Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La centrale europea alza i tassi di interesse per la prima volta dal 2011 | Banca Centrale Europea

La Banca centrale europea (BCE) prevede di aumentare i tassi di interesse il mese prossimo per la prima volta dal 2011 dopo aver avvertito che l’inflazione aumenterà più del previsto.

Resistendo alle richieste di un aumento dello 0,5% il mese prossimo, il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha affermato che il tasso di base per il blocco valutario a 19 membri aumenterebbe dello 0,25% con un altro, e forse più ampio, aumento previsto per settembre.

Un aumento a luglio aumenterà il tasso di deposito chiave per le banche commerciali da -0,5% e aumenterà il tasso sui prestiti dello 0% verso il tasso ufficiale equivalente della Banca d’Inghilterra dell’1%.

Anche le iniezioni mensili di moneta elettronica nell’economia, note come quantitative easing, saranno interrotte a luglio, sebbene l’attuale stock di prestiti della BCE rimarrà a circa 8 trilioni di sterline, ovvero il 63% del PIL annuale dell’eurozona.

In una riunione ad Amsterdam, il Consiglio direttivo ha affermato che l’inflazione è diventata una “grande sfida” e che le forze inflazionistiche si sono “ampliate e intensificate”.

Secondo la sua ultima previsione, quest’anno l’inflazione sarà in media del 6,8%, ben al di sopra della previsione del 5,1% di marzo, prima di scendere al 3,5% nel 2023 e al 2,1% nel 2024.

I funzionari hanno affermato di essere preoccupati per il fatto che l’invasione russa dell’Ucraina abbia danneggiato “la fiducia, i consumi e gli investimenti”, lasciando la zona euro con prospettive di crescita più deboli.

Interrompe il commercio, porta a carenze di materiali e contribuisce all’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime. La BCE ha affermato che questi fattori continueranno a influenzare la fiducia e a frenare la crescita, soprattutto nel breve termine.

Tuttavia, è improbabile che l’invasione faccia precipitare l’eurozona nella recessione, afferma il rapporto, aggiungendo: “Le condizioni sono mature affinché l’economia continui a crescere a causa della continua riapertura dell’economia, di un mercato del lavoro forte, [government] Sostegno e risparmio accumulato durante la pandemia.

L’inflazione dell’Eurozona è salita a oltre l’8% il mese scorso e potrebbe raggiungere il picco nel terzo trimestre prima di un lento calo previsto dalla Banca centrale europea.

La maggior parte dell’aumento dell’inflazione è stata attribuita ai prezzi estremamente elevati dell’energia. Anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati rapidamente, mentre la crescita dei prezzi core, che filtra la volatilità dei prezzi dei generi alimentari e dei carburanti, è stata ben al di sopra del 2%.

Hetal Mehta, capo economista europeo presso Legal & General Investment Management, ha affermato che esiste un alto rischio che l’eurozona entri in recessione l’anno prossimo.

Iscriviti alla posta quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

Ha affermato che l’Italia sarebbe più vulnerabile a tassi di interesse più elevati dopo aver aumentato il suo rapporto debito/PIL al 160% durante la pandemia.

“La Banca centrale europea si trova in una posizione difficile, con un’inflazione molto alta, un rallentamento della crescita e un inasprimento del mercato del lavoro. Ora stiamo assistendo a rischi di recessione nell’Eurozona fino al 60% nella seconda metà del 2023”, Metha disse.

“Gli alti tassi di interesse della BCE e gli oneri finanziari italiani sollevano interrogativi sulla sostenibilità del debito italiano. Di conseguenza, la BCE dovrà essere più “prevedibile” nell’aumento dei tassi, molto più di quanto abbiamo visto da altre banche centrali come la Federal Reserve o la BCE. Inghilterra”.

READ  Ho soggiornato al Florida Trump Resort pieno di ricchi status symbol