Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La famiglia Roscioli di Roma porta la pasta a New York City

La famiglia Roscioli di Roma porta la pasta a New York City

Per decenni, le persone alla ricerca del miglior cibo a Roma si sono fatte strada tra le braccia della famiglia Roscioli. Oltre a una rete di cantine tra l’antico quartiere ebraico e il mercato dei fiori di Campo de’ Fiori, i discendenti di Marco e Franco Roscioli gestiscono quattro aziende, ognuna distinta nel proprio settore: PanetteriaUN pasticceriaUN Wine bar e un Salomeria Col passare del tempo come ristorante è diventato uno dei tavoli più ricercati della città.

Due volte al giorno, lo staff della Salumeria Roscioli prepara i tavoli trasformando la gastronomia in un ristorante informale ma ambizioso. Lì servono piatti basati su un’enorme dispensa che comprende pomodorini semisecchi della Campania, colatello dell’Emilia-Romagna e pane alle noci fatto nel forno di 200 anni del loro vicino panificio, L’Antico Forno Roscioli.

La portata di Rosciolis si estende ben oltre l’Italia. Puoi sorseggiare un cocktail a base di gin dall’India o dal Giappone, pasta di tromba al burro alla vaniglia e acciughe spagnole; Il Caffè accanto serve club sandwich.

“Anche avere vino francese e prosciutto spagnolo è inaudito”, ha detto Frank Falcinelli, residente a Brooklyn, alle classiche trattorie di Roma. Proprietario del ristorante. “I Romani moriranno su questa collina.”

Ma spingendo gli standard della tradizione, come hanno fatto per decenni i fratelli Alessandro e Pierluigi Roscioli, il marchio Roscioli ha prosperato. Pierluigi, 49 anni, Alessandro, 53, e la loro sorella, Maria Elena, 29 anni, recentemente entrata a far parte dell’azienda di famiglia, hanno coltivato un’invidiabile collezione di ingredienti italiani, instaurato relazioni con chef di tutto il mondo e costruito un forte seguito sui social media. Presenza.

Sotto il loro controllo, Roscioli aprirà il suo primo avamposto, a SoHo, il mese prossimo. Piuttosto che espandersi a Firenze o Milano, il passo logico successivo, i Roscioli cercherebbero di riportare la qualità, la patina e, soprattutto, la pasta del loro Impero Romano a Manhattan. Nello spirito dell’originale, Roscioli sarà un wine bar e una gastronomia al piano terra e un ristorante nel seminterrato, il tutto nascosto in una casa di mattoni del XIX secolo nell’antica enclave italiana un tempo chiamata Southern Village.

READ  Bitcoin scambia vicino al record dopo aver superato $ 60.000 per la prima volta in 6 mesi

Quando si tratta del quartetto di pasta del Sacro Romano Impero – gricia, cacio e pepe, amatriciana e carbonara – ognuno è abbinato a una diversa variante di pasta, ha detto lo chef. Nancy Silverton Dalla Mozza Collection di Los Angeles, un cenno all’attenzione di Rosciolis per coerenza, qualità e tecnica.

Roscioli ha stimolato innumerevoli tendenze gastronomiche italiane negli Stati Uniti molto prima di aprire qui, come le preparazioni americane con burrata, cacio e pepe e maritozzi, torte ripiene di panna montata che sono state fatte a Roma per secoli ma sono diventate successi sui social media. una stella Dopo che Roscioli li ha introdotti nel 2016.

“Roscioli è il ristoratore di Kevin Bacon”, ha detto Falcinelli, che lo cita come modello di business culinario. “Tutti hanno una connessione.”

Roscioli maritozzo è uno dei modelli della versione Bilena Settepani recentemente perfezionata La pasticceria di Stefania A Williamsburg, Brooklyn. per errore, La signora Stepani Era al Roscioli Caffè di Roma, “portando il mio ultimo maritozzo prima del mio volo di ritorno”, quando arrivò questo giornalista.

