Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina scopre un incredibile cristallo sulla luna, il combustibile per la fusione nucleare per un’energia illimitata

L’abstract analizza la ricerca scientifica sbalorditiva, le tecnologie future, le nuove scoperte e le principali scoperte.

La Cina ha scoperto un cristallo lunare fatto di un minerale precedentemente sconosciuto, confermando anche che la superficie lunare contiene un componente chiave della fusione nucleare, una potenziale forma di una forza effettivamente illimitata che sfrutta le stesse forze che alimentano il Sole e altre stelle.

Il cristallo fa parte di una serie di campioni lunari raccolti dalla missione cinese Chang’e-5, che è atterrata sulla luna nel 2020, carica di circa quattro libbre di roccia, e consegnata sulla Terra giorni dopo. Dopo aver setacciato attentamente i campioni – le prime rocce lunari a tornare sulla Terra dal 1976 – gli scienziati del Beijing Research Institute of Uranium Geology hanno scoperto una singola particella di cristallo, il cui diametro è inferiore alla larghezza di un capello umano.

Il cristallo è costituito dal nuovo minerale Changesite— (Y), dal nome della dea cinese della luna, Chang’e, che ha anche ispirato la serie cinese di viaggi lunari. È stato confermato come un nuovo metallo venerdì dal New Minerals, Nomenclatura e Classification Committee (CNMNC) dell’International Minerals Association (IMA), secondo Pubblicazione statale cinese Tempi globali.

Posizione dei cambiamenti: (Y) è il sesto nuovo minerale identificato nei campioni lunari e il primo minerale scoperto dalla Cina. Prima della Cina, solo Stati Uniti e Russia potevano rivendicare la scoperta di un nuovo minerale per la Luna. È un cristallo trasparente che si è formato in un’area vicino alla faccia settentrionale della luna che era vulcanicamente attiva circa 1,2 miliardi di anni fa.

READ  Gli ingegneri del MIT trovano un modo per risparmiare energia e far bollire l'acqua in modo più efficiente

Secondo i media statali, i campioni di luna nuova contengono anche elio-3, una versione dell’elemento elio che ha a lungo affascinato scienziati – e creatori di fantascienza – per il suo potenziale come fonte di combustibile per la fusione nucleare. Questa ipotetica forma di forza mira a sfruttare l’energia rilasciata dagli atomi che si fondono sotto pressioni enormi, come quelle all’interno delle stelle. Starlight è un prodotto onnipresente della fusione nucleare, ma i reattori a fusione artificiali impiegheranno probabilmente decenni per svilupparsi, supponendo che siano possibili.

Iscriviti alla newsletter quotidiana di Motherboard Per una dose regolare dei nostri reportage originali, oltre a contenuti dietro le quinte sulle nostre storie più importanti.

Tuttavia, se questi reattori diventassero realtà, l’elio-3 sarebbe un buon candidato come combustibile perché produce meno sottoprodotti radioattivi e scorie nucleari rispetto ad altri atomi. Sebbene l’elio-3 sia estremamente raro sulla Terra, è abbondante sulla Luna, una disparità che ha alimentato i sogni di estrazione di materiale sulla Luna.

In questo senso, la Cina si è unita agli Stati Uniti e ad altri paesi Mostra interesse per l’estrazione di risorse dalla luna in futuro.