Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La carestia travolge 400.000 persone nella regione etiope del Tigray, con timori di continui combattimenti

Alti funzionari delle Nazioni Unite hanno avvertito il Consiglio di sicurezza che più di 400.000 persone nella regione etiope del Tigray stanno affrontando la fame e c’è il rischio di ulteriori scontri nonostante un cessate il fuoco unilaterale da parte del governo federale.

Dopo sei discussioni private, il Consiglio di sicurezza ha tenuto il suo primo incontro pubblico da quando sono scoppiati i combattimenti a novembre tra le forze governative sostenute dalle truppe della vicina Eritrea e i combattenti del Fronte di liberazione del popolo del Tigray con l’ex partito al governo del Tigray.

L’assistente facente funzione delle Nazioni Unite Ramesh Rajasingham ha detto al consiglio che la situazione umanitaria nel Tigray è “significativamente peggiorata” nelle ultime settimane con un aumento di quasi 50.000 persone nel numero di persone che ora soffrono la fame.

“Alcuni suggeriscono che i numeri sono ancora più alti: 33.000 bambini sono gravemente malnutriti”, ha detto.

Donna anziana che controlla le pillole con le mani in una grande folla
Le Nazioni Unite hanno stimato che 400.000 persone nella regione etiope del Tigray soffrono la fame e 1,8 milioni sono sull’orlo della fame.(

(Foto AP/Ben Curtis)

)

Lunedì il governo etiope ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale, che è stato respinto dal Fronte di liberazione del popolo del Tigray.

Ci sono state segnalazioni di continui scontri in alcuni luoghi mentre aumentavano le pressioni a livello internazionale affinché tutte le parti si ritirassero.

L’ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Linda Thomas Greenfield, ha affermato che il governo etiope deve dimostrare “che intende veramente utilizzare il cessate il fuoco per affrontare la catastrofe umanitaria”.

Ha avvertito che qualsiasi rifiuto di accesso agli aiuti “non è un’indicazione di un cessate il fuoco per motivi umanitari, ma piuttosto di un assedio”.

L’ambasciatore dell’Etiopia alle Nazioni Unite, Tay Atke Selassie Amede, ha detto ai giornalisti dopo essersi rivolto al consiglio che lo scopo del cessate il fuoco era “non imporre un assedio, ma salvare vite”.

Il sig. Amadi ha messo in dubbio la necessità di una riunione pubblica del Consiglio di sicurezza, dicendo all’organismo che era stato annunciato un cessate il fuoco per migliorare l’accesso agli aiuti e “avrebbe dovuto incoraggiare i nostri amici a fornire supporto e ridurre le pressioni inutili”.

forze del Tigray
Il governo etiope ha annunciato un cessate il fuoco unilaterale nella regione del Tigray dopo otto mesi di conflitto.(

Reuters

)

Ha detto che il governo spera che il cessate il fuoco porti all’inizio del dialogo.

Le forze di difesa del Tigray hanno rilasciato ieri una dichiarazione in cui affermano di essere pronte a sostenere le organizzazioni umanitarie nel fornire aiuti salvavita.

La signora Thomas Greenfield ha esortato le parti a “cogliere l’attimo”, avvertendo che in caso di fallimento potrebbero esserci gravi conseguenze per l’Etiopia e il Corno d’Africa.

Rosemary DiCarlo, responsabile degli affari politici e della costruzione della pace delle Nazioni Unite, ha affermato che le forze eritree si sono ritirate nelle aree adiacenti al confine e che le forze della vicina regione di Amhara sono rimaste nelle aree del Tigray occidentale che avevano conquistato.

Caricamento in corso

“In breve, c’è un potenziale per ulteriori scontri e un rapido deterioramento della situazione della sicurezza, che è molto preoccupante”, ha detto al consiglio, esortando il TPLF ad accettare un cessate il fuoco e il completo ritiro delle forze eritree.

Sebbene Russia e Cina non si siano opposte alla riunione pubblica del Consiglio di sicurezza di venerdì sul Tigray, hanno chiarito che ritenevano che il conflitto fosse un affare interno dell’Etiopia.

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite ha dichiarato: “Crediamo che l’intervento del Consiglio di sicurezza per risolverlo sia controproducente”.

Russia e Cina hanno poteri di veto nel Consiglio, insieme a Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna.

Reuters

READ  "Abbiamo capito": la polizia ha finalmente trovato una tigre che è arrivata in un sobborgo del Texas | Houston