Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina si impadronisce della terra e secondo quanto riferito sta costruendo villaggi oltre i confini internazionali

All’inizio di aprile, i cinesi hanno accolto una delegazione di visitatori internazionali a Kunming, nella provincia dello Yunnan.

Il gruppo di esperti era lì per discutere CinaIl suo confine meridionale è montuoso, difficile da definire a causa del suo terreno disabitato e selvaggio.

Secondo i resoconti della stampa cinese, l’incontro tra lei e il giovane Bhutan è stato eccezionalmente amichevole.

“La riunione del gruppo di esperti ha tenuto discussioni approfondite e fruttuose sulla questione del confine in un’atmosfera calda e amichevole”, ha detto il ministero degli Esteri cinese, secondo una portavoce del Partito Comunista. Global Times.

La cosa più sorprendente è stata perché, secondo una nuova ricerca, la Cina invade silenziosamente da anni il suo vicino himalayano.

Un articolo pubblicato dalla rivista Politica estera È stato riferito che la Cina ha costruito un’intera città, piena di strade, una centrale elettrica, due edifici del Partito Comunista Cinese, una base di comunicazioni, avamposti militari e di polizia e un magazzino, a circa 8 chilometri dal Bhutan.

Ciò che Pechino ha già fatto nel Mar Cinese Meridionale – costruire avamposti e rivendicare una sovranità discutibile – ora sta accadendo anche in Himalaya, secondo i rapporti.

Forse non sorprende che l’incontro di Kunming sia stato così amichevole. Con una popolazione di soli 800.000 abitanti, rispetto a 1,4 miliardi in Cina, “c’è poco che il Bhutan possa fare”, ma Pechino ha guardato mentre beveva grandi quantità del suo territorio, dice il giornale.

Quel che è peggio per il Bhutan è che non è il vero obiettivo di Pechino. Invece, rimane bloccata in una partita di combattimento geopolitico.

Robert Barnett scrive nel suo libro: “Ciò include una strategia più provocatoria di qualsiasi cosa la Cina abbia fatto in passato sui suoi confini terrestri”.Politica estera Avanti in questo mese.

“Stabilire un’intera regione all’interno di un altro paese va ben oltre le pattuglie in avanti e l’asfaltatura di strade di tanto in tanto”.

Una città cinese è emersa a 8 chilometri all’interno del Bhutan

Il Regno del Bhutan si trova interamente all’interno delle pendici meridionali dell’Himalaya. A sud si trova la vasta distesa dell’India ea nord, sulle vette delle montagne, la vasta distesa della Cina.

READ  La Cina ha lanciato la parte principale della sua prima stazione spaziale permanente

I bhutanesi condividono in gran parte il buddismo in comune con il popolo tibetano che ora si trova in Cina. Diplomaticamente ed economicamente, tuttavia, il governo di Thimphu ha legami più stretti con l’India. Pechino non ha nemmeno un’ambasciata in Bhutan.

Il mancato accordo tra Bhutan e Cina sulla posizione del loro confine condiviso di 470 chilometri non è una novità. Secondo alcuni resoconti, Pechino rivendica il 12 per cento del territorio governato da Thimphu. L’ultimo incontro a Kunming è stato il 25 ° incontro dei due paesi ai confini.

Relazionato: La “zona grigia” è un nuovo tipo di guerra con la Cina

La Cina ha da tempo costruito strade in queste aree contese. Ma costruire un’intera città all’interno dei territori riconosciuti a livello internazionale di un altro paese, anche se quella terra è contestata, è sorprendente.

Chiamato Gyalaphug, o Jieluobu in cinese, il blocco di gestione ha una falce e un martello al centro. Uno striscione vicino che proclama: “Difendi fermamente la posizione primaria del Segretario generale Xi Jinping!”

Si stima che diverse centinaia di persone, e anche più yak, possano ora vivere a Jyalafug. Questo numero è stato rafforzato dalla rotazione di operai edili, quadri di partito, polizia e soldati.

“C’è poco che il Bhutan possa fare”, ha detto Barnett, dato che la Cina saprebbe che stava chiaramente violando l’accordo del 1998 di lasciare le aree contese.

Questo punto è stato ripreso da Hal Brands, professore di relazioni internazionali alla Johns Hopkins University.

Ha detto a Bloomberg: “Non è chiaro se il governo bhutanese si sia reso conto che l’Esercito popolare di liberazione aveva effettivamente invaso una piccola parte del suo territorio, o se lo sapeva ma non è stato in grado di rispondere”.

Ciò che è chiaro è che la presenza cinese non sta andando da nessuna parte. Pechino ha implementato il fatto compiuto creando fatti sul campo “.

La Cina sta “silenziosamente” invadendo un altro paese sovrano

Il professor Brands ha detto che la Cina sta lavorando Invasione della “zona grigia”.

