà, tuttavia, sarà affidabile come prima? Forse no. Avrai quello che avevi prima? Forse no”.

La raccolta delle arachidi è la raccolta di file di colture di arachidi nel campo di pascolo.
Le precipitazioni inaffidabili nei mesi chiave della crescita hanno ritardato i raccolti ed esposto le colture al gelo all’inizio dell’inverno.(

ABC Rural: John Daly

)

Superare la crisi idrica

Il signor McNamara ha affermato che Bega ha sostenuto gli agricoltori di Kingaroy con le loro attuali varietà di arachidi resistenti alla siccità e il loro sviluppo.

“Si tratta di produrre arachidi con un ciclo di maturazione più breve, e con il ciclo di maturazione più breve, significa che sono meno esposte agli elementi e il bisogno di acqua non è così grande”, ha detto.

Un trasformatore di arachidi lavora con una società di sviluppo della ricerca sui cereali presso il loro impianto di allevamento rapido dove vengono coltivate colture per un futuro incerto.

“La cosa fondamentale per gli agricoltori è avere opzioni, poiché sappiamo che le stagioni stanno cambiando e penso che possiamo provare a fornire agli agricoltori diverse opzioni per diverse finestre di semina e anche diversi eventi di pioggia o diverse condizioni meteorologiche”, Dan O, coltivatore di piante di Bega. ‘ha detto Connor.

Un allevatore di semi che osserva giovani piante di arachidi in una struttura di allevamento.
L’industria delle arachidi vede la coltivazione delle piante come un modo importante per sostenere gli agricoltori che devono affrontare i capricci del clima.(

ABC Rural: John Daly

)

Il signor O’Connor sta anche selezionando geni resistenti alle malattie per condizioni più umide perché la produzione di arachidi si è spostata verso la produzione prevalentemente irrigua.

South Burnett rappresenterà il 20% delle arachidi piantate in questa stagione, mentre l’irrigazione vicino a Bundaberg ora coltiva la maggior parte delle arachidi australiane in rotazione con la canna da zucchero.

Il sindaco del Consiglio regionale del South Burnett, Brett Otto, vorrebbe che gli agricoltori ricevessero più acqua per l’irrigazione.

Ha detto che l’area sta attraversando una crisi idrica e sta facendo pressioni sul governo federale per finanziare un progetto di irrigazione permanente vicino a Kingaroy.

Una scavatrice di arachidi tira le noccioline in un campo di terra nel Territorio del Nord.
L’industria delle arachidi sta cercando di espandersi in nuove aree, incluso il Territorio del Nord.(

ABC Alice Springs: Xavier Martin

)

bordo di arachidi

Gli agricoltori hanno iniziato a coltivare arachidi in aree completamente diverse con un migliore accesso all’acqua.

Il Red Centre australiano può sembrare improbabile per la produzione di arachidi, ma Paul McLaughlin è al suo secondo anno di produzione commerciale di arachidi ad Ali Kurong, 400 chilometri a nord di Alice Springs.

“Una volta che avremo una crescita, penso che sarà un’altra storia di successo per l’Australia centrale”.

Il signor McLaughlin coltiva i suoi raccolti sotto l’irrigazione alimentata dalle vaste falde acquifere sotterranee del deserto.

Ha detto che le sue noccioline prosperavano sotto il sole della stagione secca.

Un contadino tiene in mano delle arachidi non lavorate.
Paul McLaughlin, l’agricoltore Ali Kurong, ha investito molto nella coltivazione delle arachidi.(

ABC Rural: John Daly

)

“È un clima molto simile al Texas, dove il suolo e il clima sono molto simili a qui, e stanno crescendo, e penso che ci siano due milioni di tonnellate di arachidi nel Texas occidentale, quindi è un clima perfetto per le arachidi”, McLaughlin disse.

McLaughlin ha affermato che i costi di spedizione esorbitanti da Ali Kurung a Kingaroy erano il problema più grande e che stava costruendo la propria struttura di lavorazione nella fattoria per risolverlo.

McNamara ha affermato che la diversificazione delle aree di coltivazione delle arachidi è un modo importante per combattere la “variabilità climatica” e far crescere il raccolto locale di arachidi.

READ  Le applicazioni sanitarie e paramediche sono la raccolta dei dati