Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina sta costruendo più di 100 silos missilistici “nucleari” nel deserto | Cina

La Cina sta costruendo più di 100 silos missilistici nel deserto, secondo un’analisi delle immagini satellitari, che secondo i ricercatori indica una possibile espansione delle capacità nucleari del paese.

Gli analisti hanno avvertito che l’espansione ha rappresentato uno “sviluppo preoccupante”, ma hanno anche esortato alla cautela contro il “pensiero peggiore”, citando la tensione tra le principali potenze nucleari sul disarmo.

Ricerca, segnalata per la prima volta da Washington Post Giovedì, nel deserto della provincia di Gansu, è stata identificata la costruzione di almeno 119 silos, che potrebbero trasportare missili balistici intercontinentali.

I ricercatori, del James Martin Center for Nonproliferation Studies del Middlebury Institute of International Studies, hanno fatto la scoperta analizzando le immagini satellitari fornite dalla società commerciale Planet.

Uno dei ricercatori, l’esperto nucleare statunitense Jeffrey Lewis, ha affermato che il sito di due giorni, che si estende per più di 700 miglia quadrate, include la costruzione di bunker sotterranei, che possono fungere da centri di lancio, trincee per cavi, strade e una piccola base militare.

Le caratteristiche del progetto rispecchiavano gli attuali siti di lancio di missili balistici nucleari nella Mongolia interna, indicando che la Cina aveva costruito o costruito almeno 145 in totale.

“Riteniamo che la Cina stia espandendo le sue forze nucleari in parte per mantenere un deterrente in grado di resistere a un primo attacco degli Stati Uniti in numero sufficiente per sconfiggere le difese missilistiche statunitensi”, ha detto Lewis al Washington Post.

Si ritiene che la Cina abbia circa 350 testate nucleari, circa 30 in più rispetto al 2020 e molto meno degli Stati Uniti o della Russia, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute.

READ  Il ministro degli Esteri di Tuvalu, Simon Covey, pronuncia il discorso della COP26 nelle profondità del mare per mostrare che la nazione è in prima linea nella crisi climatica

Nel mezzo di una corsa agli armamenti e del deterioramento delle relazioni con Washington, Cina e Russia Sono riluttanti a ridurre il loro arsenale Senza restrizioni simili sugli Stati Uniti. Ad aprile, il comandante delle forze nucleari statunitensi ha avvertito di una “sbalorditiva espansione” delle capacità nucleari della Cina.

Il numero di silos non è necessariamente correlato al numero di missili, poiché Lewis ha suggerito che potrebbe essere un “gioco di conchiglie” per nascondere parzialmente dove erano tenuti i missili e per garantire che le altre parti in guerra non sapessero esattamente dove si trovavano. Ha detto che il design era simile a quello che gli Stati Uniti avevano progettato quando avevano fatto i piani iniziali per un “gioco di conchiglie” negli anni ’70.

Quindi, mentre 120 silos sembrano significare 120 razzi, è molto facile essere 12 razzi. Non sappiamo. E anche se la Cina dispiegherà solo pochi missili, le sue forze potrebbero crescere nel tempo in silos”, Lewis Ha detto alla rivista Foreign Policy. “Tuttavia, che siano 12 o 120, è uno sviluppo allarmante”.

Dopo che un incontro della NATO il mese scorso ha avvertito della necessità di affrontare il crescente autoritarismo e la potenza militare della Cina, Pechino ha accusato il blocco di “calunnia” e si è riferito in particolare al suo arsenale nucleare.

La missione della Cina presso l’Unione europea ha affermato che il paese ha molte meno testate nucleari rispetto ai membri della NATO e si è impegnato a non usarle o minacciare di usarle contro paesi non nucleari.

Ha affermato che la Cina è impegnata in una politica di difesa di “natura difensiva” e che la sua ricerca della modernizzazione militare è giustificata e ragionevole. All’inizio di giugno, il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha affermato che il paese aderisce al principio di non utilizzare prima le armi nucleari.

READ  La Russia è ancora pronta a fornire un passaggio sicuro da Azovstal, ha detto Putin all'israeliano Bennett

James Acton, co-direttore del Programma di politica nucleare presso il Carnegie Endowment for International Peace, ha esortato a non considerare lo “scenario peggiore” alla luce delle rivelazioni sulla costruzione del silo.

“Ci sono molte ragioni per chiedersi se la Cina stia per espandere il suo arsenale nucleare così rapidamente, anche se lo sta espandendo un po’”, ha detto Acton, notando la somiglianza con il piano di gioco missilistico degli Stati Uniti negli anni ’70.

In secondo luogo, devi capire che il programma di modernizzazione nucleare della Cina può essere guidato in gran parte dalla preoccupazione per gli Stati Uniti. La Cina è stata abbastanza aperta riguardo alle sue preoccupazioni sul fatto che gli Stati Uniti possano attaccare preventivamente le sue forze nucleari in qualsiasi conflitto”.

John Colfer, un analista in pensione della CIA per gli affari dell’Asia orientale, ha messo in dubbio la vicinanza degli edifici costruiti. “Sono così assemblati che esteriormente sfidano quasi l’avversario a considerare un attacco di controforza”, ha scritto su Twitter.