Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La donna che ha trascorso l’isolamento al Polo Nord da sola

La donna che ha trascorso l'isolamento al Polo Nord da sola

Per la maggior parte di noi, la pandemia ha significato isolamento forzato. Ma per altri, questa era un’opportunità per cercare quella solitudine. E dove potrebbe essere fatto meglio del Circolo Polare Artico?

Valentina Miuzzo, infatti, ha fatto un passo in più. Mi sono trasferito a nord, in Norvegia, all’interno del Circolo Polare Artico, non solo nel bel mezzo di una pandemia, ma proprio mentre incombevano le notti polari di 24 ore. Era un battesimo del fuoco, ma lei lo accolse.

“Dicembre e gennaio sono stati solo due mesi di oscurità”, dice.

Miuzu, originaria dell’Emilia-Romagna, nel nord Italia, ha visto la sua vita sconvolta dalla pandemia.

Guida naturalistica ed escursionistica, che ha accompagnato gli italiani nei viaggi all’estero, scrive sul suo blog di viaggi sostenibili in Italia a lato, e gestisce un blog popolare viaggio gratis. “Era tutto incentrato sul turismo”, dice. “Ho sempre passato la mia vita in viaggio, sono stato lontano da casa circa sei mesi all’anno”.

Fino all’arrivo dell’epidemia. Come innumerevoli altre persone nel settore dei viaggi, la vita di Miozzo ha subito una brusca battuta d’arresto.

Incapace di dirigere, ha continuato a scrivere sul blog e a svolgere attività promozionali online. Ma dopo che l’Italia ha attraversato uno dei blocchi più duri al mondo ed è emersa nell’estate del 2020 con il virus apparentemente sotto controllo, i suoi piedi stanno ricominciando a prudere.

Quindi, quando è stata contattata tramite Instagram a settembre, con un’offerta per andare al circolo polare artico per gestire una pensione, riusciva a malapena a battere ciglio.

“Avevo paura? No, l’ho vista come una meravigliosa opportunità di visitare luoghi che forse non avrei scelto affatto di mia iniziativa.

“Dato che non potevo più fare il mio mestiere di viaggiare, era un modo per viaggiare e vivere in un’altra realtà, in modo più deciso, certo, ma in una parte del mondo che non conoscevo e che mi affascinava .”

Entro due giorni, ho accettato; Un mese dopo, stava arrivando a Kongsfjord, a circa 2.400 miglia a nord della sua ex casa vicino a Modena in Italia.

Le differenze non potrebbero essere maggiori. Modena è una città di 185.000 persone conosciuta per il suo cibo stellato Michelin (c’è Massimo Bottura lì) e una cattedrale del XII secolo.

D’altra parte, Kongsfjord ha una popolazione di soli 28 abitanti e non ha un’architettura medievale.

READ  Johnny Depp Mopped dai fan adoranti al Festival del Film di Roma, grazie

“Il supermercato più vicino è a 25 miglia di distanza”, dice Miuzu. L’ospedale più vicino è a circa 200 miglia di distanza e l’aeroporto – ovviamente un piccolo aeroporto nazionale – è a 40 miglia di distanza.

“In inverno, c’erano venti a 75 miglia all’ora e ghiaccio ovunque, quindi è difficile navigare”. I residenti si avventurano nel loro negozio di alimentari ogni settimana o due, purché le strade siano libere. La strada per l’aeroporto e il supermercato di Berlevåg è una strada costiera tortuosa e a filo di lama, bordata da scogliere; In caso di maltempo è impraticabile.

notti buie oscure

“Non avevo aspettative, non le ho create apposta perché ero curiosa di scoprirlo”, dice. Tuttavia, aveva un’idea di cosa c’era in serbo: “Sapevo che stavo andando in un posto molto appartato – mi hanno avvertito. Sapevo che era estremo, e sapevo che era nella tundra artica, ma non avevo mai stato in Norvegia.”

“Poco dopo il mio arrivo, arrivarono le notti polari.”

Sebbene pronta a tutto, non era influenzata dall’oscurità 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

“È stata una bella esperienza, ho vissuto due mesi completamente al buio. Non è stato fastidioso, anzi, è difficile convivere con la luce”.

Sì, è la luce del sole 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Da metà maggio a metà luglio, Kongsfjord è baciato dal sole di mezzanotte. “Non c’è tramonto per due mesi e il corpo non accetta che sia notte quando il sole tramonta, quindi è difficile dormire”, dice.

“Ma a parte questo, non è fastidioso. In effetti, è un bellissimo modo di vivere”.

In effetti, dice, il maltempo le ha insegnato qualcosa di molto importante.

“Quando vai in paesi caldi, prendi energia dall’esterno, dagli altri, dal clima e dall’atmosfera. Interagisci con altre persone, ed ecco il sole.

“Quando ti trovi in ​​un posto come questo, completamente isolato, quello che impari è trovare l’energia in te stesso. Ed è una scoperta incredibile, specialmente quando non c’è luce da due mesi e hai bisogno di svegliarti.”

Culture incrociate Kongsfjord

Quindi che tipo di persone sceglierebbe di vivere uno stile di vita così estremo?

