Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La famiglia che lasciò l’America per vivere nella loro ancestrale grotta italiana

La famiglia che lasciò l’America per vivere nella loro ancestrale grotta italiana

Silvia Marchetti, CNN

(CNN) – C’è un’isola al largo di Roma dove la gente del posto vive in accoglienti grotte fin dall’alba dei tempi.

Le spiagge e il villaggio di pescatori di Ponza – l’isola più grande dell’arcipelago pontino, che si trova al largo tra Roma e Napoli – sono costellati di abitazioni rupestri scavate nelle aspre scogliere marine, che offrono viste mozzafiato.

Queste case, fresche d’estate e calde d’inverno, non necessitano di riscaldamento o aria condizionata. È il gioiello dell’isola ed è ora popolare tra i vacanzieri.

A partire dal XIX secolo, la popolazione locale iniziò a emigrare all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, in cerca di una nuova vita. Tuttavia, sono rimasti fedeli alle loro tradizioni, che includono il loro stile abitativo tradizionale.

Una delle famiglie immigrate era la famiglia Avellino. Luigi Avellino fu il primo della sua famiglia a lasciare Ponza agli inizi del ‘900, facendo inizialmente la spola tra l’isola e New York, prima di stabilirsi definitivamente negli Stati Uniti.

Attilio Avelino, uno dei suoi nove figli, nato a Ponza, raggiunse il padre nella Grande Mela nel 1946.

Ma ora, dopo decenni trascorsi negli Stati Uniti, i loro discendenti sono tornati sull’isola e vivono nella loro antica patria Casa Grotta (Cave House), che è stato rinnovato secondo standard moderni.

Case scavate nella roccia

Brigida Avellino, 70 anni – figlia di Attilio – vive con la figlia Loredana Romano, 44 ​​anni, in una delle case rupestri più belle di Ponza. Presenta pareti spesse, grezze e imbiancate e un balcone con vista sull’isola disabitata di Palmarola. Divani, sedie, panche, scale, letti, tavoli e armadi furono tutti tagliati dalla grotta.

“Queste grotte fanno parte del nostro DNA e della nostra eredità”, dice Romano a CNN Travel. “Ogni volta che nasceva un nuovo bambino, i genitori scavavano un’altra stanza nella scogliera, espandendo la casa-grotta”.

Le generazioni più giovani si trasferirono a Ponza nel 1980, quando Attilio Avelino ebbe un infarto a New York. Il suo medico gli consigliò aria fresca, assenza di smog e un posto tranquillo in cui vivere, così la famiglia tornò nella sua città natale.

READ  Andrea Bocelli all'incoronazione e al canto di richiesta di re Carlo

Avellino ha bei ricordi della sua infanzia negli Stati Uniti. Sebbene Ponza offra uno stile di vita più lento, sente la mancanza del frenetico mondo della Grande Mela.

“Ho imparato che puoi portare via una ragazza dalla grande città, ma non puoi portarle via la grande città. È ancora una costante, anche se sei tornato a Ponza da decenni”, dice .

Avellino si trasferì a New York con la madre nel 1955 quando lei aveva due anni. Suo padre e suo nonno vivevano e lavoravano effettivamente lì, insieme ai suoi zii e zie.

“Ho lavorato in un’acciaieria per 22 anni. Amavo il caos, il traffico, il trambusto, il rumore, tutte quelle persone che correvano al lavoro a tutte le ore del giorno”, racconta oggi Avellino.

Suo padre e suo nonno avevano tutti i tipi di lavoro quando arrivarono negli Stati Uniti, dalla gestione della pesca al lavoro su navi portacontainer, alla cucina italiana e alla costruzione di grattacieli.

“Chiamatemi pazzo, ma mi manca davvero il ritmo di New York. Nei fine settimana andavo in giro tutto il tempo, prendevo il treno, andavo al cinema con i miei amici, al ristorante, dal parrucchiere e semplicemente camminavo, cammina, cammina, sogno ancora con energia”, dice Avellino. Quella città. “Dice che a Ponza d’inverno non ci sono parrucchieri.

Nonostante la sua età e i crescenti problemi di salute, dice che le piacerebbe tornare a provare l’eccitazione di uno stile di vita frenetico e attivo a New York City che le ha permesso di incontrare così tante persone.

