Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Germania invoca l’Olocausto in difesa di Israele

La Germania invoca l’Olocausto in difesa di Israele

Questa posizione diplomatica è arrivata in un momento in cui decine di migliaia di persone sono scese in piazza nelle capitali del mondo per protestare contro la guerra israeliana a Gaza mentre il conflitto entrava nel suo centesimo giorno. Sabato le persone si sono radunate in marce negli Stati Uniti, Sud Africa, Gran Bretagna, Indonesia e Malesia, così come in proteste in Tailandia, Giappone, Italia, Grecia e Pakistan.

La maggior parte dei paesi che sostengono la causa del Sud Africa provengono dal mondo arabo e dall'Africa. In Europa, la Turchia è l’unico Stato islamico che ha offerto apertamente il proprio sostegno.

Nessun paese occidentale ha annunciato il proprio sostegno alle accuse del Sud Africa contro Israele. Cina e Russia hanno detto poco su uno dei casi più importanti da portare davanti alla corte internazionale.

Le accuse sono “completamente infondate”.

L'annuncio della Germania del suo sostegno a Israele nella tarda serata di venerdì (sabato), giorno in cui si sono concluse le udienze, ha un significato simbolico data la storia dell'Olocausto, durante il quale i nazisti uccisero 6 milioni di ebrei in Europa. Israele è stato creato dopo la seconda guerra mondiale come rifugio per gli ebrei alla luce di quelle atrocità.

Il portavoce del governo tedesco Steffen Hebstreit ha detto: “Israele si sta difendendo”. La sua dichiarazione faceva anche riferimento all’Olocausto, che in gran parte motivò la creazione della Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio nel 1948.

“Considerata la storia della Germania… il governo federale si considera particolarmente impegnato nella Convenzione sul genocidio”, ha affermato. Ha descritto le accuse contro Israele come “completamente infondate”.

READ  Gli esperti affermano che la "cupola di calore" probabilmente ha ucciso un miliardo di animali marini al largo delle coste del Canada e del Canada

Manifestanti filo-israeliani marciano verso la Corte internazionale di giustizia dell'Aia, nei Paesi Bassi. Bloomberg

L’UE ha solo affermato che i paesi hanno il diritto di portare i casi davanti al tribunale delle Nazioni Unite. La maggior parte degli Stati membri si è astenuta dal prendere posizione.

La Turchia, che è in procinto di aderire all’Unione Europea, è stata l’unica voce nella regione. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che il suo Paese ha fornito documenti che verranno utilizzati contro Israele in questo caso.

Ha detto: “Con questi documenti, Israele sarà condannato”.

Condanna araba

L’Organizzazione per la Cooperazione Islamica è stata uno dei primi blocchi a sostenere pubblicamente il caso quando è stato presentato dal Sud Africa alla fine del mese scorso. Ha detto che c'è stato un “genocidio commesso dalle forze di difesa israeliane” e ha accusato Israele di “prendere di mira indiscriminatamente” la popolazione civile di Gaza.

L’Organizzazione per la Cooperazione Islamica è un blocco di 57 paesi che comprende Iran, Iraq, Arabia Saudita, Qatar ed Egitto. La sua sede si trova nel Regno dell'Arabia Saudita. Anche la Lega araba con sede al Cairo, i cui 22 membri fanno quasi tutti parte dell'Organizzazione della Conferenza islamica, ha sostenuto la causa del Sudafrica.

Il Sudafrica ha ricevuto un certo sostegno dall’esterno del mondo arabo. Namibia e Pakistan hanno raggiunto un accordo sulla questione durante una sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite questa settimana. Anche la Malesia ha espresso il suo sostegno.

Il presidente della Namibia Haige Geingob ha affermato in una conferenza stampa nel paese dell’Africa meridionale: “Nessuna persona amante della pace può ignorare il massacro commesso contro i palestinesi a Gaza”. Namibiano Giornale.

READ  Un aereo della Qantas in rotta verso Londra effettua un atterraggio di emergenza in Azerbaigian | Qantas

Il ministero degli Esteri malese ha chiesto “la responsabilità legale per le atrocità commesse da Israele a Gaza”.

Per quanto riguarda Cina, Russia (che deve affrontare anche accuse di genocidio alla Corte internazionale) e India, sono rimaste in gran parte in silenzio e sembrano rendersi conto che prendere posizione su una questione così scottante porta solo pochi aspetti positivi e può portare a destabilizzando irreversibilmente le loro relazioni nella regione.

La politica estera indiana ha storicamente sostenuto la causa palestinese, ma il primo ministro Narendra Modi è stato uno dei primi leader mondiali a esprimere solidarietà a Israele e a definire l’attacco di Hamas un attacco terroristico.

Hanno parlato un gruppo di paesi sudamericani, tra cui il Brasile, la più grande economia del continente, il cui Ministero degli Esteri ha affermato che il presidente Luiz Inacio Lula da Silva sostiene la causa del Sudafrica. Tuttavia, i commenti del ministero non accusano direttamente Israele di aver commesso un genocidio, ma si concentrano sulla necessità di un cessate il fuoco a Gaza.

Sentenza provvisoria

L'accusa del Sudafrica contro Israele è duplice: vuole che la corte affermi che Israele sta commettendo un genocidio e emetta una sentenza provvisoria che ordini la fine della sua campagna militare a Gaza. La corte ha detto che emetterà presto una sentenza provvisoria, ma data la gravità del caso, potrebbero volerci anni per emettere una sentenza definitiva sull’accusa di genocidio.

Il Brasile ha detto che spera che il caso spinga Israele a “fermare immediatamente tutte le azioni e le azioni che potrebbero costituire un genocidio”.

Altri paesi non hanno raggiunto un accordo con il Sudafrica. Il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha affermato che il caso del genocidio è “tutt'altro che chiaro”, ma ha espresso la speranza che la corte ordini un cessate il fuoco a Gaza.

READ  Ivanka Trump e Jared Kushner iniziano una nuova vita con enormi spese finanziarie

Non è chiaro se Israele obbedirebbe a qualsiasi ordine di fermare la sua azione militare. La Russia non lo ha fatto quando la stessa corte le ha chiesto di fermare l’invasione dell’Ucraina quasi due anni fa.

Con le agenzie

AP