Settembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina si prepara ad avviare i primi test di un reattore nucleare a sali fusi utilizzando il torio al posto dell’uranio

Gli scienziati in Cina sono sul punto di far funzionare per la prima volta un reattore sperimentale che alcuni credono sia il Santo Graal dell’energia nucleare: più sicuro, più economico e meno armabile.

Il reattore a sale fuso a base di torio dovrebbe essere completato questo mese con i primi test che inizieranno già a settembre, secondo il quotidiano britannico The Guardian. Dichiarazione del governo provinciale del Gansu.

Il torio è un elemento metallico con proprietà radioattive, vicino all’uranio nella tavola periodica, che era considerato una fonte di combustibile alternativa quando gli Stati Uniti stavano sviluppando per la prima volta la tecnologia nucleare negli anni ’40.

Gli americani svilupparono persino un reattore nucleare sperimentale a sali fusi basato sul torio all’Oak Ridge National Laboratory nel Tennessee, ma gli Stati Uniti lo chiusero e abbandonarono il torio a favore dell’uranio nei primi anni ’70.

Il nuovo reattore, costruito a Wuwei ai margini del deserto del Gobi nel nord della Cina, è un prototipo sperimentale progettato per avere una potenza di appena 2 megawatt.

Vista interna di una struttura circolare con fili ed elementi metallici.  Un uomo può essere visto lavorare all'interno indossando un cappello bianco
Il reattore a sale fuso e torio dell’Oak Ridge National Laboratory è stato chiuso nel 1969. (

Wikimedia Commons: ORNL

)

Secondo un documento di ricerca pubblicato sulla rivista scientifica cinese “Nuclear Technologies” dallo Shanghai Institute of Applied PhysicsIl piano a lungo termine è sviluppare una serie di piccoli reattori a sali fusi che producano ciascuno 100 megawatt di potenza, sufficienti per circa 100.000 persone.

Le centrali a sale fuso non usano l’acqua per il raffreddamento come le centrali nucleari convenzionali, quindi possono essere costruite in regioni desertiche, dice il giornale, come le regioni occidentali scarsamente popolate della Cina.

Si dice che le prime fabbriche commerciali che utilizzano la nuova tecnologia dovrebbero iniziare a funzionare nel 2030.

Il presidente Xi Jinping si è impegnato a rendere la Cina carbon neutral entro il 2060.

Nigel Marks, un assistente professore di fisica alla Curtin University, ha affermato che la spinta della Cina per il torio come combustibile nucleare è stata uno sviluppo entusiasmante.

“Hanno rivitalizzato un programma di ricerca che gli Stati Uniti hanno interrotto negli anni ’60”, ha affermato il dott. Marks.

“Chi lo sa, forse in un clima diverso con alcune economie diverse possono farlo funzionare”.

Una bottiglia di vetro con una sottile lamina di metallo all'interno e un'etichetta scritta a mano
Il torio è più abbondante dell’uranio e l’Australia ha alcune delle più grandi riserve del mondo.(

Wikimedia Commons: W Oelen

)

Il torio – che prende il nome da Thor, il dio nordico del tuono – ha alcuni importanti vantaggi rispetto all’uranio.

Solo i rifiuti radioattivi di torio dovrebbero essere conservati per circa 500 anni, rispetto a diverse migliaia di uranio.

Anche la produzione di uranio per armi dal torio è più difficile e richiede tempo.

Alcuni difensori del torio hanno persino ipotizzato che gli Stati Uniti abbiano scelto solo l’uranio invece del torio perché era più utile per fabbricare armi nucleari.

Tuttavia, il dottor Marks ha detto che si trattava di “tutte sciocchezze”.

“La ragione principale per cui l’uranio è stato usato dal primo reattore nei primi anni ’40 è che tutto funziona così facilmente per l’uranio”, ha detto.

“C’è solo un elemento che può produrre naturalmente una reazione di fissione fuori dalla scatola, ed è l’uranio.

“Il torio, in linea di principio, può rilasciare energia, ma non è così facile come con l’uranio”.

Ad esempio, il torio è fertile piuttosto che fissile, il che significa che ha bisogno di un’altra tecnologia nucleare, di solito un reattore all’uranio, per avviare la catena del torio, ha detto.

“Chimicamente è un elemento molto diverso”, ha detto.

“Quindi le cose che sono semplici per l’uranio sono complesse per il torio”.

La centrale nucleare EDF a Bougies, Francia
Le nuove tecnologie possono affrontare alcuni dei problemi di sicurezza che molte persone hanno riguardo all’energia nucleare convenzionale.(

Reuters: Benoit Tessier

)

Ha detto che l’India, che non ha avuto accesso all’uranio per le centrali nucleari fino al 2008, ha cercato per decenni di sviluppare l’energia al torio, ma non ha mai funzionato.

La cosa principale che tiene il torio come potenziale fonte di carburante, ha detto, è il costo e i rischi dello sviluppo di una nuova tecnologia che alla fine potrebbe non funzionare o essere economicamente vantaggiosa.

Il dottor Marks ha affermato che la tecnologia del sale fuso potrebbe essere facilmente utilizzata con l’uranio come il torio.

L’uso di sale fuso al posto dell’acqua significa che il reattore non può fondersi allo stesso modo dei reattori raffreddati ad acqua convenzionali.

È probabile che anche i reattori a sale fuso siano più economici perché non hanno bisogno di essere pressurizzati per evitare che l’acqua raffreddata si trasformi in vapore.

Il dottor Marks ha affermato che l’approccio della Cina non è stato quello di “tenere tutte le uova nello stesso paniere”.

“Hanno due diverse tecnologie e ci sono molti diversi progetti di reattori che stanno cercando in tutto il loro settore nucleare”, ha detto.

“Quindi gli stanno dando una buona possibilità e sono davvero interessato a vedere cosa succede”.

READ  Gli haitiani si preparano per piogge torrenziali, inondazioni e frane mentre continuano gli sforzi di salvataggio del terremoto