Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Corea del Nord respinge l’appello di pace della Corea del Sud alle Nazioni Unite

La Corea del Nord ha respinto l’offerta della Corea del Sud di emettere una dichiarazione politica per porre fine alla guerra di Corea del 1950-53 come un modo per ripristinare la pace, dicendo che una tale mossa potrebbe essere usata come “una cortina fumogena per coprire la politica ostile degli Stati Uniti” contro la Corea del Nord.

In un discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite all’inizio di questa settimana, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha ribadito i suoi appelli per una dichiarazione di fine guerra che, secondo lui, potrebbe aiutare a raggiungere la denuclearizzazione e una pace duratura nella penisola coreana.

Il viceministro degli Esteri nordcoreano Ri Tae-sung ha respinto l’invito di Moon fintanto che le politiche statunitensi rimarranno invariate.

“Dovrebbe essere chiaro che dichiarare la fine della guerra non aiuta affatto a stabilizzare la situazione nella penisola coreana in questo momento e potrebbe persino essere usato impropriamente come una cortina fumogena che copre la politica ostile degli Stati Uniti”, ha detto Rhee. In un comunicato diffuso dai media statali.

Ha affermato che le armi e le forze statunitensi dispiegate in Corea del Sud e nelle aree limitrofe e le regolari esercitazioni militari statunitensi nella regione “indicano tutte la politica ostile degli Stati Uniti nei confronti di [North Korea] Di giorno in giorno si fa più feroce”.

Due uomini sorridenti in abbigliamento formale si stringono la mano mentre posano per una foto su uno sfondo blu.
Il presidente sudcoreano Moon Jae-in (R) ha ribadito il suo appello per un accordo di pace con la Corea del Nord guidata da Kim Jong Un.(

Associated Press: Conferenza stampa/file della Corea

)

La Corea del Nord ha a lungo descritto le sanzioni economiche guidate dagli Stati Uniti come prova dell’ostilità degli Stati Uniti nei confronti della Corea del Nord.

Il Ministero dell’Unificazione della Corea del Sud ha risposto che continuerà i suoi sforzi per adottare la dichiarazione di fine della guerra e rafforzare la cooperazione con i paesi interessati.

Annunciare la fine della guerra sarebbe un “passo molto significativo” in quanto potrebbe essere un punto di partenza per i negoziati di pace e denuclearizzazione nella penisola, ha affermato Cha Duk Chul, vice portavoce del ministero.

La guerra di Corea si concluse con un armistizio piuttosto che con un trattato di pace e la penisola fu lasciata in uno stato di guerra tecnica.

La Corea del Nord voleva fermamente firmare un trattato di pace con gli Stati Uniti per porre fine formalmente alla guerra e migliorare le successive relazioni.

Alcuni esperti affermano che il trattato di pace potrebbe consentire alla Corea del Nord di chiedere agli Stati Uniti di ritirare 28.500 soldati dalla Corea del Sud e di allentare le sanzioni.

Entrambe le Coree hanno chiesto una dichiarazione di fine della guerra e la firma di un trattato di pace durante un periodo di diplomazia con gli Stati Uniti iniziato nel 2018 e si è ipotizzato che l’allora presidente Donald Trump possa annunciare la fine della guerra . All’inizio del 2019 per convincere il leader nordcoreano Kim Jong Un a impegnarsi per la denuclearizzazione.

Nessun annuncio del genere è stato fatto mentre la diplomazia è svanita in un vicolo cieco per l’allentamento delle sanzioni in cambio della denuclearizzazione della Corea del Nord.

È stato visto un missile lanciato in aria, lasciando una nuvola di fumo al di sotto.
La Corea del Nord ha lanciato un missile di prova la scorsa settimana.(

AFP: agenzia di stampa centrale coreana

)

Alla fine del 2019, la Corea del Nord ha affermato che la crisi nucleare non si sarebbe risolta se gli Stati Uniti avessero cercato di persuaderla a tornare ai colloqui con una proposta per dichiarare la fine della guerra senza invertire la sua politica ostile.

Negli ultimi mesi, Kim ha avvertito che la Corea del Nord rafforzerà il suo arsenale nucleare e introdurrà sistemi di armi più avanzati a meno che gli Stati Uniti non abbandonino la loro politica ostile.

La scorsa settimana, la Corea del Nord ha condotto i suoi primi test missilistici in sei mesi, dimostrando la sua capacità di lanciare attacchi contro la Corea del Sud e il Giappone, due importanti alleati degli Stati Uniti dove sono di stanza un totale di 80.000 soldati statunitensi.

AP

READ  “Cucinare è un modo per me di condividere il mio amore”: ricette di Melbourne per le case popolari | Cibo e bevande indiane