“New York City mi ha dato l’opportunità di fare molte esperienze e opportunità di lavoro. È stata una vita entusiasmante”, afferma Avellino.

READ  Nei film: Lady Gaga prende vita in House Of Gucci; The King's Man è l'epopea del periodo caotico

“Mi manca tutto della Grande Mela: i maniaci del lavoro, il traffico, il rumore continuo. Il rumore dell’acciaieria e i ritmi veloci del supermercato, dove lavoravo anche io. Ero sempre di corsa. Ponza è bella, il il panorama è fantastico ma qui non c’è nessuno.

Durante l’estate, la popolazione dell’isola aumenta fino a superare i 20.000 abitanti, mentre orde di bagnanti affollano le spiagge paradisiache di Ponza. Ma in inverno la popolazione arriva a malapena a 1.000 persone nella zona di Le Forna, dove vivono Avellino e Romano. È il quartiere più caratteristico, lontano dalle zone turistiche, dove vivono ancora le più antiche famiglie ponzesi.

Conflitti culturali

Gli indigeni ponzesi vivono di agricoltura e pesca, ma soprattutto di turismo stagionale. L’isola prende vita da giugno a ottobre, mentre il resto dell’anno è completamente “morta e silenziosa”, come la definisce Romano.

Avellino, che dice di sentirsi più americana di Ponzi, dice di essere felice di avere un’istruzione americana e un passaporto americano, che tiene nell’armadio accanto al letto.

Infatti, dice che è stato un duro colpo per lei quando alla fine è dovuta tornare a Ponza dopo che suo padre aveva avuto un infarto. A Ponza conobbe il suo futuro marito, Silverio, originario di Ponzi, dal quale ebbe Loredana, che mantenne legami con parenti negli Stati Uniti.

Tra i 20 ei 30 anni fa la spola tra gli Stati Uniti e Ponza, lavorando come cameriera in uno dei ristoranti di sua zia in Florida. Oggi è orgogliosa di vivere nella casa-grotta che il suo bisnonno ha scavato nella roccia a mani nude.

Ora è in missione per recuperare le sue radici ancestrali.

“Ho ereditato questa grotta, che recentemente ho generosamente ristrutturato – racconta Romano – fu costruita dal mio bisnonno poco prima di partire per lavorare negli Stati Uniti. Non era propriamente un migrante economico, e non era povero, voleva solo cambiare vita e cercare nuove opportunità”. L’altro viene dall’Oceano Atlantico.

READ  Le 20 donne più potenti dell'intrattenimento globale - The Hollywood Reporter

La residenza cavernosa di 80 metri quadrati si trova nella zona più pittoresca di Ponza, affacciata su due piscine marine naturali protette da scogliere di granito bianco. Ha accesso diretto alle acque tropicali.

Nel soggiorno è presente un vecchio pozzo che un tempo veniva utilizzato come cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, di cui Romano ancora approfitta quando d’estate c’è poca acqua corrente.

Quest’anno ha restaurato la facciata della grotta, ha piantato un piccolo orto e un orto di melanzane e zucchine, con le quali ha preparato ricette locali.

A differenza della madre, Romano – che lavora nel settore del turismo a Ponza – non ha nostalgia dello stile di vita americano.

«In Florida vivevo nel quartiere italiano – racconta – Gli americani sono molto simpatici – ti salutano sempre – ma quando vivi in ​​una città con tante persone e non ne conosci molte, ti accorgi che te stesso davvero solo e più isolato che su un’isola.

Gli americani, a suo avviso, vivono solo per lavorare. Non hanno tempo per andare a fare la spesa per comprare prodotti alimentari freschi o per trascorrere del tempo di qualità con amici e parenti. Dice che non cucinano ma preferiscono mangiare fuori.

D’altronde Ponza è una piccola isola che fa sentire Romano al sicuro. I vicini si vigilano a vicenda, condividono dolori e gioie.

“Qui, quando c’è una bella notizia, come un matrimonio o una nascita, e tutto il quartiere fa festa, siamo una grande famiglia. Quando c’è un funerale, siamo tutti tristi”.

Filo della CNN
™ & © 2023 Cable News Network, Inc., una società della Warner Bros.. Scoperta. Tutti i diritti riservati.