Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La commissione del 6 gennaio dovrebbe raccomandare accuse penali per la rivolta del Campidoglio. Ecco a cosa potrebbe resistere Trump

La commissione statunitense che indaga sulla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio è pronta a fare la sua presentazione pubblica finale sugli sforzi senza precedenti di Donald Trump per ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali che ha perso nel 2020.

Il comitato lo ha descritto come un “tentativo di colpo di stato” che giustifica un’azione penale da parte del ministero della Giustizia.

Questa dovrebbe essere la discussione di chiusura della commissione domani, mentre conclude le sue indagini e si prepara a pubblicare un rapporto finale sull’insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti quasi due anni fa.

Un'esplosione causata da munizioni della polizia davanti al Campidoglio degli Stati Uniti durante una rivolta dei sostenitori di Trump.
I membri del comitato hanno promesso che la sessione includerà un’anteprima del rapporto finale.(Reuters: Leah Melis)

Il comitato, composto da sette democratici e due repubblicani, dovrebbe essere sciolto alla fine dell’anno.

La riunione sarà l’ultima sessione pubblica del comitato dalla sua costituzione nel luglio 2021.

Ad una delle prime udienze, il 9 giugno, hanno partecipato più di 20 milioni di persone.

Ecco come siamo arrivati ​​a questo punto.

Cos’è il Comitato 6 gennaio?

È un gruppo bipartisan di membri della Camera riuniti per indagare sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti guidato dai sostenitori dell’allora presidente Donald Trump.

Tre uomini scalano un muro di marmo mentre una folla si raduna sotto
L’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti è stato collegato alla morte di cinque persone, tra cui un agente di polizia statunitense.(Reuters: Stephanie Keith)

Chi fa parte del Comitato 6 gennaio?

La giuria è composta da sette rappresentanti democratici: Zoe Lofgren, Adam Schiff, Pete Aguliar, Stephanie Murphy, Jamie Raskin, Elaine Luria e il presidente Benny Thompson.

Al comitato partecipano anche due membri repubblicani: Adam Kinzinger e il vicepresidente Liz Cheney.

Donald Trump è nei guai?

Bisognerà vedere cosa dice il rapporto ufficiale.

Il presidente del comitato, il democratico Penny Thompson, ha affermato che i rinvii potrebbero includere accuse penali, violazioni etiche, cattiva condotta legale e violazioni del finanziamento della campagna elettorale.

Donald Trump parla al microfono davanti a una bandiera americana proiettata
Il comitato potrebbe raccomandare di intentare un’accusa penale contro Donald Trump, secondo i rapporti.(Reuters: Jaylen Morse/File )

Schiff, un altro membro del comitato democratico, ha affermato di ritenere che Trump abbia commesso molteplici crimini.

“Se guardi le azioni di Donald Trump e le confronti con le statistiche, è una partita abbastanza buona”, ha detto Schiff, riferendosi specificamente all’accusa di insurrezione.

“Questo è qualcuno che ha cercato in più modi di fare pressioni sui funzionari statali affinché trovassero voti che non esistono, questo è qualcuno che ha cercato di interferire con una sessione congiunta, ha persino incitato una folla ad attaccare il Campidoglio”.

Cosa abbiamo imparato dalle sessioni del 6 gennaio?

Solo molto, quindi analizziamo le udienze pubbliche.

Udienza n. 1 – 9 giugno 2022

La prima udienza pubblica si è concentrata sul video e sulle prove scritte dei più stretti alleati di Trump che ammettevano di sapere che aveva perso le elezioni, nonostante le proteste contrarie dell’ex presidente.

Le riprese video hanno mostrato l’ex procuratore generale degli Stati Uniti William Barr, l’ex capo dello staff di Trump Mark Meadows, il presidente del Joint Chiefs of Staff Mark Milley e persino la figlia di Trump Ivanka che testimoniavano di sapere che Trump aveva perso le elezioni federali del 2020.

Il comitato ha anche trasmesso un video della durata di circa 10 minuti che mostra come si sono svolti gli eventi del 6 gennaio.

Udienza n. 2 – 13 giugno

La seconda udienza ha visto la commissione fare una netta distinzione tra quelli della squadra di Trump che hanno sostenuto le sue bugie e quelli che non lo hanno fatto.

In un’intervista mostrata, il signor Barr ha detto che il signor Trump si era “distaccato dalla realtà”.

Un investigatore della commissione ha anche spiegato come 250 milioni di dollari (374 milioni di dollari) in frodi elettorali siano stati raccolti da Trump dopo le elezioni.

Ma l’investigatore ha detto che la maggior parte del denaro è andato a gruppi che sostengono Trump, non per finanziare battaglie giudiziarie.

Udienza n. 3 – 16 giugno

La terza udienza pubblica riguardava gli sforzi dell’allora vicepresidente Mike Pence e del signor Trump per impedirgli di certificare la vittoria presidenziale di Joe Biden.

Un aiutante della Casa Bianca ha descritto un tweet di Trump durante la rivolta dicendo: “Pence non ha avuto il coraggio di fare ciò che doveva essere fatto”, come “versare benzina sul fuoco”.

Il comitato ha presentato le prove che il signor Trump ha sottoposto Pence a forti pressioni sia pubblicamente che privatamente per decertificare le elezioni.

Ha anche introdotto la potenziale responsabilità penale dell’avvocato John Eastman, che Trump ha perseguito per consulenza legale.

