Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La cucina raffinata negli Emirati Arabi Uniti è famosa quanto Parigi, New York e Londra

Chef e proprietari posano per le foto sul palco durante una cerimonia che rivela la selezione della Guida Michelin Dubai 2022, la prima edizione degli Emirati Arabi Uniti, il 21 giugno 2022.

Giuseppe Cacace | Afp | Immagini Getty

Dubai, Emirati Arabi Uniti – Mentre le prospettive economiche per la maggior parte del mondo dovrebbero essere volatili nel 2023, l’umore del Golfo è ottimista.

Ciò è in parte dovuto alla lucrativa mania del calcio in Qatar, ma anche perché il settore del turismo nella regione non è mai stato così buono.

Ciò è particolarmente vero per gli Emirati Arabi Uniti, dove l’economia del paese è cresciuta di oltre il 6% quest’anno, secondo il Fondo monetario internazionale.

Per il settore dell’ospitalità degli Emirati Arabi Uniti, c’è molto sul tavolo, letteralmente, se il numero crescente di nuovi ristoranti raffinati è assolutamente da provare. I ristoranti con licenza nel paese devono far parte di un hotel, con poche eccezioni nel distretto finanziario DIFC, quindi questa è un’associazione commerciale vitale.

Come sempre accade in questa parte del mondo, la competizione per essere il più stravagante e il più pregiato è davvero alta, come dimostra lo spirito competitivo mostrato all’inaugurazione dei Michelin Guide Dubai Awards negli Emirati Arabi Uniti alcuni mesi fa.

La capitale, Abu Dhabi, ha visto tre dei suoi ristoranti premiati con una stella: Talea di Antonio Guida, per la sua “Cucina di Famiglia”; Hakkasan, un ristorante che celebra i tradizionali sapori cantonesi; e l’ultramoderno ristorante giapponese 99 Sushi, famoso per creazioni come un’intera coscia di granchio reale gratinata, con wasabi, tobiko e maionese allo yuzu.

Sulla strada per Dubai, il vivace vicino di Abu Dhabi e rivale non ufficiale, sono stati serviti 11 impressionanti ristoranti stellati Michelin, tra cui l’esclusivo ristorante italiano Armani Ristorante situato alla base del punto di riferimento più famoso della città, l’imponente Burj Khalifa.

READ  Le forze dell'ordine della FCC ordinano a 7 fornitori di mostrare perché il loro traffico non è bloccato per presunta non conformità con le regole di attenuazione automatica delle chiamate: telecomunicazioni, telefoni cellulari, cavi

Lo chef Giovanni Papi ha confermato alla CNBC che i riconoscimenti di quest’anno di artisti del calibro di Michelin attirano ricchi buongustai, gente del posto e turisti. “Dai nostri premi e riconoscimenti più recenti, abbiamo assistito a un aumento degli ospiti gourmet”, ha affermato.

La cucina dell’Armani Ristorante offre attualmente un ambizioso menu degustazione a tema tartufo che parte da 949 dirham ($ 258) a persona – o 1.559 dirham con un abbinamento di vini. Comprendono piatti complessi come i botone ribini, costituiti da ravioli a forma di bottone ripieni di brasato di agnello e carciofi, formaggio Castelmagno e lose di agnello.

Anche se ufficialmente non ci sono ancora ristoranti con tre stelle Michelin negli Emirati Arabi Uniti, novembre ha visto lo chef Pierre Gagnaire, tre stelle Michelin, passare dal suo ristorante Pierres TT all’InterContinental Hotel Dubai. Il maestro francese è un visitatore abituale di Dubai ed è stato uno degli chef internazionali più seri a definire l’agenda gastronomica dell’emirato.

Per poche notti, ospiti facoltosi hanno assaggiato creazioni come calamari saltati con aglio nero, funghi parigini e crescione.

Gagnaire ha commentato all’evento: “La scena gastronomica qui si sta evolvendo rapidamente… Questa visita mi ha lasciato sbalordito vedendo gli straordinari risultati ottenuti dal paese nello sviluppo dell’industria alimentare così bene che non potrebbe esserci luogo più stimolante di Dubai per un ristorante .”

