Novembre 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina punta a rafforzare la cooperazione finanziaria con le compagnie straniere – Xinhua

* La conferenza annuale del Financial Street Forum 2022 a Pechino si è conclusa mercoledì. I responsabili delle politiche fiscali cinesi hanno inviato nuovi segnali di apertura al forum, affermando che gli investitori di tutto il mondo sono invitati a esplorare il mercato cinese e cooperare con la Cina per accelerare la ripresa economica globale.

* Gli investitori stranieri hanno mantenuto una visione ottimistica del mercato cinese e hanno parlato molto bene del contesto economico e della politica macroeconomica del paese.

(XINHUA) – PECHINO, 23 novembre – Durante la conferenza annuale del Financial Street Forum del 2022, che si è conclusa mercoledì, i responsabili delle politiche finanziarie cinesi hanno inviato nuovi segnali di apertura, affermando che gli investitori di tutto il mondo sono invitati a esplorare il mercato cinese e a cooperare con la Cina nell’accelerare la ripresa economica.

“L’apertura è stata la strategia di base della Cina e il nostro settore finanziario sta inaugurando la fase di apertura ad alto livello”, ha affermato Guo Shuqing, presidente della China Banking and Insurance Regulatory Commission, parlando al forum.

Dal 2017, le attività delle banche estere in Cina sono aumentate di circa il 30% e le attività delle compagnie di assicurazione straniere in Cina sono aumentate di circa il 120%, ha affermato Gu.

“Come sempre, accoglieremo le istituzioni finanziarie estere con operazioni solide, buone qualifiche e una specializzazione eccezionale per partecipare al mercato cinese e condividere le opportunità di crescita di questo secolo”, ha affermato il presidente del consiglio di amministrazione.

Questa foto scattata il 21 novembre 2022 mostra la cerimonia di apertura della conferenza annuale del Financial Street Forum 2022 a Pechino, capitale della Cina. (Xinhua/Qin Zhonghao)

READ  Jamie Oliver recupera 2,4 milioni di sterline dal crollo di un impero di ristoranti

Prospettiva perfetta

Tra i continui sforzi per un’apertura più ampia, la Cina in ottobre ha pubblicato un nuovo elenco di industrie in cui sarebbero stati incoraggiati gli investimenti esteri. Come mostra il catalogo, più settori cinesi saranno aperti agli investitori stranieri.

Secondo un recente sondaggio del China Council for the Promotion of International Trade, gli investitori stranieri hanno mantenuto una visione ottimistica del mercato cinese e hanno parlato molto bene del contesto imprenditoriale e della politica macroeconomica del paese.

Nel suo discorso al forum, Andrea Bonomi, presidente e fondatore della società di private equity Investindustrial, ha condiviso storie sulla collaborazione della sua azienda con la China Investment Corporation. Bonomi ha parlato del China-Italian Industrial Cooperation Fund (CIICF), che è il frutto della partnership tra le due aziende.

Fondata nel 2020, CIICF ha alimentato un gruppo di aziende italiane per prosperare nel mercato cinese. Un esempio è Guala Closures, un produttore italiano di liquori e chiusure per vino.

Questa foto scattata il 21 novembre 2022 mostra una scena di una sessione intitolata “Macropolitica: affrontare efficacemente molteplici shock” durante la conferenza annuale del Financial Street Forum 2022 a Pechino, capitale della Cina. (Xinhua/Kai Yang)

Gabriele Del Torchio, amministratore delegato e presidente di Jwala Closers, che ha aperto un nuovo stabilimento nella provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, con il supporto di CIICF, ha affermato che il mercato cinese degli alcolici in rapida crescita è molto interessante e offre molte opportunità alle aziende straniere. Del Torchio ha aggiunto che la sua azienda spera di portare benefici all’economia cinese attraverso le tecnologie italiane.

READ  Il delta italiano soffre la siccità

Gli ultimi dati del Ministero del Commercio cinese mostrano che gli investimenti diretti esteri sulla terraferma, in uso effettivo, sono aumentati del 14,4% su base annua a quasi 1,09 trilioni di yuan (circa 152 miliardi di dollari USA) nei primi dieci mesi del 2022. Gli investimenti nel i settori ad alta tecnologia, in particolare, sono aumentati del 31,7%.

cooperazione globale

Belinda Tanuto, membro del consiglio esecutivo del Royal Golden Eagle Group (RGE) di Singapore, ha affermato che il rapido sviluppo dell’istituzione in Cina non sarebbe stato possibile senza il sostegno delle principali istituzioni finanziarie del paese.

Da quando RGE Group è entrato in Cina negli anni ’90, ha investito più di 80 miliardi di yuan in province e città come Pechino, Shandong, Jiangsu, Shanghai e Guangdong. Solo quest’anno ha aumentato il numero totale di dipendenti in Cina da 12.000 a 15.000.

A settembre di quest’anno, con il forte sostegno di istituzioni finanziarie cinesi come la Banca industriale e commerciale della Cina, è stata raggiunta la produzione in serie di lyocell, una fibra naturale biodegradabile utilizzata nella produzione di tessuti di alta qualità e materiali per l’igiene personale del Gruppo RGE a Liyang, nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale.

Anche le istituzioni finanziarie cinesi hanno supportato RGE nell’integrazione delle sue risorse globali. Con il supporto delle istituzioni finanziarie cinesi, il gruppo ha ampliato la cartiera acquisita in Brasile e ha completato la costruzione di impianti con una capacità produttiva annua di pasta fusa di 1,5 milioni di tonnellate l’anno scorso.

“In Cina, abbiamo coltivato una vasta rete di fornitori che producono parti di motori e componenti per noi importanti. Sono una parte essenziale della nostra catena di fornitura globale”, ha affermato Arvind Balan, CFO dell’aviazione civile Rolls-Royce.

READ  Absa cerca di evitare che la polizia sia in lite per le auto aziendali italiane

“Andando avanti, continueremo il nostro impegno nei confronti del mercato cinese e degli investimenti in modo da continuare a fornire i migliori prodotti e servizi ai nostri clienti cinesi in futuro. La Cina è e sarà parte integrante della nostra strategia”, ha affermato.

Questa foto scattata il 21 novembre 2022 mostra la cerimonia di apertura della conferenza annuale del Financial Street Forum 2022 a Pechino, capitale della Cina. (Xinhua/Qin Zhonghao)

Le autorità finanziarie cinesi hanno emanato regolamenti per migliorare i requisiti di gestione del denaro per gli investitori istituzionali stranieri nel mercato obbligazionario del paese.

I regolamenti, in vigore dal 1° gennaio 2023, sono stati emanati dalla People’s Bank of China e dall’Amministrazione statale dei cambi per facilitare l’apertura del mercato obbligazionario domestico.

In base alla normativa, gli investitori istituzionali esteri avranno più canali per coprire i cambi e sarà abolito il limite al numero di controparti nelle transazioni OTC.

Le regole facilitano inoltre il trasferimento di fondi di investimento da parte degli investitori istituzionali stranieri e mirano a incoraggiare gli investimenti a lungo termine nel mercato obbligazionario cinese.

(Reporter video: Zhang Yucheng, Zhang Yuhong; Editor video: Liu Ruoshi, Lin Lin)