Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina blocca parte di Wuhan, a quasi tre anni dal primo caso di Covid | Cina

Città cinesi di Wuhan nel mezzo Cina A Xining, nel nord-ovest, stanno raddoppiando le barriere del Covid-19, bloccando edifici e distretti e mettendo in pericolo milioni di persone in una corsa per fermare la diffusione dell’epidemia.

Giovedì la Cina ha annunciato il terzo giorno consecutivo di oltre 1.000 nuovi casi di COVID-19 in tutto il paese, un numero modesto rispetto alle decine di migliaia al giorno che hanno spinto Shanghai al blocco completo all’inizio di quest’anno, ma sufficiente per innescarne altri restrizioni e restrizioni nel paese, in tutto il paese. nazione.

Wuhan, Luogo del primo focolaio mondiale di Covid-19 alla fine del 2019, questa settimana sono state segnalate da 20 a 25 nuove infezioni al giorno. La città ha registrato 240 casi negli ultimi 14 giorni. Le autorità locali hanno ordinato a più di 800.000 persone in una zona di rimanere a casa fino al 30 ottobre.

Wuhan ha anche sospeso la vendita di carne di maiale in alcune parti della città, secondo foto e post sui social media, dopo che le autorità hanno affermato che uno dei casi di COVID-19 era collegato alla catena di approvvigionamento di carne di maiale locale.

Guangzhou, la quarta città più grande della Cina per produzione economica e capitale della provincia del Guangdong, giovedì ha chiuso più strade e quartieri e ha tenuto le persone a casa poiché le nuove aree sono state ritenute ad alto rischio nella recrudescenza del COVID-19 che è proseguita nella sua quarta settimana .

A Xining, la capitale della provincia del Qinghai, i post sui social media parlavano di carenza di cibo e prezzi gonfiati per i beni di prima necessità mentre le autorità sanitarie nella città di 2,5 milioni di persone si sono affrettate a contenere la ripresa del Covid dopo la settimana di festa nazionale all’inizio di ottobre.

“Per ridurre il rischio di trasmissione, alcuni negozi di frutta e verdura sono stati chiusi e messi in quarantena”, ha detto mercoledì un funzionario del governo di Xining.

L’onere dei casi di coronavirus in Cina è rimasto ridotto rispetto agli standard globali, ma lo sono misure di contenimento molto rigorose contro la variante altamente trasmissibile Omicron. L’onere più pesante per la seconda economia più grande del mondo I mercati finanziari sono stati scossi.

Altre grandi città in tutta la Cina, tra cui Datong e Xi’an, hanno implementato nuove restrizioni questa settimana per frenare l’epidemia locale.

A Pechino, il parco a tema Universal Resort è stato chiuso mercoledì dopo che almeno un visitatore è risultato positivo al coronavirus.

A Zhengzhou, la malattia è scoppiata in una fabbrica che dà lavoro a circa 300.000 persone ed è nota per essere il più grande produttore di iPhone al mondo.

Il Foxconn Technology Group, che gestisce la struttura, ha riconosciuto l’epidemia mercoledì, ma ha affermato che “il funzionamento e la produzione … sono relativamente stabili”.

“Le misure di salute e sicurezza per i dipendenti vengono mantenute”, ha affermato il produttore di elettronica taiwanese, aggiungendo che “forniscono le garanzie necessarie per i mezzi di sussistenza, comprese forniture di materiali, comfort psicologico e reazioni di risposta rapida”.

La società non ha specificato quanti dipendenti sono stati colpiti dall’epidemia, ma ha affermato che si trattava di un “numero piccolo” e che le voci infondate online su decine di migliaia di infezioni erano “chiaramente false”.

“Attualmente, il lavoro di prevenzione dell’epidemia a Zhengzhou sta procedendo costantemente e l’impatto… è controllabile”, si legge nella nota.

La Cina ha ripetutamente promesso di sostenere una risposta di tolleranza zero al Covid-19 e di attuare quelle che le autorità ritengono necessarie per contenere il virus.

Reuters e Agence France-Presse hanno contribuito a questo rapporto

READ  L'opossum neozelandese tiene in ostaggio una donna nella sua casa | Nuova Zelanda