Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La crescita economica degli Stati Uniti è rallentata all’inizio del 2022?

Quanto è lenta la crescita economica degli Stati Uniti?

Si prevede che gli Stati Uniti registreranno un marcato rallentamento della crescita economica nel primo trimestre, guidato in gran parte da un’inversione dell’inaspettato boom dell’accumulo di scorte del trimestre precedente.

Il Dipartimento del Commercio dovrebbe mostrare giovedì che l’economia statunitense è cresciuta a un tasso annuo dell’1% nei primi tre mesi dell’anno, secondo gli economisti intervistati da Reuters. È in calo rispetto al ritmo del 6,9% nel quarto trimestre del 2021 e segnerebbe la crescita più lenta dalla recessione causata dai blocchi di Covid nel 2020.

Poiché il flusso di merci in tutto il mondo è diminuito alla fine dello scorso anno, le aziende hanno prodotto molto di più di quanto hanno venduto nell’ultimo trimestre, aumentando le scorte. Ciò ha spinto la crescita del PIL per il quarto trimestre del 2021 a un ritmo più rapido del previsto e molto più veloce della crescita del 2,3% nel terzo trimestre.

Gli analisti del Credit Suisse non si aspettano che questo fenomeno si ripeta. Invece, si aspettano un maggiore consumo personale per ridurre le scorte in eccesso.

I dati sulla crescita del PIL arrivano in un momento di accresciuta preoccupazione tra economisti e investitori per l’elevata inflazione e i rischi che la risposta dei banchieri centrali ad essa potrebbe portare a una recessione. È probabile che l’aumento dei prezzi delle materie prime e degli oneri finanziari pesi sulla crescita nei prossimi mesi, ma gli effetti nel primo trimestre potrebbero essere limitati, poiché le condizioni finanziarie rimangono deboli e le finanze delle famiglie solide. Kate Dugwid

Cosa dirà la Banca del Giappone sui tassi di interesse e sullo yen?

La Banca del Giappone si riunirà in un momento in cui la sua politica di mantenere bassi rendimenti obbligazionari sarà sottoposta a forti pressioni dai cambiamenti del mercato globale.

READ  Migliori Nuovi Hotel Italiani del 2022: Il Tornabuoni

La politica a lungo termine della banca centrale per controllare la curva dei rendimenti – acquistare obbligazioni per stimolare l’economia e stimolare l’inflazione – è diventata difficile poiché gli investitori scaricano il debito globale, facendo aumentare i rendimenti altrove.

Michael Metcalfe, capo della strategia macro di State Street Global Markets, ha affermato che la proposta del presidente della Fed Jay Powell la scorsa settimana per un aumento del tasso di 0,5 punti percentuali negli Stati Uniti “mette più pressione sulla Banca del Giappone”.

Il divario tra la politica statunitense e quella giapponese ha lasciato un segno anche sulla valuta giapponese, che è scesa al livello più basso degli ultimi due decenni. Il prezzo di un dollaro è ora di 129 yen, dai 115 yen di inizio marzo. “I mercati valutari continueranno a spingere lo yen al ribasso fino a quando la Banca del Giappone non farà una mossa”, ha aggiunto Metcalfe. Analisti e commercianti stanno osservando segnali che le autorità potrebbero intraprendere un raro passo di intervento per sostenere la valuta.

L’approccio pessimista del Giappone sembra destinato a continuare. La Banca del Giappone ha lanciato quattro giorni di Acquista obbligazioni illimitate La scorsa settimana per tenere sotto controllo le entrate del Giappone, ha affermato il vice primo ministro Seiji Kihari ReutersNon esistono tassi di cambio buoni o cattivi. “La stabilità è importante”, ha detto. Ian Johnston

Come è sopravvissuta l’economia della zona euro alla guerra in Ucraina?

La crescita economica dell’Eurozona dovrebbe indebolirsi nel primo trimestre, poiché la guerra in Ucraina e gli alti tassi di infezioni da Covid-19 pesano sull’attività. Nel frattempo, l’inflazione dovrebbe rimanere in linea con il suo massimo storico del 7,4 per cento a marzo.

READ  I politici devono prendere i loro stipendi

I sorprendenti dati sull’inflazione di aprile, in arrivo giovedì, ei numeri di crescita dell’eurozona e di diversi Stati membri venerdì, forniranno l’indicazione più completa finora dell’impatto della guerra sull’attività economica.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che l’inflazione fosse salita al 7,5% ad aprile. Si aspettavano inoltre una crescita del prodotto interno lordo dello 0,3% nel primo trimestre, allo stesso ritmo dei tre mesi precedenti.

Ciò avviene nonostante gli analisti si aspettano che l’economia tedesca torni alla crescita dopo la contrazione alla fine dello scorso anno. I guadagni regionali si sono attenuati e si ritiene che la ripresa sia rallentata in Francia e invertita in Italia.

I dati sulla crescita dell’Eurozona rappresentano un marcato rallentamento rispetto al tasso annuo del 2,2% osservato nel terzo trimestre, riflettendo lo slancio debole alla fine dello scorso anno in un momento di aumento dei tassi di infezione da Covid-19 e dei prezzi dell’energia, nonché di strozzature nell’offerta.

Questi fattori, insieme all’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, hanno anche ostacolato la crescita economica nel primo trimestre del 2022, come ha recentemente osservato Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea.

Parlando la scorsa settimana, ha affermato che lo slancio a medio termine potrebbe trarre vantaggio dalla riapertura dell’economia, dal rafforzamento del mercato del lavoro e dai risparmi accumulati durante la pandemia.

Tuttavia, ha aggiunto: “La guerra ha portato a una maggiore incertezza, a un ulteriore aumento dei costi energetici e a maggiori preoccupazioni per le strozzature nell’approvvigionamento, che pongono chiari rischi al ribasso per l’attività economica”. Valentina Romy