Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La guerra della Russia ha chiuso alcuni impianti europei a causa dell’aumento dei costi energetici

Milano (AB) – A causa della guerra russa in Ucraina, le cartiere italiane che producono di tutto, dalle scatole per pizza agli imballaggi per mobili, hanno fatto salire alle stelle il prezzo del gas naturale.

E questa non è solo carta. Anche le acciaierie italiane hanno chiuso la scorsa settimana i reattori elettrici. Inoltre, i pescatori, che hanno dovuto affrontare un’enorme impennata dei prezzi del petrolio, sono rimasti in porto e si sono adattati invece di lanciare reti.

La dipendenza della Russia dall’energia in un luogo diverso dall’Italia, la terza economia più grande dell’UE, sta avendo un forte impatto sull’industria. Il 40% dell’elettricità è generata dal gas naturale, che proviene dalla Russia, altro importante importatore in Germania e la più grande economia del continente.


Negli ultimi dieci anni, la dipendenza dell’Italia dal gas naturale russo è passata dal 27% al 43% – lamentato dal premier Mario Draghi. Il suo ministro per la conversione dell’energia dice che ci vorranno almeno due anni per convertirsi.

Già prima della guerra, l’Europa stava affrontando una grave crisi energetica, che ha aumentato il costo dell’elettricità, del cibo, delle forniture e di tutto ciò che c’è tra persone e imprese. I prezzi elevati, insieme ai timori che il conflitto possa portare a tagli energetici, stanno colpendo il continente più duramente degli Stati Uniti, importando più petrolio e gas dalla Russia.

I leader europei si sono incontrati venerdì a Versailles, fuori Parigi, per discutere i modi per ridurre il dolore. Draghi ha aperto la strada alla diversificazione delle risorse di gas, alla creazione di energie rinnovabili e all’introduzione di una gamma di prezzi del gas naturale. Il suo ministro degli Esteri, che ha recentemente visitato Algeria e Qatar, ha detto che stava lavorando su nuovi mercati del gas.

READ  Accordo fiscale del G-7 "in vista": Francia, Germania, Italia, Spagna | La voce dell'America

“Stiamo parlando di errori che abbiamo commesso negli anni”, ha affermato Francesco Jaco, CEO di Pro-Gest, azienda produttrice di carta e packaging a base di venito. Prove, altrimenti c’è pericolo”.

Jaco ha affermato che i prezzi del gas naturale sono in aumento poiché le riserve in Europa sono diminuite lo scorso anno, ma la sua azienda potrebbe continuare a stabilizzare i prezzi. La situazione è cambiata con l’invasione russa, quando i prezzi già elevati sono passati da 90 euro per megawattora a oltre 300 euro per megawattora.

“Abbiamo affrontato enormi perdite”, ha detto Jako.

Per essere redditizio, ha detto, si dovrebbe raddoppiare il prezzo da 680 euro a 1.200 euro a tonnellata, cosa che il mercato non potrebbe fare.

Ha sospeso le attività di sei impianti di riciclaggio della carta per fornire un terzo di tutto il fabbisogno di imballaggio in Italia e sta monitorando da vicino il mercato energetico per vedere quando la produzione potrà riprendere. Al momento, ci sono ampie scorte per aprire scatole di cartone e altri siti di società di imballaggio, fornendo fabbriche che vanno dal cibo ai prodotti farmaceutici ai mobili. Ma presto sarà esaurito.

Allo stesso modo, la scorsa settimana Acciaierie Venete ha chiuso per alcuni giorni i suoi tre stabilimenti siderurgici perché i prezzi erano 10 volte superiori al normale. I produttori di acciaio di alta qualità per automobili e macchine agricole avevano scorte sufficienti per lavorare sul prodotto finito, in attesa che i prezzi scendessero, quindi hanno riaperto.

Francesco Semino, manager di un’azienda siderurgica situata a nord-est del Veneto, ha dichiarato: “La necessità di chiudere le stufe non si è mai verificata.

READ  Spagna, Portogallo, Italia e Grecia spingono per la riforma del mercato energetico - EURACTIV.com

L’urgenza della situazione energetica in Italia sta ingannando i consumatori sotto forma di bollette surriscaldate e, più recentemente, i prezzi alla pompa sono aumentati a 2 euro al litro o quasi 6 dollari al gallone questa settimana.

I programmi radiofonici richiedono idee su come risparmiare energia, ricordando trucchi abbandonati da tempo come le camere da letto bruciate a combustibile. Con il motto “M’illumino di meno”, o “Mi illumino di meno”, l’emittente statale italiana ha lanciato una campagna con elenchi di come risparmiare energia, tra cui spegnere le luci, abbassare i termostati e raffreddare regolarmente i frigoriferi.

I camion che affermano di non poter aumentare i prezzi della benzina entreranno in sciopero la prossima settimana. La scorsa settimana i pescatori sono stati attaccati, hanno deciso di non tirare i mari oltre l’Italia e i pescherecci sono stati parcheggiati nei porti di tutta la penisola.

A prezzi attuali, la gestione delle barche da Fumicino costa 1.250 euro al giorno, ha detto Pascual de Bartholomew, che ne gestisce una, che lascia poco o nessun profitto dopo aver viaggiato per pesce di mare, spigole, orate, polpi, calamari e gamberi . 22 barche dal porto vicino a Roma.

Lavorerà con ristoranti, frutti di mare congelati o pesce d’allevamento, ha detto. Spera di poter tornare al lavoro.

“La famiglia deve mangiare, ci sono dei costi”, ha detto de Bartolomeo.

Dal 2010 al 2014, l’Italia ha ridotto il consumo di gas grazie all’aggiunta di energia eolica e solare sovvenzionata, ma negli ultimi anni la sua dipendenza dal gas naturale è stata respinta quando le centrali elettriche a carbone sono state disattivate.

Le energie rinnovabili sono state in gran parte sostituite dal gas naturale a causa della loro stagnazione e la famigerata burocrazia italiana ha messo da parte molti investitori, ha affermato Matteo de Castelnuovo, economista energetico all’Università di Poconi a Milano.

READ  La Guardia Costiera italiana salva centinaia di migranti al largo della Calabria

“L’Italia ha chiaramente sottovalutato il problema dell’aumento dei consumi di gas negli ultimi anni e, con esso, la dipendenza dalla Russia”, ha affermato.

Il governo ha promesso di semplificare la burocrazia e questa settimana ha approvato sei nuovi parchi eolici che genereranno più di 400 megawatt di potenza. Il ministro per il cambiamento energetico Roberto Cingolani ha introdotto senza esitazione alle persone l’idea della prossima generazione di energia nucleare.

“La fusione nucleare non ci salverà dal gas russo”, ha detto de Castelnovov, riferendosi a una tecnologia che è ancora lontana decenni.

Ha affermato che la dipendenza dell’Italia dal gas russo potrebbe essere ridotta molto rapidamente ed efficacemente mediante semplici misure di sicurezza, tenendo conto del tempo e degli investimenti necessari per passare ad altre fonti energetiche.

Questi includono il miglioramento dell’isolamento domestico, l’uso di elettrodomestici a basso consumo energetico e l’abbassamento del termostato.

“Il mio riscaldamento, il mio termostato, paga davvero per i missili e le bombe di Putin”, ha detto de Castelnovov. “Ho solo bisogno di abbassarlo di 2 gradi e indossare invece un maglione.”