In Italia, i produttori di cibo e vino aspirano a unirsi alla collezione in continua evoluzione di Roscioli di centinaia di salumi, formaggi stagionati e freschi e 2.500 vini.

È un sogno”, ha dichiarato Stefano Papetti, comproprietario di Roscioli de fermo, piccolo e dinamico vignaiolo abruzzese. Essere nella lista dei vini lì, ha detto, ha aumentato la domanda dei suoi vini fuori dall’Italia.

I formaggi freschi a latte crudo non possono essere affatto importati, mentre i formaggi stagionati come il Pecorino Romano possono esserlo. “I venti cambiano costantemente”, ha affermato Zach Allen, che ha supervisionato le importazioni di cibo nelle sedi statunitensi. Italiano e la catena di panini fiorentini in rapida crescita All’Antico Vinaio.

ha detto, riferendosi ai regolamenti che l’USDA ha imposto sulla carne lavorata

Nel corso dei decenni, il signor Allen ha sviluppato scrupolosamente relazioni e ricette con produttori americani che producono ciò di cui ha bisogno, come un salame toscano cremoso e infuso di finocchio chiamato spriciolona per il suo sandwich La Favolosa più venduto. presso le sedi All’Antico di New York. “Rosciolis è all’inizio di quel processo”.

Alessandro Pepe, master sommelier presso Rimesa Roscioli, l’enoteca di famiglia, guida l’apertura a New York e ha affermato che man mano che si costruiscono relazioni, gli ingredienti essenziali per le paste classiche verranno da Roma: pecorino stagionato e Parmigiano-Reggiano, essiccati al sole e passata di pomodoro, olio d’oliva e pasta secca. “Sono il tipo di piatti che chiunque può togliere dagli scaffali e preparare all’ultimo minuto”, ha detto.

Proprio come Rosciolis ha influenzato il cibo italiano in America, il cibo americano ha influenzato loro fin dall’inizio.

Franco Roscioli, il maggiore di undici fratelli di una famiglia di pastori marchigiani, si recò a Kenosha, Wisconsin nel 1953. Quando tornò qualche anno dopo, fu con due innovazioni significative: la margarina e un’affettatrice industriale per il pane.

Ha aperto un panificio alla periferia di Roma, specializzato in pane a fette all’americana. Man mano che l’azienda cresce, Franco porta i suoi fratelli a lavorare nella capitale. Marco – padre di Alessandro, Pierluigi e Maria Elena – si è trasferito a Roma e ha iniziato a panificare nel 1958, quando aveva 12 anni.

READ  Swift Prepared Foods apre una nuova struttura alimentare da 200 milioni di dollari nel Missouri

A quel tempo, il pane commerciale arricchito era fatto con olio d’oliva e strutto economico, nessuno dei quali era un sostituto ideale del burro. La margarina, olio di mais idrogenato, si avvicina molto.

Era anche kosher. Marco Roscioli ha aperto L’Antico Forno nel 1972, e la margarina challah è stata un successo tra la vicina comunità ebraica. “La loro sponsorizzazione è stata il motore economico che ha permesso all’azienda di sopravvivere, sopravvivere, tenerla a galla nei suoi primi anni”, ha detto Pierluigi Roscioli.

L’idea di trasformare una salomeria in un ristorante è nata negli Stati Uniti, racconta, all’angolo tra Prince Street e Broadway a New York, dove Pierluigi ha visitato il negozio di alimentari. Dean e Deluca nella sua forma più impressionante. Non solo riforniva ingredienti di prima qualità provenienti da tutto il mondo, ma forniva anche cibi pronti da gustare sui tavoli apparecchiati tra gli scaffali.

Ci sono voluti 10 anni di discussioni per decidere su una lista romana simile. Ha detto che non potevano preparare zuppe e insalate con gli ingredienti a portata di mano. “Ma possiamo fare una pasta davvero bella.”

New York, disse, era l’unico posto fuori dall’Italia in cui poteva immaginare di essere un Roscioli. “È molto accattivante”, ha detto. “Non sacrificherei la bellezza di Roma per un posto che non fosse New York City”.