Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La corsa continua per risolvere l’enigma del gas russo

Altri 15 miliardi di metri cubi di gas promessi da Biden quest’anno non faranno che iniziare il processo di svezzamento dell’Europa dal gas russo. L’Europa importa già circa 80 milioni di tonnellate di GNL all’anno e ha una capacità di ricezione e stoccaggio in eccesso, e quindi ha la capacità di assorbire quei, e forse, con qualche investimento, i 50 milioni previsti dall’accordo entro il 2030.

Tuttavia, per sostituire completamente il gas russo, avrà bisogno sia della produzione di GNL per espandersi che per costruire nuovi terminali e reti di distribuzione per ricevere e distribuire i volumi di GNL significativamente aumentati.

È chiaro che, anche se potesse reindirizzare parte del gas che stava esportando in Europa verso altri mercati, l’invasione dell’Ucraina e la severità della risposta dell’Occidente infliggerebbero gravi danni strutturali a lungo termine all’economia russa. Non importa come risolvere il destino dell’Ucraina.

Mentre ci sono nuovi giacimenti di gas in fase di sviluppo in Qatar e al largo della costa nord-occidentale dell’Australia e un nuovo terminal di esportazione in costruzione negli Stati Uniti (con circa 27 altri in costruzione per l’approvazione), l’impatto, anche se lo sviluppo sarà accelerato, si farà sentire nel secondo tempo Al più presto da questo contratto.

Ciò non significa, tuttavia, che gli europei non possano ridurre in modo significativo i loro acquisti di gas dalla Russia e arrecare danni significativi alla sua economia dipendente dalle vendite di energia nel processo.

La Germania, l’economia europea più dipendente dal gas russo, ad esempio, è in trattative urgenti per assicurarsi tre unità galleggianti di conversione del gas. Ha già ridotto le sue importazioni di gas dalla Russia dal 55% della sua fornitura totale di gas al 40% e sta progettando di costruire due terminali di importazione di GNL. Il costo della stazione è di circa un miliardo di dollari USA (1,3 miliardi di dollari).

READ  Aggiornamenti in tempo reale tra Ucraina e Russia: un convoglio di autobus che cerca di raggiungere i civili intrappolati a Mariupol, in Ucraina

L’Unione Europea dipende dalla Russia per circa il 40% del suo gas.credito:Immagine Bloomberg di Andrey Rudakov

La stessa Ue ha dichiarato di voler ridurre di due terzi le sue importazioni di gas russo – circa 100 milioni di miliardi di metri cubi – entro la fine di quest’anno diversificando gli approvvigionamenti, contraendo per il gas come unità piuttosto che come economie individuali, accelerando il processo. – Progetti di energia rinnovabile, aumento delle riserve di stoccaggio e sostituzione di alternative – fonti di energia rinnovabile, carbone e nucleare – nel riscaldamento e nella produzione di energia.

L’invasione russa dell’Ucraina cambierà la mappa energetica mondiale. Inoltre, porrebbe un livello minimo, a un livello molto alto, alla domanda e ai prezzi del GNL. L’Europa dovrà pagare un sovrapprezzo su prezzi già elevati affinché una quantità di gas sufficiente abbia un impatto misurabile sulla sua dipendenza dall’energia russa. Dovrà competere con i tradizionali grandi acquirenti asiatici.

L’impegno della Cina, appena prima dell’invasione, di acquistare altri 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno per i prossimi 30 anni potrebbe aiutarla. La Russia ha esportato quasi 17 miliardi di metri cubi in Cina l’anno scorso. I nuovi gasdotti pianificati dalla Russia potrebbero vedere un aumento significativo dei volumi, anche se saranno comunque significativamente inferiori alle attuali vendite europee e avranno prezzi molto inferiori.

Caricamento in corso

È chiaro che, anche se è riuscita a reindirizzare parte del gas che stava esportando in Europa verso altri mercati, l’invasione dell’Ucraina e la severità della risposta da parte dell’Occidente, compresa l’Europa, dove dipendeva dall’energia russa. Presumibilmente facendo leva sul Cremlino e costringendo gli europei ad accettare il destino dell’Ucraina, infliggerà danni strutturali a lungo termine all’economia russa, indipendentemente da come verrà risolto il destino dell’Ucraina.

READ  Dietro lo scandalo immobiliare vaticano a Londra e le accuse affrontate da alti funzionari come il cardinale Angelo Piccio

La newsletter Business Briefing offre storie importanti, copertura esclusiva e opinioni di esperti. Iscriviti ogni mattina della settimana.