I capi Michelin concordano, affermando che gli Emirati Arabi Uniti sono ora alla pari con le principali destinazioni gastronomiche globali come Parigi, New York, Singapore e Londra.

“I criteri di selezione per tutti i ristoranti della Guida Michelin sono gli stessi secondo il nostro processo di revisione degli standard globali, in base al quale ispettori anonimi esaminano tutte le cucine e valutano solo la qualità dei piatti”, ha dichiarato a CNBC Gwendal Polliniak, Direttore internazionale delle Guide Michelin.

READ  Come i treni ad alta velocità italiani hanno ucciso Alitalia

“Possiamo dire che i ristoranti della Guida Michelin selezionati negli Emirati Arabi Uniti sono al pari delle principali città”.

cucina locale?

Tuttavia, per alcuni intenditori culinari locali, c’è una mosca nel consommé: il fatto che sebbene la selezione Michelin di quest’anno abbia incluso piatti provenienti da tutti i continenti europeo e asiatico, nessun ristorante degli Emirati specializzato in cucina mediorientale è stato premiato con una stella.

Parlando alla CNBC, Samantha Wood, fondatrice del popolare sito neutrale di recensioni di ristoranti FooDiva.net, ha commentato: “La forte dipendenza degli Emirati Arabi Uniti dai prodotti importati, nonostante la crescente selezione di ingredienti locali, è un danno – che è legato ai prezzi elevati associati con i ristoranti qui. Ancora più frustrante, tuttavia, è che alcuni dei ristoranti che massimizzano i nostri premi locali non sono riconosciuti dalla Guida Michelin.

Wood ha aggiunto: “Degli 11 ristoranti a due stelle nella Guida di Dubai, solo due sono concetti indipendenti guidati da chef, nonostante l’enorme pool di talenti qui. Sono questi ristoranti che dovrebbero essere riconosciuti dalla Michelin al più alto livello, piuttosto piuttosto che focalizzato su concetti importati di chef famosi disponibili in qualsiasi parte del mondo.

I migliori premi di valore

Apprezzamento per la cucina mediorientale tra i premiati Michelin Bib Gourmand, la categoria di ristoranti che offrono un’esperienza gourmet di tre portate a un prezzo medio di 250 dirham. Tra i vincitori ci sono il ristorante casalingo Levantine, il ristorante Bait Maryam e Al Khaima, che serve cucina rustica degli Emirati.

È interessante notare che i ristoranti che detengono il franchising Bib Gourmand si sono ritagliati una nicchia per se stessi. Lungi dall’essere luoghi sub-Michelin, sono apprezzati come spazi instagrammabili per un’esperienza culinaria speciale, forse senza l’austerità della stella Michelin.

Un bellissimo esempio è Fi’lia al 70° piano del nuovo e affascinante hotel SLS Dubai. Questo moderno ristorante serve “ingredienti freschi dal forno a legna e dalla griglia e pane e pasta fatti a mano” con un tocco decisamente raffinato. Pensa a gnocchi e caviale con burro al rosmarino e 1 kg di branzino in crosta di sale.

La direzione di Fi’lia sembra più che felice di organizzare un buongustaio.

“Non è mai stato il nostro obiettivo ottenere una stella Michelin, e siamo abbastanza realistici al riguardo”, ha detto a CNBC Claudio Cardoso, direttore culinario di SLS Hotel Dubai.

“Avere Bib Gourmand, d’altra parte, riflette davvero quello che è sempre stato l’obiettivo di Fi’lia, piatti a prezzi accessibili con ingredienti di qualità. Si tratta di buon cibo con cui le persone possono identificarsi… come lo facevano le nostre mamme”.

Con questa spinta culinaria al settore dei viaggi negli Emirati Arabi Uniti, i leader hanno annunciato piani per rilanciare il settore del turismo e aumentare il suo contributo al PIL nazionale dagli attuali 177 miliardi di AED a 450 miliardi di AED entro il 2031.

Secondo Abdullah bin Touq Al Marri, ministro dell’Economia, la strategia prevede di attrarre investimenti per un valore di 100 miliardi di dirham e portare nella regione 40 milioni di ospiti alberghieri.