Miozzo definisce i 28 residenti del Kongsfjord “multiculturali”, poiché tedeschi, lettoni, italiani e thailandesi vivono tutti con la gente del posto e comunicano in inglese. “Sono stati tutti davvero accoglienti e sono stati fantastici con me”, dice.

READ  Il rivale di F1 Hamilton, Verstappen mantiene la calma durante la corsa al titolo

Si è particolarmente unita a un’altra donna italiana che lavora in un B&B, Eugenia, e dice che nonostante la popolazione cosmopolita di Kongsfjord, alcune cose non sono cambiate. “Forse lo stereotipo è che noi italiani tendiamo ad essere più rumorosi e ad annuire mentre parliamo, e loro no. Hai sicuramente notato [a difference in] Il nostro stile di comunicazione.

Un posto diverso da tutti gli altri

Questa non è la prima volta che Miozzo trascorre lunghi periodi all’estero – è stata a Londra per tre anni negli ultimi 18 anni. Ma più recentemente, si è concentrata maggiormente sui climi più caldi, trascorrendo tre mesi ciascuno in India, Indonesia e Senegal, nonché un anno nel sud-est asiatico. Il che rende la sua decisione di colpire il Polo Nord ancora più sorprendente.

Ma lei dice che è impossibile confrontare il Polo Nord con qualsiasi altro posto, semplicemente perché non è come da nessun’altra parte. In effetti, dice, la Norvegia settentrionale è un mondo diverso dal sud del paese.

“Clima, luce, buio: tutto è diverso. Qui è vera tundra. Gli alberi non crescono, è davvero una terra selvaggia. Abbiamo volpi rosse e artiche e ci sono renne ovunque”.

“Ci sono balene, delfini, orche e molti uccelli marini – sono conosciuti per il loro birdwatching. E ci sono bellissime foche.

“Non ho vissuto in Norvegia. Ho vissuto nella tundra artica”.

La tundra era anche esente da virus. Non c’è stato un solo caso di Covid-19 a Kongsfjord – e mentre le città in Norvegia sono state sottoposte a restrizioni, il grave isolamento nel villaggio significa che la vita può continuare come al solito.

“Non indosso una maschera da sette mesi”, dice Miuzu.

Apri backup

L’apertura di viaggio con l’epidemia sotto controllo preoccupa Miozzo.

“Prima della pandemia, c’era una sorta di turismo associato alle sfilate, ai social media”, dice.

“Avevi bisogno di dimostrare che eri fuori, così da poterti fare un selfie con una tigre o un aborigeno. Il viaggio stava perdendo la sua importanza come strumento di crescita personale, di scoperta di sé.

“E il distanziamento sociale riguarda la paura, non solo dell’infezione, ma anche dell’infezione. Quindi influenzerà sicuramente le interazioni che avremo con le persone da qualche parte ora. Cose come gli abbracci fanno parte della normale interazione umana, quindi lo faremo di meno e proveremo un altro modo di comunicare, trasmettere il nostro interesse per un’altra cultura,

READ  Alitalia, che era il vettore del gruppo jet, vola per l'ultima volta

“Cambierà sicuramente il modo in cui viaggiamo, ma dobbiamo vedere esattamente come”.

Come blogger di viaggi sostenibili, fa pressioni sul turismo lento dal 2007 e spera che un altro effetto collaterale della pandemia sia che stiamo impiegando più tempo e ci muoviamo più lentamente quando viaggiamo. Crede che il modo in cui vediamo il turismo naturale e in uscita possa cambiare.

“Dovremmo avere una maggiore consapevolezza di quanto sia potente la natura ora che l’abbiamo vista in una pandemia, e questo dovrebbe farci pensare agli umani come parte integrante della natura, non qualcosa che andiamo a vedere come un museo, o semplicemente usare”, dice.

Invece, dovremmo essere in contatto con esso, rispettarlo e mantenerlo. salvato. “

Vita artica per sempre?

L’incarico ufficiale di Miozzo alla pensione è terminato due mesi fa, ma il suo tempo nell’Artico ha dato l’impressione che fosse rimasta a Kongsfjord, affittando invece una casa. “È stato bello stare qui”, dice. Ma ora si sta preparando a partire, almeno temporaneamente.

Questo non significa che tornerà in Italia. Invece, compra un’auto con Eugenia e si dirigono a nord verso il remoto arcipelago delle Svalbard, l’insediamento popolato tutto l’anno più settentrionale del pianeta, situato a soli 650 miglia sotto il Polo Nord, dove gli umani condividono le strade con gli orsi polari. . Dopo un mese di viaggio, si dirigeranno a sud verso le Isole Lofoten, dove lavoreranno in un’altra pensione.

Poi? “Ho costruito bellissime relazioni e solidarietà con le persone a Kongsfjord – è come se avessimo messo su famiglia e ora sono affezionata a loro – quindi tornerò sicuramente in futuro a trovarci”, dice.

In autunno vede il suo lavoro come guida di ritorno, quindi sta pensando di tornare in Italia. Anche se lo dice, sembra lacerata.

“In realtà non lo so, potrebbe succedere di tutto”, dice.

“Ho scelto la mia professione per questo motivo: posso lavorare viaggiando. Ho sempre lasciato le porte aperte per ciò che la vita ha da offrire”.