Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina minaccia di far salpare la sua marina alle Hawaii, mentre gli Stati Uniti e l’Australia annunciano il patto di difesa

La Cina oggi ha minacciato di inviare le sue forze navali nelle acque hawaiane nell’ultimo round di colpi di sciabola nel Pacifico dopo che Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna hanno annunciato una nuova alleanza navale nella regione.

Quattro navi cinesi sono già state avvistate al largo delle coste dell’Alaska questa settimana in uno spettacolo di potenza navale in mezzo alle crescenti tensioni quando è stato firmato un accordo globale sui sottomarini nucleari per contrastare Pechino.

Un incrociatore lanciamissili cinese, un cacciatorpediniere lanciamissili, una nave dell’intelligence generale e una nave ausiliaria sono stati avvistati al largo delle isole Aleutine dell’Alaska durante le operazioni di sorveglianza nel Mare di Bering.

La provocazione è arrivata quando un giornale statale cinese ha minacciato di inviare navi da guerra alle Hawaii ea Guam in risposta alle mosse statunitensi nel Mar Cinese Meridionale.

La flotta cinese ha navigato a 42 miglia al largo delle Isole Aleutine, vicino alla costa dell’Alaska

Quattro navi cinesi sono salpate al largo delle coste dell'Alaska in una dimostrazione di potenza navale tra crescenti tensioni

Quattro navi cinesi sono salpate al largo delle coste dell’Alaska in una dimostrazione di potenza navale tra crescenti tensioni

Un incrociatore missilistico guidato, un cacciatorpediniere missilistico guidato (nella foto), una nave dell'intelligence generale e una nave ausiliaria sono stati avvistati al largo delle isole Aleutine in Alaska.

Un incrociatore missilistico guidato, un cacciatorpediniere missilistico guidato (nella foto), una nave dell’intelligence generale e una nave ausiliaria sono stati avvistati al largo delle isole Aleutine in Alaska.

Il caporedattore del Global Times Hu Xijin ha scritto su Twitter: “Speriamo che quando le navi da guerra cinesi attraverseranno i Caraibi o appariranno vicino alle Hawaii e a Guam un giorno, gli Stati Uniti aderiranno agli stessi standard di libertà di navigazione. Quel giorno arriverà presto.

La Marina degli Stati Uniti ha risposto al tweet, affermando che “ha sostenuto la libertà degli standard di navigazione più a lungo di quanto abbia fatto la Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo”.

Hanno anche notato che le navi spia cinesi hanno ripetutamente navigato attraverso le Hawaii e Guam negli ultimi anni.

READ  Gli studenti internazionali temono il costo del ritorno in Australia dopo l'annuncio dei progetti pilota | università australiane

Hanno detto: la Marina degli Stati Uniti naviga in tutto il mondo in conformità con il diritto internazionale.

Tutti i paesi godono della libertà di navigazione secondo il diritto internazionale.

“Purtroppo, non tutti coloro che beneficiano della libertà di navigazione daranno la stessa libertà agli altri”.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha gettato un'ombra sulle quattro navi da guerra che si ritiene includano il cacciatorpediniere 055 Nanchang.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha gettato un’ombra sulle quattro navi da guerra che si ritiene includano il cacciatorpediniere 055 Nanchang.

Funzionari statunitensi hanno affermato che mentre le navi cinesi che navigavano nel Mare di Bering vicino all’Alaska erano vicine alle acque statunitensi, seguivano le leggi internazionali.

Le quattro navi da guerra, che si ritiene includano il cacciatorpediniere 055 Nanchang, hanno messo in ombra i cutter della Guardia Costiera degli Stati Uniti Bertholph e Kimball, che sono stati mostrati in una serie di foto rilasciate lunedì dell’incidente.

L’equipaggio della Bertholf ha trasmesso via radio alla flotta cinese, che ha navigato a 46 miglia dalla costa, e ha affermato che tutte le interazioni erano conformi agli standard internazionali.

“La sicurezza nel Mare di Bering e nell’Artico è sicurezza interna”, ha dichiarato in una nota il vice ammiraglio del comando del Pacifico Michael McAllister.

“La Guardia Costiera degli Stati Uniti è costantemente presente in questa importante regione per sostenere gli interessi degli Stati Uniti e proteggere la prosperità economica degli Stati Uniti”.

Il Global Times, gestito dallo stato, ha citato analisti cinesi secondo cui la mossa potrebbe essere una “contromisura alle provocazioni militari statunitensi alle porte della Cina in nome della libertà di navigazione”.

La provocazione è arrivata quando un giornale statale cinese ha minacciato di inviare navi da guerra alle Hawaii ea Guam in risposta alle mosse statunitensi nel Mar Cinese Meridionale.