Sessione #4 – 21 giugno

La quarta sessione includeva testimonianze più schiaccianti dei leader del paese che Trump ha cercato di forzare il braccio per sostenere la vittoria elettorale di Biden.

C’è stata un’ampia testimonianza di tre funzionari repubblicani che erano tutti destinatari delle iniziative post-elettorali di Trump.

I tre testimoni si sono rifiutati di piegarsi alle richieste di Trump di modificare i risultati elettorali, e tutti e tre hanno parlato delle conseguenze che ha cambiato le loro vite.

Sessione #5 – 23 giugno

La quinta udienza includeva ulteriori prove della campagna di Trump per fare pressione sul Dipartimento di Giustizia affinché accettasse la sua narrativa di “elezione rubata”.

Ciò includeva presumibilmente spingere i funzionari governativi a indagare sulle teorie del complotto di estrema destra e sollecitare alti funzionari del Dipartimento per la sicurezza interna a confiscare le macchine per il voto ai governi statali alla ricerca di frodi inesistenti.

Sessione #6 – 28 giugno

Durante la sesta udienza, l’ex aiutante della Casa Bianca Cassidy Hutchinson ha fornito una testimonianza relativa a dettagli precedentemente sconosciuti su:

  • Il signor Trump sta fisicamente cercando di costringere il suo autista a portarlo al Campidoglio mentre i manifestanti assaltano l’edificio
  • Il signor Trump ha gettato il suo pranzo contro il muro a dicembre dopo aver appreso che l’allora procuratore generale William Barr aveva detto ai media che non c’erano frodi abbastanza diffuse da ostacolare le elezioni.
  • Come ha fatto il signor Trump a sapere che alcuni dei suoi sostenitori avevano portato armi il 6 gennaio?
  • Il legame tra l’avvocato di Trump Rudy Giuliani e il gruppo di destra The Proud Boys
Primo piano dell'ex aiutante della Casa Bianca Cassidy Hutchinson che indossa una giacca bianca mentre testimonia al comitato del 6 gennaio.
Cassidy Hutchinson ha testimoniato sulle azioni del presidente il giorno della rivolta del Campidoglio.(AP Foto/Piscina: Andrew Harnik)

Udienza n. 7 – 12 luglio

Le prove della settima sessione sono circolate su un tweet inviato da Trump alla fine di dicembre 2020.

“Grande protesta a Washington il 6 gennaio. Sii lì, sarà selvaggio!” Leggi il tweet.

La commissione ha sostenuto che si trattava di una chiamata alle armi per i membri di gruppi estremisti come i Proud Boys e gli Oath Keepers, molti dei quali hanno formato le bande violente il 6 gennaio.

Il comitato ha portato testimoni di entrambi i gruppi, che hanno testimoniato che le parole di Trump li hanno fatti sentire in dovere di affluire in Campidoglio il 6 gennaio.

Un uomo in abito grigio e cravatta scozzese rossa e blu siede davanti a un microfono con le mani giunte su una scrivania
Stephen Ayres, uno dei rivoltosi del 6 gennaio, ha detto alla commissione che credeva che le elezioni fossero state rubate e che il presidente avesse invitato i suoi sostenitori ad agire. (Reuters: Elisabeth Frantz)

Sessione #8 – 22 luglio

Quella che si credeva fosse l’udienza finale del comitato ha esaminato ciò che Trump ha fatto – e non ha fatto – per più di tre ore mentre i suoi sostenitori cercavano violentemente di fermare il trasferimento del potere del 6 gennaio.

La mattina del 6 gennaio, Trump si è rivolto ai suoi seguaci con un discorso di White House Ellipse che si è concluso alle 13:10.

Donald Trump con le braccia tese mentre si trova su un podio all'aperto di fronte alla Casa Bianca
Testimoni all’udienza hanno affermato che Donald Trump è diventato “furioso” quando i funzionari dei servizi segreti si sono rifiutati di lasciarlo andare al Campidoglio. (AP: Jacqueline Martin)

Trump non ha ordinato con riluttanza ai suoi seguaci di tornare a casa fino alle 16:17.

A questo punto, folle violente si erano infiltrate nel Campidoglio e avevano mandato i politici nelle viscere dell’edificio in cerca di sicurezza.

Sessione n. 9 – 13 ottobre

Nella sua ultima udienza pubblica, il comitato ha presentato prove che hanno dipinto il signor Trump il giorno degli attacchi come un uomo disperato che cercava ogni mezzo possibile, compresi quelli illegali, per aggrapparsi al potere.

Tutti e nove i membri del comitato hanno votato pubblicamente per citare in giudizio l’ex presidente per testimoniare sotto giuramento, in un inaspettato spettacolo teatrale.

Il signor Trump ha intentato una causa contestando la citazione in giudizio. A partire dal 14 novembre, la commissione ha dichiarato di aver “mancato” di ottemperare alla richiesta di documentazione e testimonianza.

Cosa dovrebbe esserci nella relazione finale?

Nessuno sa esattamente cosa sarà incluso nella relazione finale.

I membri del comitato hanno promesso che la sessione includerà un’anteprima della relazione finale, che dovrebbe essere pubblicata mercoledì.

ABC/AP

READ  Come Buckingham Palace ha diffuso la notizia della morte del principe Filippo e come hanno reagito i leader mondiali