Febbraio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La gioielliera italiana Veronica Lenza incorpora oro e porcellana nelle sue creazioni ispirate alla natura

La gioielliera italiana Veronica Lenza incorpora oro e porcellana nelle sue creazioni ispirate alla natura

Prende il nome dal botanico e zoologo svedese Carl Linnaeus, Veronica LenzaIl marchio milanese Linneo mescola oro e porcellana con miniature dipinte a mano di piante e animali. Dopo aver studiato belle arti e storia dell’arte all’Accademia di Brera di Milano e arte, cinema e fotografia alla Kingston University di Londra, la gioielliera bresciana collabora con artigiani milanesi per realizzare i suoi pezzi unici fatti a mano.

Come sei arrivato a questa chiamata? Come e quando ti sei interessata ai gioielli e quando hai capito che volevi diventare una designer di gioielli?

Realizzare gioielli per me è un mezzo, non un fine. Non direi infatti di avere una vocazione per la professione, ma ho trovato nella gioielleria il contesto per le mie esplorazioni. Tutto è iniziato dai miei disegni. Proietto immagini sui corpi, dipingo piccole scene e soggetti attorno a dita, orecchie, polsi e gambe. Non ho mai pensato a quegli strati come cose separate dal corpo, nemmeno come elementi separati tra loro; Era un discorso, un inno visivo, uno sviluppo di idee. Ho adorato il fatto che fossero sempre proprio sotto i miei occhi, interrompendo lo spettatore quando indicavo e parlavo, anche quando era distratto. Quelle grafiche sono lì per dare scorci di intrattenimento, e anche quando non pensi che siano lì. Quando ho iniziato a pensare di creare gioielli, aveva uno scopo funzionale: una cornice per le mie idee e il modo in cui venivano indossate e poi rimosse.

Quali sono le tue fonti di ispirazione? Come adotti un modo e una mentalità diversi nella creazione di gioielli, lontano dai gioielli tradizionali?

La mia principale ispirazione è l’urgente necessità di riflettere sull’incredibile e sorprendente patrimonio condiviso del nostro pianeta. Parto sempre dalla natura, fonte inesauribile di sorpresa ed emozione, e meritevole di tutto il nostro rispetto. Guardo anche ai manufatti realizzati da esseri umani preistorici: oggetti personali e ninnoli che rappresentano abitudini, scoperte e prime forme di spiritualità, spesso con una funzione di comunicazione simbolica. Non sono ancora neanche lontanamente vicino a questa idea. Sono una designer di gioielli perché creo qualcosa che è classificato come gioiello. Tuttavia, ogni gemma è parte di un tutto. Difficilmente possono essere separati l’uno dall’altro, come le parole. Ha i suoi significati, ma per me è un discorso unificato. Anche l’idea del nome Linnaeus (“Linnaeus”, scrive August Strindberg, “era in realtà un poeta che per caso divenne un naturalista”) deriva da questo. Il concetto di indicizzazione e costruzione di semantiche per relazioni o collegamenti con sottrazione o somiglianza.

Qual è il tuo approccio all’oro e come si riflette nelle tue creazioni di gioielli?

L’oro era spesso usato per riempire gli sfondi nei dipinti. Essendo una luce investigativa, la foglia d’oro era associata al sole e allo stesso tempo era simbolo di incorruttibilità e immutabilità, di tutto ciò che era sacro ed eterno. Queste qualità diventano tangibili quando inizi a lavorare con lei e impari le sue caratteristiche fisiche che la rendono un simbolo e una questione di desideri. il mio orientamento è minimo; Cerco di dare forma e ridurre la finitura. Adoro infatti la presenza dell’oro: in un mondo dove la leggerezza è una parola chiave del marketing, resiste e ha una forza ancestrale semplicemente per il suo peso specifico.

Da dove provi il tuo oro? È oro etico o riciclato? È importante per te?

Salvo le gemme senza speranza. Vorrei accelerare il recupero del significato dell’oro usato inquadrando attorno ad esso nuove storie. Il mio lavoro non mira a recuperare un passato perduto, ma propone invece una transizione verso un futuro in cui le risorse sono limitate. Credo che l’economia circolare sia responsabilità di ogni persona che produce abbigliamento, beni o gioielli. Dobbiamo ridurre i consumi, essere creativi su come trasformiamo ciò che non usiamo più e apprezzare la storia delle stesse cose e materiali. New Gold è bellissimo e lo uso saltuariamente, ma credo che la qualità del materiale risieda nella sua intrinseca capacità di rifondere e rifare.

Quali nuove tecniche o tecniche innovative incorpori nella tua creazione di gioielli e con chi lavori?

Mescolo ceramica e oro. Sono entrambi materiali meravigliosi per molti versi, ma ciò che mi dà grande soddisfazione è la magia creata dalla loro unione. Il contrasto tra l’opacità dell’oro non lucidato e la lucentezza iridescente della ceramica levigata diventa una componente estetica complessiva. Si traduce in un rapporto inedito tra la ceramica decorativa e il metallo prezioso. Immagino di poter ottenere solo alcuni dettagli con le mie mani. Una cosa fatta a mano non è perfetta, e quindi molto più sorprendente di un pezzo super lucido, super perfetto, abbinato a molti altri. Creo gemme uniche.

READ  Recensione Martin Eden - Elegante film italiano tratto dal romanzo di Jack London | Film drammatici