La provocazione è arrivata quando un giornale statale cinese ha minacciato di inviare navi da guerra alle Hawaii ea Guam in risposta alle mosse statunitensi nel Mar Cinese Meridionale.

La Marina degli Stati Uniti ha risposto al tweet, notando una serie di occasioni in cui navi spia cinesi hanno navigato vicino alle acque degli Stati Uniti

La Marina degli Stati Uniti ha risposto al tweet, notando una serie di occasioni in cui navi spia cinesi hanno navigato vicino alle acque degli Stati Uniti

Le crescenti tensioni arrivano in mezzo a una guerra di parole su un nuovo accordo sottomarino nucleare tra Regno Unito, Stati Uniti e Australia volto a combattere la Cina – con Pechino che denuncia la “mentalità della guerra fredda”.

La nuova alleanza – denominata AUKUS – vedrà gli Stati Uniti e il Regno Unito collaborare per costruire la prima flotta di sottomarini nucleari australiani che sarà composta da almeno otto navi. Il trio condividerà anche altre tecnologie militari come l’intelligenza artificiale, la difesa informatica, l’informatica quantistica e le capacità di attacco a lungo raggio.

Boris Johnson, Joe Biden e Scott Morrison sono stati attenti a non menzionare Pechino quando hanno annunciato il New Deal la scorsa notte, ma non c’è dubbio che l’obiettivo dell’alleanza è contrastare la crescente aggressione cinese, in particolare nel Mar Cinese Meridionale, che è difficile. Passato da preziose rotte commerciali e fertili zone di pesca.

La Gran Bretagna e l'America aiuteranno l'Australia a costruire una flotta di sottomarini a propulsione nucleare come parte di un'alleanza senza precedenti nota come Accordo AUKUS per combattere il dominio navale della Cina, il design probabilmente sarà simile al sottomarino di classe Astute HMS Ambush (nella foto)

La Gran Bretagna e l’America aiuteranno l’Australia a costruire una flotta di sottomarini a propulsione nucleare come parte di un’alleanza senza precedenti nota come Accordo AUKUS per combattere il dominio navale della Cina, il design probabilmente sarà simile al sottomarino di classe Astute HMS Ambush (nella foto)

La Cina ha alimentato le tensioni nel Mar Cinese Meridionale negli ultimi anni espandendo le sue rivendicazioni territoriali, opponendosi ai suoi vicini nella regione Asia-Pacifico.

La Cina ha alimentato le tensioni nel Mar Cinese Meridionale negli ultimi anni espandendo le sue rivendicazioni territoriali, opponendosi ai suoi vicini nella regione Asia-Pacifico.

La Cina ha perso poco tempo a rispondere all’accordo, con il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian che ha denunciato il “blocco di esclusione” che, secondo lui, “mina seriamente la pace e la stabilità regionale e intensifica la corsa agli armamenti”.

READ  Il presidente Tsai Ing-wen afferma che Taiwan non dovrà soccombere alla Cina

Ma Pechino non è l’unico partito sconvolto. Anche Parigi ha reagito rapidamente, con il ministro degli Esteri Yves Le Drian che si è lamentato di essere stata una “pugnalata alle spalle” dopo aver strappato un accordo da 90 miliardi di dollari per fornire all’Australia 12 sottomarini a propulsione convenzionale. I sottomarini francesi non sarebbero stati completati prima della metà degli anni ’30, mentre il nuovo accordo mira a tempi di consegna molto più rapidi.

L’accordo è anche in linea con la Nuova Zelanda e il Canada, che insieme a Regno Unito, Stati Uniti e Australia costituiscono la Five Eyes Alliance per l’intelligence dell’era della Guerra Fredda. Sebbene AUKUS non sia un sostituto diretto di Five Eyes, quasi sicuramente ridurrà la sua importanza e isolerà Wellington e Ottawa dal gruppo.

Il duo sembra essere stato punito per non essere riuscito a prendere una posizione più forte contro Pechino, appena quattro mesi dopo che la Nuova Zelanda ha rifiutato di firmare la dichiarazione congiunta Five Eyes che criticava l’aggressione della Cina nel Mar Cinese Meridionale, la sua repressione a Hong Kong e le minacce di Taiwan. e il suo trattamento dei musulmani uiguri.

Jacinda Ardern, il primo ministro di sinistra della Nuova Zelanda, da allora ha ammesso di non essere stata consultata in merito al nuovo accordo, aggiungendo che ai nuovi sottomarini australiani sarebbe stato vietato l’ingresso nelle acque della Nuova Zelanda in base alla politica di lunga data del paese “senza nucleare”.