Settembre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La crisi del Myanmar ha lanciato l’allarme per l’industria dell’abbigliamento, i posti di lavoro e la speranza

(Reuters) – Due anni dopo aver aperto la sua fabbrica di abbigliamento in Myanmar, Li Dongliang è sul punto di chiudere e licenziare i restanti 800 lavoratori.

File foto: lavoratori stirare e sistemare i vestiti in una fabbrica di abbigliamento nel distretto industriale di Hailing Tariyar a Yangon, 10 marzo 2010. REUTERS / Sui Zia Tun / File foto

Gli affari stanno lottando per la pandemia COVID-19, ma dopo il colpo di stato del 1 ° febbraio che ha scatenato proteste di massa e una repressione mortale, durante la quale la sua fabbrica è stata incendiata in mezzo a un’ondata di sentimento anti-cinese, gli ordini si sono fermati.

La sua storia è emblematica della situazione precaria che deve affrontare un settore critico per l’economia del Myanmar, che rappresenta un terzo delle sue esportazioni e impiega 700.000 lavoratori a basso reddito, secondo i dati delle Nazioni Unite.

“Non avremo altra scelta che rinunciare al Myanmar se non ci saranno nuovi ordini nei prossimi mesi”, mi ha detto, aggiungendo che stava lavorando a circa il 20% delle sue capacità, e sopravviveva solo su richieste presentate prima del colpo di stato , e stava perdendo 400 dipendenti.

Lee ha detto che lui e molti dei suoi colleghi stanno pensando di trasferirsi in altri centri di abbigliamento a basso costo come Cina, Cambogia o Vietnam, poiché i principali marchi di moda come H&M e Primark hanno smesso di commerciare con il Myanmar a causa del colpo di stato.

I cittadini cinesi come Lee finanziano quasi un terzo delle 600 fabbriche di abbigliamento del Myanmar, secondo l’Associazione dei produttori di abbigliamento del Myanmar, che è di gran lunga il più grande gruppo di investitori.

READ  Il sindacato dice che i tagli di posti di lavoro del Monte dei Paschi saranno tutti volontari

Almeno altri due produttori di abbigliamento finanziati dalla Cina in Myanmar, che impiegano 3.000 lavoratori, hanno deciso di chiudere, ha affermato Khin Mai Hatway, managing partner di MyanWei Consulting Group, che fornisce consulenza agli investitori cinesi in Myanmar. Ha detto che le due società sono suoi clienti, ma si è rifiutata di specificarli, citando la privacy.

Gli investimenti stranieri nell’abbigliamento sono aumentati vertiginosamente in Myanmar negli ultimi dieci anni, poiché le riforme economiche e la fine delle sanzioni e degli accordi commerciali occidentali hanno contribuito a consolidare il settore come il più grande simbolo della sua importanza emergente come polo industriale.

Le spedizioni di abbigliamento in Myanmar sono passate da meno di 1 miliardo di dollari nel 2011, circa il 10% delle esportazioni, a oltre 6,5 miliardi di dollari nel 2019, circa il 30% delle esportazioni, secondo i dati di UN Comtrade.

Ma il settore è stato colpito dall’epidemia che ha gettato il mondo in una recessione e soffocato la domanda dei consumatori, provocando la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro nelle fabbriche di abbigliamento in Myanmar e altrove in Asia.

Poi è avvenuto il colpo di stato.

Nelle settimane che seguirono, molti operai tessili si unirono alle proteste o non furono in grado di lavorare mentre le strade diventavano campi di battaglia. I proprietari delle fabbriche hanno affermato che i disordini hanno anche sconvolto il sistema bancario e reso difficile far entrare e uscire le merci dal paese.

Con l’aumentare della condanna internazionale del colpo di stato, i marchi di moda europei e americani il mese scorso hanno rilasciato una dichiarazione attraverso le loro associazioni affermando che avrebbero protetto i posti di lavoro e onorato gli obblighi in Myanmar.

