Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Francia richiama i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia dopo l’accordo di Okos | Francia

La Francia ha richiamato i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia per consultazioni a causa della “straordinaria gravità” dell’improvvisa decisione di Canberra di annullare l’ordine per l’acquisto di sottomarini di fabbricazione francese e il suo accordo di sicurezza con Washington e Londra.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha affermato che l’ordine di restituire “immediatamente” gli ambasciatori a Parigi è arrivato su richiesta del presidente francese. Emmanuel Macron.

“Questa decisione eccezionale è giustificata dall’eccezionale gravità degli annunci fatti dall’Australia e dagli Stati Uniti il ​​15 settembre”, ha dichiarato Le Drian in una dichiarazione venerdì sera.

Il I francesi sono arrabbiati Nella decisione dell’Australia di annullare un contratto del valore di 90 miliardi di dollari australiani (48 miliardi di sterline) ha firmato con la società francese Naval Group nel 2016 per una flotta di 12 moderni sottomarini d’attacco. Quell’accordo si è impantanato in un aumento dei costi, ritardi e modifiche al design. Naval Group ha affermato che il nuovo accordo, che vedrebbe Canberra ottenere sottomarini a propulsione nucleare costruiti da Stati Uniti e Regno Unito, piuttosto che sottomarini dalla Francia, è stata una “grande delusione”.

Lu Drian aveva già descritto il trio Oks L’accordo sulla sicurezza – compreso quello sul sottomarino – come una “pugnalata alle spalle”.

“Abbandonare il progetto sottomarino di classe oceanica che collega Australia e Francia dal 2016, e annunciare una nuova partnership con gli Stati Uniti per avviare studi su una potenziale futura cooperazione nei sottomarini a propulsione nucleare, costituisce un comportamento inaccettabile tra alleati e partner, con conseguenze che influenzare la nostra percezione delle nostre alleanze, le nostre partnership e l’importanza della regione indo-pacifica per l’Europa”.

READ  L'esercito indonesiano ha localizzato il sottomarino scomparso e non ha trovato alcun sopravvissuto

È la prima volta che la Francia richiama il suo ambasciatore negli Stati Uniti. I due paesi sono alleati dalla guerra d’indipendenza americana. La Francia ha anche annullato una festa del venerdì per commemorare la battaglia della baia di Chesapeake, un evento cruciale nella guerra, che si è conclusa con la vittoria della flotta francese sugli inglesi il 5 settembre 1781.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto a Reuters che gli Stati Uniti si sono pentiti della decisione francese e hanno affermato che Washington era in stretto contatto con Parigi. Il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti parteciperanno nei prossimi giorni alla risoluzione delle divergenze tra i due Paesi.

Peter Ricketts, ex sottosegretario di Stato permanente agli affari esteri ed ex ambasciatore del Regno Unito in Francia, cinguettare: “Non sottovalutare la reazione a Parigi. Non è solo rabbia, ma un vero senso di tradimento perché il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Australia hanno negoziato alle loro spalle per 6 mesi. Ho vissuto l’allontanamento nel 2003 sull’Iraq. Sembra male o peggio.”

A seguito della notizia della convocazione dell’ambasciatore, Lord Ricketts ha aggiunto: “Mai visto tra gli Alleati? Interessante non dal Regno Unito. Un segno che Parigi considera Washington e Canberra capibanda nella cospirazione, e Londra ne è complice. Noi aspettatevi più azioni francesi mirate agli interessi dei tre”.

Una fonte diplomatica francese ha affermato venerdì che il Regno Unito ha agito in modo opportunistico.

“Il Regno Unito ha accompagnato opportunisticamente questa operazione”, ha detto a Reuters la fonte diplomatica francese. “Non abbiamo bisogno di consultarci a Parigi con il nostro ambasciatore per vedere cosa pensare e quali conclusioni se ne possono trarre”.

La Francia non ha menzionato la Gran Bretagna in nessuna comunicazione ufficiale riguardo all’accordo e ha concentrato la sua rabbia sull’Australia, in particolare sugli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri australiano, Marise Payne, ha dichiarato a Washington di aver compreso la “delusione” di Parigi e di sperare di lavorare con la Francia per assicurarsi di aver compreso “il valore che diamo alle relazioni bilaterali e il lavoro che vogliamo continuare a fare”. insieme”.