READ  Il cessate il fuoco di Kirghizistan e Tagikistan pone fine agli scontri al confine che hanno ucciso 49 persone

Stava “inviando silenziosamente truppe in parti del terreno inaccessibile rivendicato dal Bhutan” ma non ha implementato misure che avrebbero causato un grande conflitto.

Frustrante Bhutan, le rivendicazioni territoriali della Cina continuano a crescere. Gyalaphug, ad esempio, va bene in Bhutan secondo alcune mappe cinesi ufficiali degli anni ’80.

Lo scorso luglio il ministero degli Affari esteri cinese ha informato il ministero degli Affari esteri indiano Hindustan Times Ci sono state “controversie sulle sezioni orientale, centrale e occidentale (del Bhutan) da molto tempo”.

Tuttavia, il Bhutan insiste sul fatto che il conflitto nell’est del paese, dove Pechino ora rivendica la terra nel Saktung Wildlife Sanctuary, è nuovo. La Cina non l’aveva sollevata prima. Saktung non limita nemmeno la Cina.

Tuttavia, confina con lo stato indiano dell’Arunachal Pradesh, a cui anche Pechino afferma di essere affiliato.

Gli osservatori dicono che questo è un altro segno che non è affatto correlato al Bhutan. Sembra che il vero obiettivo della Cina sia l’India.

Relazionato: La Cina “colpo di avvertimento” all’Australia

Il vero obiettivo è l’India

Le parti contese del Bhutan sono merce di scambio.

“Dal 1990, la Cina si è offerta di rinunciare a 495 chilometri quadrati di Pyeol (dove si trova Jialafug) se Thimphu concede alla Cina 269 chilometri quadrati di Bhutan occidentale”, Politica estera Che è stato condotto anche con ricercatori tibetani che non volevano rivelare i loro nomi.

Il presunto “pacchetto” significa cedere alla Cina l’area intorno all’altopiano di Doklam, che ha un significato strategico molto più per Pechino di un villaggio pieno di yak in cima alla montagna.

La Cina ce l’ha Secondo quanto riferito, un altro villaggio è stato costruito lì, chiamato Bangda, a 2,5 chilometri all’interno del Bhutan. Ci sono suggerimenti che il governo del Bhutan abbia chiuso un occhio sullo sviluppo invece di provocare Pechino.

Situato vicino al Passo Siliguri in India, Doklam è una sottile striscia di terra che collega l’Arunachal Pradesh e la groppa dell’India. Si trova tra Nepal, Bhutan e Bangladesh, e la Cina non è lontana

È un corridoio molto sottile, largo solo 23 km nel punto più stretto, ed è chiamato “collo di pollo”. Conosciuto anche come il “punto debole geografico dell’India”.

READ  Jimmy Kimmel accusa Caitlyn Jenner di "una fossa ignorante" a causa dei commenti dei senzatetto

Scrittura Il diplomatico Nella rivista dello scorso anno, l’analista dell’Asia meridionale Sudha Ramachandran ha affermato che la rivendicazione del Bhutan sull’altopiano di Doklam e la sua vicinanza a Nuova Delhi ha dato all’India un “grande vantaggio terreno” sulla Cina.

Ma se Pechino potesse raggiungere le Doklam Heights, potrebbe guardare all’India e usarla come “rampa di lancio per un attacco” per tagliare il collo di un pollo. L’Arunachal Pradesh sarà diviso dal resto dell’India.

“La nuova rivendicazione della Cina su Saktung mira a intimidire il Bhutan affinché accetti il ​​pacchetto Doklam – o contrastare le conseguenze delle crescenti ambizioni regionali di Pechino”, ha detto la signora Ramachandran.

Cina e India si sono già scontrate oltre i confini del Bhutan

L’India e la Cina hanno già preso gli scioperi intorno a Doklam. Nel 2017, la Cina ha costruito una strada attraverso l’altopiano conteso che era quasi inaccessibile. Per l’India, il modo è affermare la propria sovranità da parte della Cina.

Il Bhutan, che aveva solo un piccolo esercito, invitò i soldati indiani a Doklam. Cina e India si sono affrontate per 73 giorni in BhutanNessuno è rimasto ferito.

Questo non era il caso all’inizio del 2020, quando almeno 24 soldati sono morti sul confine himalayano tra Cina e India ad Aksai Chen, nell’estremo ovest di Doklam.

Le tensioni tra Nuova Delhi e Pechino sono frenetiche e il piccolo Bhutan tranquillo è in mezzo. Qualsiasi compromesso con la Cina farà arrabbiare l’India. Mantenere l’India dalla parte della Cina potrebbe portare alla costruzione di più villaggi sulle terre bhutanesi.

secondo Global TimesQian Feng del National Strategy Institute della Tsinghua University ha detto che l’incontro di esperti a Kunming ha dimostrato che “di fronte a un paese di piccole dimensioni come il Bhutan, la Cina non è bullismo”.

Ciò potrebbe sollevare le sopracciglia a Thimphu e cancellare i sorrisi dei delegati del Bhutan alla prossima riunione.