Maggio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Commissione sanitaria cinese ha smesso di pubblicare i dati giornalieri sul COVID, poiché il numero di persone infette aumenta

La National Health Commission (NHC) cinese ha smesso di pubblicare i dati giornalieri sul COVID-19, tra dubbi sulla sua affidabilità mentre le infezioni esplodono sulla scia dell’improvviso allentamento delle rigide restrizioni.

“Le informazioni pertinenti sul COVID saranno pubblicate dal Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie per riferimento e ricerca”, ha affermato la commissione in una nota.

Non ha specificato i motivi del cambiamento o la frequenza con cui il CDC cinese ha aggiornato le informazioni sul COVID.

L’interruzione da parte dell’NHC della segnalazione di infezioni e decessi giornalieri totali arriva mentre cresce la preoccupazione per la mancanza di informazioni vitali da quando Pechino ha apportato modifiche radicali alla sua politica sul coronavirus che ha messo centinaia di milioni di cittadini sotto implacabili blocchi e ha colpito il secondo paese più grande del mondo. Economia.

Nonostante il numero record di infezioni, l’NHC non aveva segnalato alcun decesso di COVID a livello nazionale per quattro giorni consecutivi prima di interrompere il rilascio dei dati.

La Cina ha ristretto la sua definizione di segnalazione dei decessi per COVID, contando solo quelli con polmonite correlata a COVID o insufficienza respiratoria, sorprendendo gli esperti sanitari mondiali.

READ  Dieci persone sono morte in un incendio in un edificio residenziale nella regione dello Xinjiang, nel nord-ovest della Cina

La società di dati sanitari con sede in Gran Bretagna Airfinity ha stimato la scorsa settimana che la Cina registrava più di 1 milione di infezioni e 5.000 morti al giorno.

Le persone che indossano DPI stanno fuori dall'impresa di pompe funebri mentre altri entrano indossando maschere.
Una società di dati sanitari con sede nel Regno Unito stima che la Cina stia assistendo a oltre 1 milione di infezioni e 5.000 morti al giorno.(Reuters)

I numeri ufficiali sono meno affidabili a causa di meno test

Dopo che i casi di COVID hanno battuto i record giornalieri alla fine di novembre, questo mese l’NHC ha smesso di segnalare infezioni asintomatiche, rendendo difficile il monitoraggio dei casi.

I dati ufficiali provenienti dalla Cina sono diventati una guida inaffidabile poiché vengono effettuati meno test in tutto il paese, mentre la Cina è stata regolarmente accusata di sottovalutare il numero di infezioni e decessi.

Anche gli Stati Uniti hanno segnalato casi COVID meno frequentemente, passando dagli aggiornamenti giornalieri a quelli settimanali, adducendo la necessità di ridurre l’onere di segnalazione sulle aree locali.

L’Organizzazione mondiale della sanità non ha ricevuto alcun dato dalla Cina sui nuovi ricoveri ospedalieri dovuti al coronavirus da quando Pechino ha allentato le sue restrizioni.

L’organizzazione afferma che il divario di dati potrebbe essere causato dalla lotta delle autorità per contare i casi nel paese più popoloso del mondo.

Persone che indossano maschere portano bastoncini di incenso in un tempio buddista.
L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che il divario di dati potrebbe essere dovuto alle autorità che faticano a contare i casi nel paese più popoloso del mondo.

“La Cina sta entrando nelle settimane più pericolose dell’epidemia”, ha affermato una nota di ricerca di Capital Economics.

“Le autorità non stanno facendo quasi alcuno sforzo ora per rallentare la diffusione dell’infezione, e con la migrazione che inizia prima del capodanno lunare, tutte le parti del paese che non sono attualmente in una grande ondata di COVID lo saranno presto”.

Dopo anni di rigorosa applicazione delle regole, l’abbandono da parte del presidente Xi Jinping della sua politica di non diffondere il nuovo coronavirus sta ora evidenziando il piano di uscita del paese mentre Hong Kong intende riaprire i confini della Cina.

READ  L'Australia chiama Cop26 "enorme fossile" "performance orribile" | poliziotto 26

“Statistiche e realtà sono molto distanti”

L’improvviso allentamento delle restrizioni da parte della Cina, inclusa la cancellazione dei test di massa su larga scala, ha confuso i suoi cittadini e alimentato la frustrazione mentre i casi aumentano mentre le cifre ufficiali rimangono irregolari.

“Non mi hai contato quando sono risultato positivo al COVID e non sapevi quando sono risultato negativo. Le statistiche e la realtà sono così distanti”, ha scritto un utente di una piattaforma simile a Twitter in Cina dopo che l’NHC ha sospeso il suo caso quotidiano . rapporti, aggiungendo che non era necessario che fossero pubblicati per molto tempo.

Le città di Qingdao e Dongguan hanno recentemente stimato decine di migliaia di infezioni giornaliere da COVID, di gran lunga superiori al conteggio giornaliero nazionale di nessun caso asintomatico.

Persone che guardano all'interno dell'ospedale attraverso la finestra.
Il sistema sanitario del paese è sottoposto a un’enorme pressione, poiché il personale è tenuto a lavorare durante la malattia.(Reuters: Canzone Ali)

Diversi modelli e rapporti negli ultimi giorni hanno previsto fino a 2 milioni di morti per coronavirus mentre il virus si diffonde nelle zone rurali del paese, minacciando di infettare la popolazione anziana più vulnerabile e non vaccinata.

Il sistema sanitario del paese è sottoposto a un’enorme tensione, con il personale che viene invitato a lavorare mentre è malato e persino a riassumere operatori sanitari in pensione nelle comunità rurali per aiutare con gli sforzi di base, secondo i media statali.

A rafforzare l’urgenza c’è l’avvicinarsi del capodanno lunare a gennaio, quando un gran numero di persone torna a casa.

Le richieste giornaliere a un centro di emergenza nella città orientale di Hangzhou sono recentemente più che triplicate, in media, rispetto al livello dello scorso anno, ha riferito domenica la televisione di stato, citando un funzionario sanitario di Hangzhou.

READ  Vladimir Putin ha vietato le esportazioni di petrolio russo verso paesi che hanno imposto limiti di prezzo a causa della guerra in Ucraina

Anche la città orientale di Suzhou ha dichiarato sabato scorso che la sua linea di emergenza ha ricevuto 7.233 chiamate giovedì.

Reuters