Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina segnala 10.000 nuovi casi di COVID-19 e la capitale chiude i parchi

Cina La capitale, Pechino, ha chiuso i parchi cittadini e ha imposto altre restrizioni mentre il paese ha dovuto affrontare una nuova ondata di COVID-19 casi.

Altrove, più di 5 milioni di persone sono state rinchiuse venerdì nella città industriale meridionale di Guangzhou e nella metropoli occidentale di Chongqing.

Il paese ha segnalato 10.729 nuovi casi venerdì, quasi tutti risultati positivi e senza sintomi.

Un lavoratore che indossa uno schermo facciale parla con le persone mentre fanno la fila per i test COVID-19 in un sito di test del coronavirus a Pechino, in Cina. (AFP)

Con la maggior parte dei 21 milioni di persone di Pechino sottoposte a test quasi quotidiani, nella città tentacolare sono stati registrati altri 118 nuovi casi. Molte delle scuole della città sono passate alle lezioni online, gli ospedali hanno limitato i servizi e chiuso alcuni negozi e ristoranti, con il loro personale messo in quarantena. I video sui social media mostravano persone in alcune aree che protestavano o litigavano con la polizia e gli operatori sanitari.

Giovedì i leader cinesi hanno promesso di rispondere alla frustrazione pubblica per un’aggressiva strategia di “eradicazione del coronavirus” che ha confinato milioni di persone nelle loro case e gravemente sconvolto l’economia.

Non sono stati forniti dettagli oltre alla promessa di liberare le “persone bloccate” che sono state messe in quarantena o a cui è stato impedito per settimane di lasciare le città con casi.

Zero Covid ha mantenuto il tasso di infezione in Cina relativamente basso, ma sta colpendo l’economia e sconvolgendo la vita chiudendo scuole, fabbriche e negozi o chiudendo i quartieri senza preavviso. Con il nuovo aumento dei casi, un numero crescente di regioni chiude le attività e impone restrizioni alla circolazione. Per entrare in uffici, centri commerciali e altri luoghi pubblici, le persone devono mostrare un risultato negativo a un test antivirus che viene eseguito una volta al giorno.

I residenti che indossano maschere fanno la fila per un test COVID a Pechino, in Cina. (AFP)

Con la crescita economica che si è nuovamente indebolita dopo essere rimbalzata al 3,9% rispetto all’anno precedente nei tre mesi fino a settembre, i meteorologi si aspettavano passi più audaci verso la riapertura del paese, i cui confini rimangono in gran parte chiusi.

Il presidente e leader del Partito Comunista al governo Xi Jinping dovrebbe fare un raro viaggio all’estero la prossima settimana, ma hanno dato poche indicazioni di ritirarsi da una politica che il partito è stato strettamente associato alla stabilità sociale e alla supremazia delle sue politiche.

Ciò è stato sostenuto dal Comitato permanente del Politburo di sette persone, nominato in ottobre in un congresso del partito che ha anche ampliato il dominio politico di Xi nominandolo leader per un terzo mandato di cinque anni. È pieno di lealisti, incluso l’ex capo del partito a Shanghai, che ha imposto un severo blocco che ha portato alla carenza di cibo, alla chiusura di fabbriche e alla chiusura di milioni di persone nelle loro case per due mesi o più.

Le persone provenienti da città con un caso nell’ultima settimana non possono visitare Pechino, mentre i viaggiatori dall’estero devono essere messi in quarantena in un hotel da sette a 10 giorni, se sono in grado di navigare nel processo di visto tempestivo e opaco.

Un uomo si è schiarito la gola per un test COVID-19 in un sito di test per il coronavirus a Pechino, in Cina. (AFP)

I gruppi economici affermano che questo scoraggia i dirigenti stranieri dal visitare, spingendo le aziende a spostare i piani di investimento in altri paesi. Le visite di funzionari e legislatori statunitensi incaricati di mantenere relazioni commerciali cruciali si sono bloccate tra le tensioni sui dazi, su Taiwan e sui diritti umani.

La scorsa settimana, l’accesso a una parte di Zhengzhou nel centro di Zhengzhou, sede della più grande fabbrica di iPhone del mondo, è stato sospeso dopo che i residenti sono risultati positivi al virus. Migliaia di lavoratori hanno scavalcato le recinzioni e camminato lungo le autostrade per sfuggire alla fabbrica gestita dal gruppo tecnologico taiwanese Foxconn. Molti hanno affermato che i colleghi che si sono ammalati non hanno ricevuto aiuto e le condizioni di lavoro non erano sicure.

Anche la scorsa settimana, le persone hanno pubblicato commenti arrabbiati sui social media dopo che un bambino di 3 anni, il cui complesso nel nord-ovest era in quarantena, è morto per avvelenamento da monossido di carbonio. Suo padre si è lamentato del fatto che le guardie che stavano imponendo la chiusura si sono rifiutate di aiutarlo e hanno cercato di fermarlo mentre portava suo figlio in ospedale.

Nonostante queste lamentele, i cittadini cinesi hanno poca voce in capitolo nel processo decisionale nell’ambito del sistema autoritario del partito unico che mantiene severi controlli sui media e sulle manifestazioni pubbliche.

La speculazione su quando le misure saranno allentate si è incentrata sul fatto che il governo sia disposto a importare vaccini più efficaci o produrli localmente, lasciando la popolazione anziana particolarmente vulnerabile.

Residenti mascherati comprano biancospino candito da un venditore ambulante a Pechino. (AFP)

Ciò potrebbe arrivare non appena la prossima primavera, quando una nuova lista di funzionari dovrebbe essere nominata sotto la continua guida di Xi. Oppure le restrizioni potrebbero durare più a lungo se il governo continua a rifiutare l’idea di vivere per imparare con un livello di casi relativamente basso che causa molti meno ricoveri e morti rispetto a quando l’epidemia era al culmine.

READ  I paesi nordici sopportano ondate di calore mentre la Lapponia registra il suo giorno più caldo dal 1914 | Ambiente