READ  La disoccupazione sta diminuendo nei paesi ricchi, ma non tutti i posti di lavoro stanno tornando

Tuttavia, molti hanno recentemente interrotto gli ordini lì, tra cui il secondo più grande rivenditore di moda al mondo, la svedese H&M, la britannica Next e Primark e la italiana Benetton.

Next ha detto che avrebbe diviso i suoi ordini precedentemente vincolati in Myanmar tra Bangladesh, Cambogia e Cina, mentre Benetton ha detto che trasferirà l’attività principalmente in Cina. H&M e Primark non hanno commentato come verranno ridistribuiti gli ordini.

Fuga dalla povertà

In Vietnam, il proprietario della fabbrica di abbigliamento Ravi Chunilal ha detto a Reuters che sta iniziando a ottenere più affari da acquirenti europei che cambiano dal Myanmar.

“Non vogliono arrendersi al Myanmar … ma gli viene imposto”, ha detto Peter McAllister dell’Ethical Trade Initiative, un’organizzazione per i diritti dei lavoratori la cui adesione comprende importanti marchi europei.

McAllister ha affermato che sarebbe molto difficile per il settore dell’abbigliamento del Myanmar riprendersi se gli investitori cinesi se ne andassero.

Il sentimento anti-cinese si è intensificato dopo il colpo di stato, con gli oppositori della presa di potere che indicano le critiche mute di Pechino rispetto alla condanna occidentale. In questo contesto, diverse fabbriche finanziate dalla Cina, compreso l’impianto di Li, sono state date alle fiamme da aggressori sconosciuti durante la protesta del mese scorso.

I gruppi per i diritti hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni sullo sfruttamento nel settore dell’abbigliamento in Myanmar, dove le lavoratrici spesso guadagnano meno di 4.800 kyat (3,40 dollari) al giorno, i tassi più bassi della regione.

Ma ha permesso a molti di sfuggire alla povertà, poiché i lavoratori delle aree rurali sono emigrati nelle fabbriche, specialmente intorno al centro commerciale di Yangon, e hanno inviato denaro alle loro famiglie.

READ  La Gran Bretagna spinge per le sanzioni dei talebani alla riunione del G7

Khin Mong Ai, amministratore delegato della fabbrica di abbigliamento Lat War, che impiega 3.500 persone, dice che il settore rischia di collassare se i militari non ripristinano un governo democraticamente eletto.

Ciò porterebbe a “terribili conseguenze sulla povertà”, ha detto, aggiungendo che era anche in piedi per ordini emessi prima del colpo di stato, ma temeva che gli ordini per la prossima stagione, che di solito sono previsti entro la fine del mese, si prosciugheranno.

Gli Stati Uniti, che hanno imposto sanzioni mirate all’esercito del Myanmar, alla fine del mese scorso hanno sospeso i colloqui commerciali con esso e hanno affermato che stavano rivedendo la sua ammissibilità per il Sistema di preferenza generalizzato (SPG), che taglia le tariffe e fornisce altri vantaggi commerciali per i paesi in via di sviluppo. .

Steve Lamar, presidente dell’American Apparel and Footwear Association, che rappresenta più di 1.000 marchi di moda, ha detto che questo potrebbe “preannunciare future turbolenze” per il settore dell’abbigliamento del Myanmar.

Ma alcuni sindacati che rappresentano i lavoratori dell’abbigliamento hanno chiesto alla comunità internazionale di imporre sanzioni più severe per fare pressione sui militari, anche se ciò potrebbe portare a ulteriori danni alla loro industria.

“Accetto le richieste di partenza”, ha detto attraverso un interprete Myo Miu Ay, fondatore del Myanmar Solidarity Syndicate. I lavoratori dovranno affrontare difficoltà e disagi perché non ci saranno posti di lavoro. D’altra parte, semplicemente non accettiamo l’ordine militare “.

(1 dollaro = 1400,0000 kyat)

(Segnalazione di Chen Lin e John Jedi) Co-segnalazione di James Pearson ad Hanoi e Victoria, Aldersy a Lisbona ed Elisa Anzulin a Milano; A cura di Robert Persil