Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina ha sospeso i preparativi per il G7 di Johnson

Fotografo: Stephane Rousseau / AFP / Getty Images

Quando gli inviati diplomatici del Gruppo dei Sette si sono riuniti verso la fine del mese scorso per spianare la strada al vertice dei leader di giugno, un problema è emerso ripetutamente: cosa fare della Cina?

Nel corso di tre giorni di videoconferenze al cosiddetto secondo incontro Sherpa, funzionari di Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Giappone e dei loro partner europei hanno discusso temi che vanno dai diritti umani e lo sviluppo internazionale al commercio e al cambiamento climatico, secondo un diplomatico. l’incontro. La Cina è stata un fattore in molte conversazioni.

Mentre vedeva Pechino in vari contesti come un partner, un concorrente, un avversario – o una combinazione di questi – un partecipante ha riassunto la sfida come trovare una posizione comune su come relazionarsi con la seconda economia più grande del mondo, ha detto il diplomatico. Un altro ha sottolineato che la creazione di una prospettiva comune è importante perché la concorrenza con Pechino modellerà la geopolitica delle generazioni future.

Il primo ministro britannico Boris Johnson presiede il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su clima e sicurezza

Fotografo: Holly Adams / Bloomberg

Alcuni funzionari del governo europeo hanno avvertito del pericolo che il G7 venga considerato un’alleanza anti-cinese, in particolare con l’invito del primo ministro britannico Boris Johnson in India, Australia e Corea del Sud, che hanno tutti un certo livello di attrito con Pechino, per quest’anno incontro. I funzionari cinesi hanno affermato lo stesso, dicendo che Pechino è stata ingiustamente presa di mira con la crescita della sua influenza economica e strategica.

Ma le tensioni tra l’approccio di Pechino ei valori democratici che sono alla base del G7 stanno diventando sempre più difficili da trascurare, con il controllo internazionale che viene addestrato sul trattamento della minoranza uigura nella Cina nord-occidentale e la repressione del movimento per la democrazia a Hong Kong.

READ  Dopo un secolo di attività, il Russo Hotel di Watertown sarà chiuso

Quindi i colloqui di quest’anno, come gran parte dell’agenda internazionale, saranno determinati da una superpotenza che non è al tavolo.

Per saperne di più: G-7 Skirts è una questione cinese, ma cresce il bisogno di risposte

Un portavoce del governo britannico, che quest’anno detiene la presidenza del G7, ha affermato che l’incontro Sherpa ha coperto una serie di argomenti dalla pandemia Covid e le future minacce per la salute all’uguaglianza di genere e all’azione per il clima. Un funzionario nordamericano ha descritto la Cina come una questione trasversale che interessa molti degli argomenti discussi.

Uno degli argomenti che ha evidenziato le falle sulla Cina è stata la dichiarazione delle società aperte, che il Regno Unito spera sarà un risultato importante del vertice dei leader in Cornovaglia, in Inghilterra.

Il diplomatico che ha familiarità con i colloqui ha affermato che Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Giappone vedono il documento come un’opportunità per affrontare esplicitamente quella che vedono come una competizione asimmetrica tra democrazie e regimi non democratici. Germania, Francia e Italia erano preoccupate che tale linguaggio sarebbe stato percepito come apertamente ostile a Pechino e invece volevano elogiare i meriti della democrazia mantenendo allo stesso tempo un atteggiamento costruttivo nei confronti della Cina.

“La maggioranza sarà nella direzione di esprimere più preoccupazione per la Cina”, ha detto in un’intervista Kunihiko Miyake, ex diplomatico giapponese e ora consigliere del gabinetto del primo ministro Yoshihide Suga. “Siamo da qualche parte nel mezzo”, ha detto Miyake, che non era direttamente coinvolto nei colloqui del G7.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga parla alla conferenza annuale del LDP

Fotografo: Yoshikazu Tsono / Gamma-Ravu / Bloomberg

Con il Sudafrica che invita anche alcune sessioni insieme a rappresentanti di Seoul, Canberra e Nuova Delhi, alcuni membri del gruppo più ampio vogliono anche vedere un’indicazione delle tensioni nella regione indo-pacifica, dove la Cina è stata coinvolta in combattimenti di confine con l’India. Imposto sulle barriere coralline nel Mar Cinese Meridionale Tariffe sulle merci australiane e sull’aviazione Aerei militari vicino a Taiwan. La Corea del Sud ha delle riserve al riguardo.

READ  Neos collega la Lituania con i Caraibi utilizzando un Boeing 787 - Versione inglese

Per saperne di più: la Cina fornisce nuovi dettagli sullo scontro più feroce dell’India degli ultimi decenni

Il dilemma è particolarmente acuto per l’Italia, che ad ottobre ospita la riunione del G20 di quest’anno e cerca di definire un’agenda che includa la Cina. Ma tutti i membri europei lo vedono come un difficile atto di bilanciamento.

L’accordo di investimento tra l’Unione europea e la Cina lo scorso anno è appeso a un filo dopo la risposta di Pechino alle sanzioni sui diritti umani che prendono di mira individui ed entità cinesi per presunte violazioni dei musulmani uiguri nello Xinjiang. Pechino ha risposto imponendo misure punitive a diversi parlamentari europei. Un funzionario dell’UE coinvolto nella negoziazione dell’accordo ha affermato di avere poche possibilità di ratificarlo fino a quando la Cina non avrà revocato le sanzioni.

L’Unione Europea ha anche lottato per mantenere un fronte unito sulla Cina, poiché molti Stati membri, come l’Ungheria, acquistano vaccini da Pechino senza l’approvazione del regolatore europeo. L’Ungheria ha recentemente annunciato che sarebbe diventato il primo paese dell’Unione europea ad ospitare un campus cinese e ha criticato la decisione di punire Pechino per le violazioni dei diritti umani.

Relazioni complicate